Palio di Buti 2018

Vicino a Pisa d’inverno si ripete la magia di un antico palio

21 gennaio 2018

palio-buti-2014
Prodotti acquistabili
Alloggi Transfer

In provincia di Pisa, il 21 gennaio 2018, torna il Palio di Buti, insieme a quello di Siena uno dei più antichi. La corsa si svolge in una delle zone più belle della Toscana, a pochi chilometri dalla meravigliosa Pisa. Buti è, infatti, un delizioso borgo alle pendici del Monte Serra, dove il tempo sembra essersi fermato al Medioevo. Sono il castello medievale, le strade e le mura delle case in pietra a conferire a Buti (Pisa) tutto il suo fascino antico. Fascino che ovviamente viene esaltato ed amplificato nel giorno in cui l’inverno della Toscana viene riscaldato da un evento davvero entusiasmante e coinvolgente: elementi come la competizione sportiva della corsa, il tifo dei contradaioli butesi ed il folklore della rievocazione storica creano un mix davvero imperdibile.

LA STORIA. Il Palio di Buti in Toscana risale al XVII e nasce dall’usanza contadina di benedire gli animali in occasione delle celebrazioni dedicate a S.Antonio Abate. Dalle notizie che si hanno a partire dall’800 erano gli stessi cavalli utilizzati per i lavori nei campi a disputare il palio. Le celebrazioni comprendevano, oltre alla ‘Messa dei cavallai’, un momento conviviale il cui fulcro era la ‘trippa alla Butese’, piatto tipico a base di trippa di manzo, salsicce, carote, fagioli e pomodoro che veniva accompagnata da ampie dosi di vino rosso e acquavite. A Buti il Palio e le sue tradizioni, con qualche interruzione durante i periodi dei conflitti mondiali, sono giunte fino a noi con diversi cambiamenti nelle modalità e nello svolgimento ma senza mai alterare il fulcro di tutto l’evento: la corsa dei cavalli.

PALIO DI BUTI OGGI. La versione del Palio delle contrade di Buti che si svolge ai nostri giorni è fondamentalmente quella che arriva dagli anni ’60. I cavalli dei contadini sono stati sostituiti da altri decisamente più performanti che le contrade assoldano per l’evento insieme al fantino, mentre è stata aggiunta una suggestiva sfilata storica. Si svolge tutti gli anni la prima domenica dopo il 17 gennaio, giorno della festa di Sant’Antonio Abate. Quindi il Palio di Buti per il 2018 si terrà il 21 gennaio anche se, come spesso accade per questo tipo di eventi gli appuntamenti collaterali iniziano molto prima! Se avete la possibilità di trascorrere qualche giorno in più in occasione di questo Palio in Toscana, sappiate per esempio che il sabato prima della corsa, il 13 gennaio, viene organizzata la cena itinerante di Buti. Un evento gastronomico durante il quale tra i vicoli del borgo si potranno assaggiare alcuni dei piatti più gustosi della tradizione locale. Il tutto sarà allietato da musica dal vivo ed anche da una carrozza che girerà per il paese per la gioia di grandi e piccini! Altre cene ed eventi collaterali si susseguiranno nelle contrade durante tutta la settimana che precede quello che, vista la vicinanza con la città della torre pendente, potrebbe essere anche detto il Palio di Pisa! Ma veniamo all’evento ‘clou’ al quale, nel comune di Buti, si lavora alacremente tutto l’anno. Vediamo, dunque, orari e svolgimento della manifestazione per i quali vi consigliamo, comunque, di controllare gli ultimi aggiornamenti sul sito istituzionale dell’evento paliodibuti.org. 

  • Ore 8.00. Si tiene la ‘Messa dei Cavallai’ dopo di che, proprio come nell’antica versione, nelle contrade ma anche nelle varie trattorie si tiene la tradizionale ‘trippata’. In effetti, anche se si tratta delle famosa Trippa di Buti, di prima mattina questo piatto potrebbe sembrare un azzardo! Del resto tutte le antiche tradizioni hanno sempre una loro spiegazione: questo piatto pesantuccio accompagnato a del buon vino, per esempio, vi aiuterà a sopportare meglio l’aria frizzante della giornata che passerete all’aperto. 
  • Ore 10.30. Inizia la sfilata storica in costume che attraversa le vie principali del paese. Il gruppo di ognuna della contrade del palio di Buti, preceduto dal cavallo e dal fantino che gareggeranno di lì a poche ore, confluiscono davanti alla Pieve ed ognuna dà luogo alla propria rievocazione storica. Saranno tutte giudicate da un’apposita commissione che decreterà, anche in questo caso, la contrada vincitrice premiando il lavoro di un anno intero. 
  • Ore 14.00: finalmente iniziano le operazioni che porteranno all’evento che in tutta Buti, nel Comune e nelle zone vicine, si aspetta tutto l’anno. Il palio in Toscana è sempre una cosa seria e non certo solo quello di Siena, anche in questo piccolo paesino delle Colline Pisane le tradizioni vengono rispettate ed il tifo è quello delle grandi occasioni. Ma come si svolge? Anche nel Palio di Buti le contrade sono il cuore ed il motore dell’evento e ve ne partecipano sette: Francesco, San Nicolao, la Croce, Pievania, Ascensione, San Rocco e San Michele. La sera prima vengono sorteggiate le contrade che si sfideranno nelle diverse corse dette ‘batterie’. In ognuna di queste fasi si sfideranno tre contrade delle sette totali, mentre la settima detta ‘la Signora’ per il privilegio regalatole dalla dea bendata, sfiderà direttamente i vincitori delle batterie precedenti in quella finale che decreterà il vincitore. Per quanto riguarda il Palio di Buti il percorso è detto ‘alla romana’ cioè non è circolare ma parte da un punto del paese ed arriva ad un altro secondo un tracciato di circa 700 m che ha la forma di una ‘S’ allungata e che viene ricoperto da circa 40 cm di sabbia mescolata a tufo. Il vincitore si aggiudica il palio o ‘cencio’, il classico drappo dipinto da artisti famosi, e lo porta in trionfo nella propria contrada dove si dà il via a festeggiamenti particolarmente vivaci.

 

Il palio di Buti 2017 è stato vinto dalla Contrada de La Croce: se volete sapere a chi toccherà quest’anno, bisognerà proprio che vi organizziate per passare qualche giorno in Toscana! La soluzione migliore è prenotare uno dei nostri hotel a Pisa e, visto che fate base lì, perché non approfittare di qualcuno dei nostri tour nella città della Torre Pendente?

 

A cura della redazione di Insidecom