‘Kandinsky Color Experience’ a Montecatini Terme

Una fantastica esperienza immersiva attraverso le tappe dell’arte del grande pittore russo

Dal 15 settembre 2018 al 13 gennaio 2019

Kandinsky-Experience
Prodotti acquistabili
Transfer Tour & Attività

Dal 15 settembre 2018 al 13 gennaio 2019 la splendida cornice liberty delle Terme Tamerici di Montecatini (PT) ospita la coinvolgente mostra d’arte multimediale ‘Kandinsky Color Experience’. Si tratta di una vera e propria esperienza immersiva resa possibile dalle più moderne tecnologie di realtà virtuale, proiezione e video-mapping, il tutto supportato da una meravigliosa colonna sonora. La mostra di Kandinsky di Montecatini vi permetterà veramente di ‘entrare dentro’ le opere di Kandinsky, di muovervi tra le pennellate ed addirittura di interagire con alcuni elementi dei quadri del grande artista russo. Un’esposizione caratterizzata da un linguaggio moderno che saprà stupire chi è abituato ad eventi più tradizionali, ma che saprà attirare anche la curiosità dei più giovani. Insomma se viaggiate con ragazzi al seguito, i dipinti di Kandinsky così presentati assomigliando ai video che vedono sui loro smartphone, li coinvolgeranno più di qualsiasi altra mostra ‘statica’. Il valore aggiunto di questa mostra è anche la splendida location: a Montecatini le Terme di Tamerici sono, infatti, uno dei simboli stessi della storia di questa deliziosa cittadina termale.

 

LA MOSTRA

La Mostra a Montecatini sul grande Kandinski si propone di accompagnarvi in un viaggio attraverso l’evoluzione artistica del grande maestro che partendo da una pittura tradizionale si trasformerà in uno dei massimi esponenti dell’astrattismo. Il percorso espositivo inizia con alcuni d’après de ‘La Dama di Mosca’, una tela di Kandinsky del 1912. Si tratta di rielaborazioni eseguite dai migliori allievi del Prof. Gianpaolo Berto dell’Accademia delle belle Arti di Roma. Si prosegue con alcuni pannelli didattici ed alcune opere proposte attraverso la tecnologia del projection mapping. In questa parte del percorso espositivo potrete osservare l’evoluzione dell’arte di Kandinsky: le trasformazioni dei soggetti tradizionali in una visione decisamente più immaginifica, il passaggio dai paesaggi figurativi all’astrazione geometrica, dai primi esperimenti di espressionismo fino alla Bauhaus. A questo punto la mostra immersiva di Kandinsky prosegue con quelle che potrebbero essere definite come installazioni. Nel primo caso, sulle pareti della sala delle Tamerici di Montecatini vengono proiettate le forme geometriche ed i colori caratteristici del grande maestro. A tutto questo è legato anche un breve percorso sensoriale che coinvolgerà non solo la vista ma anche il tatto e l’udito. Nella seconda installazione le immagini sono proiettate a terra dando l’idea della visione al microscopio. Una grande proiezione centrale su uno schermo curvo ripercorre le tappe che portano dai temi figurativi, all’astrattismo e poi al biomorfismo. Il vostro viaggio nell’arte di Kandinsky tra i dipinti che lo hanno reso famoso sarà accompagnato anche dalle meravigliose musiche di M. Mussorgsky ed in particolare quelle tratte dall’opera ‘Quadri per un’esposizione’ messa in scena nel 1928. Non si tratta solo di una scelta legata alla coerenza cronologica, ma quasi una citazione, visto che il pittore russo creò per questa rappresentazione alcuni scenari astratti. Alla fine del percorso espositivo della mostra di Kandinsky 2018 sarete sorpresi, come nei migliori spettacoli, da un vero e proprio gran finale: sarete immersi a 360° nella realtà virtuale, in questa suggestiva dimensione saranno presenti alcuni elementi pittorici che magicamente si animeranno e con i quali potrete addirittura interagire.

 

LA LOCATION

Gli eventi a Montecatini sono un ottimo pretesto per visitare questa incantevole cittadina termale famosa anche per i suoi edifici liberty. La Palazzina delle Terme Tamerici dove è ospitata la mostra d’arte immersiva di Kandinsky è sicuramente uno di questi gioielli e la sua storia risale al 1800. La sorgente termale, proprietà della famiglia Schmitz, fu scoperta per la precisione nel 1843. Nel 1897 fu affidata al consorzio privato delle nuove Terme di Montecatini che all’interno di un progetto più ampio di ammodernamento dei vari stabilimenti nel 1909 ricostruì interamente le Tamerici di Montecatini Terme grazie ad un progetto di Giulio Bernardini e Ugo Giusti. In particolare è l’apporto di Galileo Chini, pittore, scultore, decoratore e ceramista al quale si deve la sala che porta il suo nome: la splendida sala Chini.

Allora siete pronti ad immergervi nell’arte di Kandinsky a Montecatini? Non vorrete mica farvi sfuggire l’occasione di sperimentare nuove tecnologie come il project-mapping, il 4d, gli schermi curvi o la leap motion? E ugualmente non vorrete certo rinunciare al fascino liberty delle Terme di Tamerici, vero? Non avete scampo, né scuse, la mostra di Kandinsky a Montecatini è davvero imperdibile! Quindi, come si suol dire, bando alle ciance e programmate il vostro week end in Toscana o, perché no, anche un soggiorno più lungo. Del resto Montecatini in Toscana ha una posizione davvero invidiabile per esplorare tutta la regione: è vicinissima a quella perla medievale che è Pistoia e anche alla suggestiva Lucca mentre in poco tempo potrete raggiungere anche Pisa! E Firenze? Dista solo 50 km da Montecatini, impossibile non farci un salto. Per ottimizzare al meglio i vostri tempi vi consigliamo di prenotare uno dei nostri tour a Firenze che includono biglietti salta la fila così godervi le meraviglie della città gigliata senza inutili sprechi di tempo. Che ne dite allora delle nostre proposte per una fuga d’arte in Toscana? Stuzzicanti vero? Perfetto, allora ci vediamo a Montecatini alla mostra di Kandinsky!

 

Il Comune di Montecatini, Nuovo Teatro Verdi e Terme Montecatini, sono lieti di presentare 'Kandinsky Color Experience'.

Location: Stabilimento Termale Tamerici - viale Tamerici, 69 - Montecatini Terme (PT)

Mostra Kandkinsky orari: da lunedì a giovedì 9.00-13.00 e 15.00-18.00 / Venerdì e sabato 9.00 -22.00

 

A cura della redazione di Insidecom