A Collodi 'Pinocchio esce dalla fiaba'

Al Parco di Pinocchio 32 originali scatti dedicati al burattino più famoso del mondo

Dal 16 settembre 2016 al 31 maggio 2017

Prodotti acquistabili
Transfer Alloggi

'Pinocchio esce dalla fiaba': niente paura, nessuna marcia indietro del burattino! È semplicemente il nome della mostra allestista al Parco Collodi di Pescia (Pistoia) e aperta al pubblico fino al 31 maggio 2017.
Aldo Fallai, fotografo toscano di fama internazionale e autore - per circa trent'anni - degli scatti per i prodotti e le collezioni dello stilista Giorgio Armani, firma, insieme a Luigià Salvioli (presidente di Oltrelamoda Immagine e Comunicazione Srl) questo interessante progetto, il quale vede, per la prima volta in assoluto, la realizzazione di un servizio fotografico interamente dedicato alle Avventure di Pinocchio a Collodi!

La mostra è stata inaugurata il 16 settembre: dopo una settimana di duro lavoro svolto a Collodi e nella Svizzera Pesciantina, ovvero nei luoghi del racconto, sono 32 le foto su Pinocchio e sugli altri personaggi della famosa novella, scelte su un totale di circa 80 scatti. Il taglio stilistico delle immagini vuole rendere attuale la natura iconica del personaggio ideato nel 1881 da Carlo Lorenzini (noto con lo pseudonimo di Collodi) e, al contempo, mantenere vivo il concetto di 'favola'.

'Pinocchio esce dalla fiaba' è un progetto fortemente legato al territorio e un'ottima occasione per promuovere la Toscana in Italia e all'estero, una regione unica per il suon immenso patrimonio artistico, culturale, paesaggistico ed enogastronomico. Ed ecco che il simpatico burattino di legno che si trasforma in un bimbo vero, diventa simbolo dell'eccellenza artigiana toscana, in grado di rendere 'viva' la materia inanimata. 

Nell'ottica del 'made in Tuscany', i protagonisti degli scatti sono stati selezionati sul territorio pratese e pesciantino mentre trucco e parrucco sono stati affidati alla storica ditta FIlistrucchi di Firenze, nove generazioni di professionisti e di artigiani a servizio dell'immagine e del teatro: dal 1720 ad oggi, questa storica azienda ha collaborato con i più grandi teatri di tutto il mondo, dalla Scala di Milano al Metropolitan di New York.
Nel cast, un'ospite d'eccezione, Antonia Dell'Atte, storica modella e musa ispiratrice di Armani che, nelle foto esposte in questa mostra su Pinocchio, vestirà i panni di una splendida Fata Turchina.  

Vale la pena di spendere ora qualche parola sulla location scelta per questa grande esposizione, location che dà ancor più forza al progetto: il Parco di Pinocchio, pronto a festeggiare 60 anni di vita.
Nato dal libro 'Le avventure di Pinocchio', questo luogo favoloso offre rilassanti passeggiate tra natura, arte e architettura in grado di farvi rivivere le peripezie del burattino di legno più amato nel mondo.
L'autore del libro è lo scrittore e giornalista fiorentino Carlo Lorenzini, nome d'arte Carlo Collodi: Pinocchio nacque per caso e nessuno, nemmeno lui stesso, avrebbe potuto prevederne l'enorme successo anzi… si narra che venne scritto in una sola notte per pagare debiti di gioco.
Proprio nel borgo di Collodi in Toscana, Lorenzini trascorse la sua infanzia e, un po' per amore del luogo un po' per stare vicino alla famiglia materna, vi tornò in età adulta: visitando il Parco potrete ricordare un bel libro o magari farlo scoprire ai vostri figli: la lettura, il gioco e l'arte e la fantasia rendono la vita più bella!

A Collodi, il Parco di Pinocchio aprì i cancelli al pubblico nel 1956 e da allora, sono più di 7 milioni i visitatori provenienti da tutto il mondo che l'hanno esplorato. Pur crescendo ed evolvendosi per stare al passo coi tempi, il Parco è riuscito a restare fedele al libro, tanto amato da grandi e piccini. E così, camminando tra i vari sentieri immersi nel verde, troverete ancora il percorso con i mosaici, piccole costruzioni e statue presenti nei vari episodi della novella, così come l'Osteria del Gambero Rosso - dove Pinocchio si fermò a mangiare in compagnia del Gatto e la Volpe - dal 1963 ristorante ufficiale del Parco.
Ad impreziosire l'itinerario, il Museo di Pinocchio con le sue mostre di collezione, d'illustrazione, d'arte, di scenografie teatrali e costumi dedicate al dolce burattino e la Biblioteca Virtuale di Pinocchio dove, grazie ad un grazie a grandi schermo touch-screen potrete curiosare tra le tante immagini selezionate da 100 edizioni delle 'Avventure di Pinocchio' pubblicate in tutto il mondo da 1883 fino ad oggi. Ma non è tutto: gli spettacoli di burattini, i laboratori Gioco e Imparo e le antiche giostre, faranno vi faranno vivere un'esperienza assolutamente indimenticabile!

Così come il libro, anche il Parco di Pinocchio ha avuto un avvio modesto, ma grazie alle sue basi culturali e all'entusiasmo dei tanti bimbi che l'hanno amato, ha avuto via via maggior successo fino a diventare, oggi, famoso e apprezzato in tutti il mondo.

Sullo sfondo delle foto esposte in questa mostra, vedrete anche il Museo della Carta, dove Aldo Fallai ha realizzato gli scatti di Geppetto nella pancia della balena, dei giudici e della Fata Turchina. 

Dal 16 settembre 2016 al 31 maggio 2017 non perdete 'Pinocchio esce dalla fiaba', una tra le più originali mostre fotografiche in Toscana oggi… sarà divertente tornare un po' bambini! Tra i libri più diffusi nel mondo - secondo solo al Piccolo Principe - e tradotto in ben 240 lingue, Pinocchio di Carlo Collodi esce dalla pagine del libro per diventare prezioso testimonial della Toscana, dove la cultura del fare si intreccia armoniosamente con la bellezza da vivere.

 

PISTOIA MOSTRE è lieta di presentare 'Pinocchio esce dalla fiaba' 

Date: dal 16 settembre 2016 al 31 maggio 2017 

Location: Parco di Pinocchio - Collodi (Pt)

A cura della redazione di Insidecom