Aneddoti & Curiosità

Viva la pappa col pomodoro!

Tradizioni popolari
Pappa_pomodoro

Viva la pappa col pomodoro!

‘Viva la pa-pa-pappa col po-po-po-po-po-po-pomodoro, Ah viva la pa-pa-pappa che è un capo-po-po-po-polavoro, Viva la pa-pappa pa-ppa Col po-po-pomodor’: così cantava una giovanissima Rita Pavone nella sua indimenticabile interpretazione di Giannino il protagonista del ‘Diario di Giamburrasca’ trasformato in ‘sceneggiato’ con la Regia di Lina Wertmüller e le musiche di Nino Rota. Sapete chi era l’autore del libro? Era il fiorentiniaimo Luigi Bertelli in arte Vamba.

Dev’essere per le sue origini toscane che lo scrittore ha inserito nella trama la famosa scena nella quale il terribile Giannino ottiene che alla mensa, al posto delle pietanze poco saporite, venga servita anche la pappa con il pomodoro. E come dargli torto! Come non essere felici davanti ad un piatto tanto semplice quanto gustoso. Perfetto in tutte le stagioni… una vera prelibatezza.

La pappa al pomodoro è un piatto semplice, nato per riciclare gli avanzi di pane ormai duro. Gli ingredienti sono pochi e facilmente reperibili: prima di tutto il pane raffermo rigorosamente toscano e quindi ‘sciocco’, cioè senza sale. A questo si aggiungono i pomodori freschi d’estate o quelli pelati d’inverno. Ovviamente il sapore di quelli freschi e maturi conferisce al piatto tutto un altro sapore.  Si aromatizza con sale, pepe e basilico e si condisce con olio d’oliva. Anche la preparazione è semplicissima: si taglia il pane e lo si mette in una pentola con i bordi alti, poi si aggiungono i pomodori. Quelli freschi vanno sbollentati, sbucciati, privati dei semi e tagliati a pezzi. A questo punto si bagna con acqua o se volete con brodo vegetale.  Girando si cerca di sbriciolare il pane e il tutto sarà pronto quanto il pane sarà sfaldato e ridotto, appunto, ad una pappa. E’ un piatto che si può mangiare caldo d’inverno e freddo d’estate. Può fungere da primo ma anche da antipasto. C’è poco da fare ‘la pappa l’è sempre bona’! Vi è piaciuta la ricetta? Volete conoscerne altre? Allora dovete assolutamente regalarvi il nostro corso di cucina toscana a Firenze con degustazione finale!

 

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Pistoia: I confetti di Pistoia hanno conquistato anche Zeffirelli!

confetti pistoia
Lo sapevate che...

I confetti di Pistoia son proprio una prelibatezza anche se a vederli sono un po’ buffi! Sono bianchi ed hanno una forma davvero part...

Vedi

Lucca: Lucchio: il paese invisibile vicino a Lucca.

lucchio-1
Opere e luoghi poco noti

C’è un paesino invisibile in Toscana. Si chiama Lucchio e si trova proprio a strapiombo sulla valle del fiume di Lima, uno degli aff...

Vedi

Firenze: Fare un giro pesca.

GIRO PESCA
Modi di dire

Da quando sono iniziati i lavori per la tranvia tutto le volte che i fiorentini devono andare da qualche parte devono ‘fare un giro p...

Vedi

Arezzo: Il 'Green Man' di Arezzo

pieve-gropina-30
Misteri & Leggende

Se leggendo avete pensato agli alieni siete fuori strada. Non stiamo parlando degli ‘omini verdi’ che ogni tanto vengono avvistati ...

Vedi

I post più letti

Arezzo: Guido d'Arezzo e l'invenzione della musica

Guido-d-Arezzo
Presenze illustri

A Talla e dintorni non hanno dubbi: è nato proprio nel loro piccolo paesino in provincia di Arezzo, intorno al 922 d.C., l'inventore d...

Vedi

Pistoia: Il Bacio dei Cristi a Gavinana

Il-bacio-dei-cristi
Tradizioni popolari

E' un rito molto antico ma ancora in uso. Due grandi processioni che si incontrano, davanti ad ognuna un Cristo in croce: le teste dei ...

Vedi

Siena: Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Piero-Carbonetti
Tradizioni popolari

Sovversivo, perseguitato, anarchico, clochard, sognatore: è davvero difficile definire Piero Carbonetti, toscanaccio doc e garibaldino...

Vedi

Pisa: Kinzika, la giovane donna che salvò Pisa dai Saraceni

Kinzika
Tradizioni popolari

Fu veramente lei, una giovane donna dal nome arabeggiante, Kinzica appunto, della nobile famiglia dei Sismondi, a salvare Pisa dal sacc...

Vedi