Aneddoti & Curiosità

Viene da Firenze ‘L’urlo’ di Munch?

Lo sapevate che...
Urlo_Munch

Viene da Firenze ‘L’urlo’ di Munch?

L’urlo’ di Munch è probabilmente uno dei quadri più famosi e più conosciuti al mondo. Fu dipinto nel 1893 e, come scrisse l'artista stesso, fu ispirato dalla sensazione di angoscia e paura provocata da un tramonto. Mi immagino che tutti l’abbiate ben presente: in primo piano c’è una figura umana con le mani al volto che urla, un urlo che trasmette stupore, paura angoscia. Sensazioni amplificate anche dalla linee curve e distorte del paesaggio che non ha niente di reale.

I critici dell’arte hanno sempre riportato che per raffigurare l’angosciosa posa dell’uomo che urla, Munch si sarebbe ispirato ad una mummia che si trova a Parigi al ‘Musèe de l’homme’. A guardarla bene però c’è qualcosa che non torna. Infatti l’espressione (per quanto si possa parlare d’espressione nel caso di una mummia) è diversa e le mani portate al volto non sono stese ma chiuse in un pugno. Infatti non è questa la mummia alla quale Edward Munch si è ispirato!

Quella che ha dato l’idea al pittore per l’espressione e la postura si trova infatti al Museo di Paleontologia ed Antropologia di Firenze.  Se guardate la foto qui a lato vi accorgerete che è davvero uguale! Si, lo so il soggetto non è dei più accattivanti e fa un po’ senso, ma non potevamo non mostrarvelo! Fatevi coraggio e dateci un occhio: la posizione delle mani, allungate ed appoggiate lungo il volto è identica, anche la leggera inclinazione della testa verso sinistra si ritrova nel dipinto di Munch! E che dire dell’espressione che esprime lo stesso misto di stupore, paura e angoscia? Vi state chiedendo come sia possibile? Semplice: il pittore svedese soggiornò spesso a Fiesole e Firenze ed avrà sicuramente avuto l’occasione di vedere quella mummia che, evidentemente, gli è rimasta impressa.  Se avete guardato l’immagine a lato senza troppi problemi e se i misteri ed i brividi vi intrigano, allora vi consigliamo il nostro 'Tour Firenze da paura': storie noir e fantasmi per scoprire una città, è il caso di dirlo…. da urlo!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Siena: Ghino di Tacco: il Robin Hood di Radicofani

Ghino_di_Tacco
Curiosità storiche

Anche noi in Toscana, abbiamo il nostro Robin Hood, non sarà famoso come quello della foresta di Sherwood, ma figura comunque tra i pe...

Vedi

Lucca: E’ vicino a Lucca il teatro più piccolo del mondo!

Teatrino_Vetriano
Lo sapevate che...

Sapete dove si trova il teatro più piccolo del mondo? Secondo il Guinness World Records Book per scovarlo bisogna andare a Vetriano, u...

Vedi

Firenze: Antonio Magliabechi: una vita per i libri

Antonio_Magliabech
Curiosità storiche

La Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, in Piazza Cavalleggeri, è uno dei poli librari più importanti d’Italia con un patrimon...

Vedi

Lucca: La misteriosa storia di Lucida Mansi

Lucida_Mansi
Misteri & Leggende

Il fantasma di Lucida Mansi è uno dei più celebri della Toscana tant’è che uno dei personaggi principali che si aggirano per Borgo...

Vedi

I post più letti

Arezzo: Guido d'Arezzo e l'invenzione della musica

Guido-d-Arezzo
Presenze illustri

A Talla e dintorni non hanno dubbi: è nato proprio nel loro piccolo paesino in provincia di Arezzo, intorno al 922 d.C., l'inventore d...

Vedi

Pistoia: Il Bacio dei Cristi a Gavinana

Il-bacio-dei-cristi
Tradizioni popolari

E' un rito molto antico ma ancora in uso. Due grandi processioni che si incontrano, davanti ad ognuna un Cristo in croce: le teste dei ...

Vedi

Siena: Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Piero-Carbonetti
Tradizioni popolari

Sovversivo, perseguitato, anarchico, clochard, sognatore: è davvero difficile definire Piero Carbonetti, toscanaccio doc e garibaldino...

Vedi

Pisa: Kinzika, la giovane donna che salvò Pisa dai Saraceni

Kinzika
Tradizioni popolari

Fu veramente lei, una giovane donna dal nome arabeggiante, Kinzica appunto, della nobile famiglia dei Sismondi, a salvare Pisa dal sacc...

Vedi