Aneddoti & Curiosità

Vanni Fucci il ladro di Pistoia

Curiosità storiche
Vanni_Fucci

Vanni Fucci il ladro di Pistoia

Se leggendo il titolo state cercando di ricordare qualche fatto di cronaca che riguardasse questo Vanni Fucci siete fuori strada! Bisogna infatti tornare molto più indietro dei giorni nostri e scomodare addirittura il sommo poeta’ Dante Alighieri. Vanni Fucci è infatti uno dei personaggi inserito nell’Inferno dantesco. Effettivamente per Pistoia non è una bella pubblicità ma ormai c’è poco da fare, tra i tanti personaggi di questa città Dante fu colpito proprio dal Fucci! Ecco come viene presentato nel XXIV canto:

Io piovvi di Toscana, poco tempo è, in questa gola fiera
Vita bestial mi piacque e non umana, sì come a mul ch’i’ fui; son Vanni Fucci
bestia, e Pistoia mi fu degna tana. 

Non c’è che dire, la reputazione non era delle migliori: era considerato addirittura, una bestia, un mulo! Ma cosa aveva rubato Vanni Fucci per essere inserito nella bolgia dei ladri? Era stato accusato di Simonia per aver rubato arredi sacri ed altri oggetti nella Cattedrale di Pistoia. Sul furto ci sono tante storie ed ipotesi! Sembra che fosse nato da una notte di ‘bisboccia’ con altri due amici Vanni della Monna e Vanni Mironne, tant’è che fu detto anche il furto dei tre Vanni. Un’altra ipotesi è che Fucci più che agli arredi fosse interessato ad alcuni testi d’archivio che riportavano le sue malefatte e che forse avesse voluto sottrarle o alterarle.

In un modo o in un altro Dante lo mette tra le anime dannate, nella settima bolgia, dove per la legge del contrappasso sono inseguite da serpenti. E’ probabile, inoltre, che Vanni Fucci abbia ricevuto un simile trattamento da Dante, perché appartenendo alla fazione dei Guelfi Neri, sarebbe stato un suo avversario politico. Bene parlando di Dante forse vi sarà venuto in mente il libro di Dan Brown che come sapete in alcune sue parti si svolge proprio a Firenze. Che ne dite di prenotare il nostro tour 'Inferno' di Dan Brown e vivere in prima persona l’avventura di Robert Langdon?

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Firenze: Chi ha inventato la bistecca alla fiorentina?

bistecca
Tradizioni popolari

La bistecca fiorentina è la regina indiscussa della gastronomia toscana. Con l’osso, rigorosamente al sangue e del peso di circa un ...

Vedi

Toscana: Ferdinando Innocenti: l’inventore della Lambretta

Lambretta
Presenze illustri

Che la Toscana sia una terra d’inventori non ci sono dubbi. Basti pensare a Leonardo da Vinci! Anche Ferdinando Innocenti è uno di q...

Vedi

Firenze: E’ nato a Firenze il Negroni!

Negroni
Lo sapevate che...

In tempi nei quali Mojito e Moscow Mule imperversano tra gli aperitivi, ci sono cocktail classici che hanno resistito imperterriti al p...

Vedi

Toscana: Mangiare a ‘ufo’.

mangiare a ufo
Modi di dire

Se andate in Toscana può anche darsi che vi capiti di mangiare a ufo.  Sapete cosa significa? Tranquilli,  gli omini verdi e...

Vedi

I post più letti

Arezzo: Guido d'Arezzo e l'invenzione della musica

Guido-d-Arezzo
Presenze illustri

A Talla e dintorni non hanno dubbi: è nato proprio nel loro piccolo paesino in provincia di Arezzo, intorno al 922 d.C., l'inventore d...

Vedi

Pistoia: Il Bacio dei Cristi a Gavinana

Il-bacio-dei-cristi
Tradizioni popolari

E' un rito molto antico ma ancora in uso. Due grandi processioni che si incontrano, davanti ad ognuna un Cristo in croce: le teste dei ...

Vedi

Siena: Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Piero-Carbonetti
Tradizioni popolari

Sovversivo, perseguitato, anarchico, clochard, sognatore: è davvero difficile definire Piero Carbonetti, toscanaccio doc e garibaldino...

Vedi

Pisa: Kinzika, la giovane donna che salvò Pisa dai Saraceni

Kinzika
Tradizioni popolari

Fu veramente lei, una giovane donna dal nome arabeggiante, Kinzica appunto, della nobile famiglia dei Sismondi, a salvare Pisa dal sacc...

Vedi