Aneddoti & Curiosità

Troppa grazia Sant’Antonio: l’origine del detto nato a Firenze

Modi di dire
Troppa_grazia_sant_antonio

Troppa grazia Sant’Antonio: l’origine del detto nato a Firenze

Non abbiamo sbagliato, lo sappiamo benissimo che quando si parla di Sant’Antonio si pensa subito a Padova! Noi però stiamo parlando di un altro Sant’Antonio e precisamente di quello di Firenze. Chi era? Al secolo si chiamava Antonio Pierozzi, fondò il Convento di San Marco e l’Associazione dei Bonomini di San Martino, successivamente diventò vescovo di Firenze intorno alla metà del XII secolo.

Per via della sua corporatura esile e minuta viene spesso ricordato come ‘Sant’Antonino’ e le cronache del tempo raccontano di un personaggio importante per la città ma allo stesso tempo vicino alla gente con la quale aveva un contatto molto stretto. Riceveva nella sua abitazione di Via dello Studio al numero 11, come ancora oggi ricorda una lapide con la sua effige, e chi aveva bisogno andava da lui per chiedere consigli più o meno spirituali, aiuti e grazie. Proprio per questo era soprannominato anche ‘Antonio dei consigli’.

Fu così che al numero 11 di Via dello Studio si recò anche un certo Dante Petti con la moglie Marietta. Il problema per il quale si rivolsero a ‘Sant’Antonino’ era che non riuscivano ad avere un figlio. Si recarono diverse volte dal Vescovo ed ad un certo punto lui li informò che il tanto atteso figlio stava per arrivare. Dopo poco, in effetti, Marietta si accorse di essere incinta e con grande gioia festeggiarono l’arrivo di quel figlio tanto desiderato. Festeggiarono poi l’arrivo anche del secondo, del terzo, del quarto, del quinto e persino del sesto! Fu forse a quel punto che Dante, felice ma preoccupato per la tante bocche da sfamare pronunciò la famosa frase ‘Troppa grazia Sant’Antonio’.

Avete visto, anche questo detto molto comune che si utilizza quando si riceve più di quanto desiderato viene proprio da Firenze. Avete voglia di conoscere altre curiosità su questa città tutta da scoprire? Consultate la nostra sezione Firenze insolita e troverete tanti spunti originali per visitarla.

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Firenze: Chi ha inventato la bistecca alla fiorentina?

bistecca
Tradizioni popolari

La bistecca fiorentina è la regina indiscussa della gastronomia toscana. Con l’osso, rigorosamente al sangue e del peso di circa un ...

Vedi

Toscana: Ferdinando Innocenti: l’inventore della Lambretta

Lambretta
Presenze illustri

Che la Toscana sia una terra d’inventori non ci sono dubbi. Basti pensare a Leonardo da Vinci! Anche Ferdinando Innocenti è uno di q...

Vedi

Firenze: E’ nato a Firenze il Negroni!

Negroni
Lo sapevate che...

In tempi nei quali Mojito e Moscow Mule imperversano tra gli aperitivi, ci sono cocktail classici che hanno resistito imperterriti al p...

Vedi

Toscana: Mangiare a ‘ufo’.

mangiare a ufo
Modi di dire

Se andate in Toscana può anche darsi che vi capiti di mangiare a ufo.  Sapete cosa significa? Tranquilli,  gli omini verdi e...

Vedi

I post più letti

Arezzo: Guido d'Arezzo e l'invenzione della musica

Guido-d-Arezzo
Presenze illustri

A Talla e dintorni non hanno dubbi: è nato proprio nel loro piccolo paesino in provincia di Arezzo, intorno al 922 d.C., l'inventore d...

Vedi

Pistoia: Il Bacio dei Cristi a Gavinana

Il-bacio-dei-cristi
Tradizioni popolari

E' un rito molto antico ma ancora in uso. Due grandi processioni che si incontrano, davanti ad ognuna un Cristo in croce: le teste dei ...

Vedi

Siena: Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Piero-Carbonetti
Tradizioni popolari

Sovversivo, perseguitato, anarchico, clochard, sognatore: è davvero difficile definire Piero Carbonetti, toscanaccio doc e garibaldino...

Vedi

Pisa: Kinzika, la giovane donna che salvò Pisa dai Saraceni

Kinzika
Tradizioni popolari

Fu veramente lei, una giovane donna dal nome arabeggiante, Kinzica appunto, della nobile famiglia dei Sismondi, a salvare Pisa dal sacc...

Vedi