Aneddoti & Curiosità

Storia dei ‘Bischeri’ di Firenze

Modi di dire
Bischeri

Storia dei ‘Bischeri’ di Firenze

Bischero è sicuramente una delle parole toscane più conosciute. Dare del ‘bischero’ a qualcuno significa descriverlo come una persona molto ingenua, buona a nulla e decisamente poco furba. Non è certo un complimento, ma può essere anche usato in modo bonario.  Non di rado tra amici ci si dà un pacca sulla spalla dicendo ‘tu se’ proprio bischero’ senza per questo offendere l’altra persona. Insomma tutto dipende dal tono e dal contesto.  Detto questo, vi siete mai chiesti da dove deriva questa parola? Per saperlo bisogna tornare un po’ indietro nel tempo, addirittura al medioevo.

Alla fine del XIII sec.  una delle famiglie più ricche di Firenze era quella dei Bischeri. A quei tempi, dunque,  questa parola si associava alla ricchezza di una casata alla quale appartenevano ricchi possidenti, abili mercanti ed anche personaggi pubblici di spicco come ben 15 priori e 4 gonfalonieri. Quando è stato dunque che il nome di questa famiglia così importante ha assunto un’accezione così negativa da costringerli addirittura a cambiarlo?

Tutto cominciò verso la fine del 1200 quanto a Firenze si decise di costruire una nuova cattedrale.  Per la precisione la prima pietra fu posata l’8 Settembre 1296. Siccome l’edificio sarebbe stato davvero enorme, il comune deliberò l’acquisto dei terreni che si trovavano nel perimetro interessato dall’imponente costruzione. Le proprietà dei Bischeri erano concertate proprio in quell’area, tra Piazza del Duomo e Via dell’Oriolo, come testimonia ancora oggi una targa con scritto ‘Canto dei Bischeri’. Per cercare di guadagnare il più possibile dalla vicenda iniziarono una lunga ed estenuante trattativa con il governo di Firenze. Probabilmente tirarono troppo la corda ed alla fine i terreni e le relative case furono espropriate per pochi fiorini.

C’è anche una versione più ‘fantasiosa’ seconda la quale le case ed i terreni furono bruciate e rase al suolo. In entrambi i casi, come si suol dire, rimasero con un pugno di mosche.  Fu in allora infatti che iniziò il declino della facoltosa famiglia che fu addirittura costretta a fuggire da Firenze per la vergogna. Vi ritornarono solo nel ‘500 ma, visto che ormai il termine bischero era già diventato sinonimo di poca furbizia e stupidità, decisero di assumere un nuovo cognome che non ricordasse quella triste vicenda. Devono aver pensato proprio di scegliere un nome che fosse di buon auspicio perché decisero di chiamarsi ‘Guadagni’. Decisamente meglio che Bischeri!

Quanti misteri e segreti si celano fra gli edifici e le vie della meravigliosa città gigliata? Volete scoprirne altri? Non c’è problema: abbiamo, come sempre la soluzione perfetta per voi! Prenotate la nostra intrigante ‘Visita guidata privata tra i segreti di Firenze’. I racconti delle nostre guide vi lasceranno davvero a bocca aperta!

 

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Toscana: Senza lilleri un si lallera!

Senza_lilleri
Modi di dire

Se avete già letto qualche altre aneddoto sui modi dire toscani avrete ormai capito che nella terra di Dante non esiste un vero e prop...

Vedi

Pisa: Il fantasma di Galileo: Ghostbusters all’opera in Piazza dei Miracoli!

Fantasma_Galielo
Misteri & Leggende

Anche il grande Galileo Galilei era toscano. Di Pisa per la precisione, dove all’Università studiò medicina prima di dedicarsi alla...

Vedi

Lucca: Santa Zita ed il miracolo dei legumi

Santa-Zita
Misteri & Leggende

In Italia abbiamo un Santo che protegge chi si impegna in qualsiasi professione. Santa Zita, uno dei personaggi più amati dai lucchesi...

Vedi

Firenze: Perché a Firenze la tuta la chiamano ‘toni’?

Tuta_toni
Modi di dire

In Toscana non abbiamo un vero e proprio dialetto, ma basta spostarsi di poco per trovare modi di dire diversi da una zona all’altra....

Vedi

I post più letti

Arezzo: Guido d'Arezzo e l'invenzione della musica

Guido-d-Arezzo
Presenze illustri

A Talla e dintorni non hanno dubbi: è nato proprio nel loro piccolo paesino in provincia di Arezzo, intorno al 922 d.C., l'inventore d...

Vedi

Pistoia: Il Bacio dei Cristi a Gavinana

Il-bacio-dei-cristi
Tradizioni popolari

E' un rito molto antico ma ancora in uso. Due grandi processioni che si incontrano, davanti ad ognuna un Cristo in croce: le teste dei ...

Vedi

Siena: Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Piero-Carbonetti
Tradizioni popolari

Sovversivo, perseguitato, anarchico, clochard, sognatore: è davvero difficile definire Piero Carbonetti, toscanaccio doc e garibaldino...

Vedi

Pisa: Kinzika, la giovane donna che salvò Pisa dai Saraceni

Kinzika
Tradizioni popolari

Fu veramente lei, una giovane donna dal nome arabeggiante, Kinzica appunto, della nobile famiglia dei Sismondi, a salvare Pisa dal sacc...

Vedi