Aneddoti & Curiosità

Stasera ci ceni ?

Tradizioni popolari
stasera ci ceni_1

Stasera ci ceni ?

‘Ci ceni?’ Potrebbe sembrare una domanda generica che, di solito, presupporrebbe almeno due precisazioni: dove e quando. Ma c’è un luogo dove non c’è bisogno di nessuna ulteriore spiegazione: a Livorno, in spiaggia, fra gli ombrelloni e le cabine di uno dei tanti bagni della zona, quella domanda apparentemente generica diventa chiara e precisa! Chi la fa chiede al suo interlocutore se la sera rimarrà a cena lì al bagno, sulla spiaggia.

Se state pensando ad un schiacciatina mangiata sull'asciugamano o al più modaiolo aperitivo al tramonto, siete parecchio fuori strada! Cenare al mare per i livornesi è un rito d’altri tempi che viene ripetuto senza grandi variazioni, quasi come fossimo ancora negli anni ’60! Si comincia la mattina di buon ora con il fresco, e i vari cuochi nelle loro abitazioni preparano le pietanze per la sera. Di quale leccornie è composto il menù? In tempi di diete e salutismo qualcuno c’è che si limita all’insalatina ed alla semplice pasta fredda. A dire la verità non sono molti però! Nella maggior parte dei casi infatti si raggiungono livelli da fare invidia ai catering professionali: dai contenitori rigorosamente ermetici spuntano fuori cozze ripiene, spaghetti allo scoglio, lasagne, arrosti e la leggenda narra che in occasioni speciali ci si spinga fino al cacciucco!

Come si organizza tutto questo? Prima di tutto mettendosi d’accordo, perché queste cene in riva il mare riuniscono diversi commensali, intere famiglie e amici di tutte le età. Poi bisogna pensare a tavoli, sedie, tovaglie e stoviglie! Tutto viene sistemato nella cabina che, ahimè, almeno per quel giorno non verrà più usata per cambiarsi. Al momento giusto, poco prima del tramonto, cominceranno le operazioni di apparecchiatura fino al momento ‘clou’: l’apertura del prezioso scrigno: la ‘ghiaccciaina’ ossia la borsa frigo dove sono state tenute le pietanze per tutto il giorno.

Volete sapere se potete unirvi a qualche tavolata? Ma certo, i Livornesi sono ospitali e cordiali e se vi presentate con una bella bottiglia di vino lo saranno ancora di più! Se così non fosse non vi preoccupate, prenotate uno dei nostri tour enogastronomici e lì da mangiare e bere non vi mancheranno di sicuro!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Firenze: Ma che hai il palletico?

Palletico_Vohabolario
Modi di dire

Per spiegare questo termine basta un esempio semplice, semplice: avete presente quando durante il compito in classe muovevate ritmicame...

Vedi

Firenze: La storia di un vero toscano: il fiasco!

fiasco_fila_
Lo sapevate che...

Un vaso di vetro, rotondo e corpacciuto, senza piede, con una copertura di erba palustre che cinge il corpo e forma a piè di questo la...

Vedi

Volterra: La pietra degli Dei di Volterra.

alabastro_Volterra
Lo sapevate che...

Volterra viene spesso definita come ‘gioiello di pietra’. In effetti tutto è costruito con questo materiale:  le strade,...

Vedi

Pistoia: I confetti di Pistoia hanno conquistato anche Zeffirelli!

confetti pistoia
Lo sapevate che...

I confetti di Pistoia son proprio una prelibatezza anche se a vederli sono un po’ buffi! Sono bianchi ed hanno una forma davvero part...

Vedi

I post più letti

Arezzo: Guido d'Arezzo e l'invenzione della musica

Guido-d-Arezzo
Presenze illustri

A Talla e dintorni non hanno dubbi: è nato proprio nel loro piccolo paesino in provincia di Arezzo, intorno al 922 d.C., l'inventore d...

Vedi

Pistoia: Il Bacio dei Cristi a Gavinana

Il-bacio-dei-cristi
Tradizioni popolari

E' un rito molto antico ma ancora in uso. Due grandi processioni che si incontrano, davanti ad ognuna un Cristo in croce: le teste dei ...

Vedi

Siena: Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Piero-Carbonetti
Tradizioni popolari

Sovversivo, perseguitato, anarchico, clochard, sognatore: è davvero difficile definire Piero Carbonetti, toscanaccio doc e garibaldino...

Vedi

Pisa: Kinzika, la giovane donna che salvò Pisa dai Saraceni

Kinzika
Tradizioni popolari

Fu veramente lei, una giovane donna dal nome arabeggiante, Kinzica appunto, della nobile famiglia dei Sismondi, a salvare Pisa dal sacc...

Vedi