Aneddoti & Curiosità

Pitigliano, la piccola Gerusalemme

Curiosità storiche
Pitigliano_piccola_Gerusalemme

Pitigliano, la piccola Gerusalemme

Pitigliano è un delizioso borgo della Maremma Toscana, arroccato su un blocco di tufo che prosegue senza soluzione di continuità nei caratteristici edifici. Le antiche pietre delle strette viuzze e delle case sono state testimoni di storie che si perdono nelle antiche origini di questo paese. Sicuramente quella della pacifica convivenza tra Cristiani ed Ebrei, è una delle pagine più belle della storia di Pitigliano. E’ proprio da questa convivenza che è nato l’appellativo che ancora oggi distingue questo delizioso borgo: la piccola Gerusalemme’.

Vi basterà girare per il paese per notare i segni della presenza ebraica, testimoniata da edifici come la Sinagoga ricostruita nel 1995 (dopo che quella eretta nel 1598 era crollata), i locali dove una volta si trovava la macelleria kasher o il forno dove si facevano le azzime. Non solo, ancora oggi in una cantina locale si produce vino kasher!

Il legame tra gli ebrei e Pitigliano però, ha radici veramente antiche. Sembra che il piccolo borgo toscano abbia ospitato i primi ebrei già nel ‘400, anche se la comunità aumentò sensibilmente a seguito delle restrizioni dovute alle Bolle Papali del 1555 e del 1569 ed ai provvedimenti del Granduca di Toscana del 1570 e 1571. Visto che Pitigliano era uno dei pochi centri ad essere immuni alle restrizioni, da questo momento in poi si aprì il capitolo della bella convivenza tra ebrei e cristiani, due comunità perfettamente integrate.

Lo dimostra la celebrazione detta ‘La notte degli Orvietani’ che è stata portata avanti fino a qualche anno fa, in ricordo di un episodio del 1799, quando tutto il popolo, così come le autorità del paese, difesero gli israeliti dai soprusi dei militari antifrancesi che volevano saccheggiare il ghetto. Di questa celebrazione si ricorda ancora la Elena Servi, classe 1930, una degli ultimi ebrei rimasti a Pitigliano. Si ricorda anche del periodo buio delle leggi razziali del nazismo e di quando fu costretta ad abbandonare Pitigliano con la sua famiglia. Per fortuna alcuni giovani hanno dato vita ad un’associazione che promuove la cultura ebraica e che si chiama proprio ‘Piccola Gerusalemme’, grazie alla quale è possibile visitare la Sinagoga, il Museo Ebraico ed altri luoghi del ghetto.

Una storia bella ed affascinante vero? Avete voglia di scoprirne altre? Visitate allora la nostra sezione sui Borghi della Toscana e scegliete uno dei tour che, intrecciando storia, arte, tradizione e buon cibo, vi farà conoscere tantissime storie, aneddoti e curiosità su questi meravigliosi paesini.

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Firenze: Ma che hai il palletico?

Palletico_Vohabolario
Modi di dire

Per spiegare questo termine basta un esempio semplice, semplice: avete presente quando durante il compito in classe muovevate ritmicame...

Vedi

Firenze: La storia di un vero toscano: il fiasco!

fiasco_fila_
Lo sapevate che...

Un vaso di vetro, rotondo e corpacciuto, senza piede, con una copertura di erba palustre che cinge il corpo e forma a piè di questo la...

Vedi

Volterra: La pietra degli Dei di Volterra.

alabastro_Volterra
Lo sapevate che...

Volterra viene spesso definita come ‘gioiello di pietra’. In effetti tutto è costruito con questo materiale:  le strade,...

Vedi

Pistoia: I confetti di Pistoia hanno conquistato anche Zeffirelli!

confetti pistoia
Lo sapevate che...

I confetti di Pistoia son proprio una prelibatezza anche se a vederli sono un po’ buffi! Sono bianchi ed hanno una forma davvero part...

Vedi

I post più letti

Arezzo: Guido d'Arezzo e l'invenzione della musica

Guido-d-Arezzo
Presenze illustri

A Talla e dintorni non hanno dubbi: è nato proprio nel loro piccolo paesino in provincia di Arezzo, intorno al 922 d.C., l'inventore d...

Vedi

Pistoia: Il Bacio dei Cristi a Gavinana

Il-bacio-dei-cristi
Tradizioni popolari

E' un rito molto antico ma ancora in uso. Due grandi processioni che si incontrano, davanti ad ognuna un Cristo in croce: le teste dei ...

Vedi

Siena: Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Piero-Carbonetti
Tradizioni popolari

Sovversivo, perseguitato, anarchico, clochard, sognatore: è davvero difficile definire Piero Carbonetti, toscanaccio doc e garibaldino...

Vedi

Pisa: Kinzika, la giovane donna che salvò Pisa dai Saraceni

Kinzika
Tradizioni popolari

Fu veramente lei, una giovane donna dal nome arabeggiante, Kinzica appunto, della nobile famiglia dei Sismondi, a salvare Pisa dal sacc...

Vedi