Aneddoti & Curiosità

Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Tradizioni popolari

Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Sovversivo, perseguitato, anarchico, clochard, sognatore: è davvero difficile definire Piero Carbonetti, toscanaccio doc e garibaldino, una figura conosciuta da tutti ed entrato nella leggenda.

 

MA CHI ERA PIERO CARBONETTI?

Presenza costante nei borghi di Cetona e Sarteano, pur essendo di professione ombrellaio, ha sempre vissuto grazie alla solidarietà dei paesani, dormendo sotto le stelle o dentro ai forni dei poderi. Sognatore un po' strambo, sosteneva di essere stato la mascotte di Garibaldi… di sicuro lo era dei Bersaglieri di Siena, che sovente lo ospitavano e lo rivestivano a nuovo!

Accompagnato dal suo cane Rosina e indossando gli immancabili pantaloni alla zuava, Piero Carbonetti, entrava a Cetona rullando il suo mitico tamburo di latta e spesse volte lo si vedeva piangere commosso davanti al Monumento ai Caduti.

La mancanza di una famiglia e la persecuzione da parte delle pubbliche autorità, lo fecero soffrire molto. Di padre ignoto, Carbonetti dava credito alle voci che circolavano in paese e che lo volevano figlio illegittimo di un nobile cetonese. Convinto di ciò, si recava spesso alla villa del suo presunto padre urlandogli il suo diritto ad essere riconosciuto: e dai e dai, il nostro povero eroe venne allontanato a forza dal borgo di Cetona, incarcerato con l'accusa di disturbo alla quiete pubblica ed imbarcato su una nave diretta in America Latina… ma proprio mentre qualcuno gridava vittoria, ecco un rullo di tamburo e poco dopo, all'orizzonte, apparve proprio lui, Piero Carbonetti, seguito dai sui cani e dai ragazzini del paese!

La gente comune lo considerava un perseguitato, uno spirito libero, una persona semplice ed estremamente buona. I benpensanti invece lo ritenevano un pericolo sovversivo, tanto che le mamme, per acquietare i bambini, dicevano loro ‘Dormi o chiamo Carbonetti che ti porta via!'

A più di 50 anni dalla sua scomparsa - avvenuta a Cetona nel 1945 – il ricordo di Carbonetti è molto nitido in quel luoghi, tanto che, nel 1991, il musicista cetonese Italo Ventosi gli dedicò un riuscitissimo Bruscello messo in scena a Piazze e, nel 2010, il regista Lauro Crociani realizzò il cortometraggio intitolato proprio ‘Piero Carbonetti – Vagabondaggio'.

Se passate per Cetona, tendete l'orecchio… in lontananza, potreste sentire il rumore del suo tamburo di latta…

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Isola Del Giglio: Gli abitanti dell'Isola del Giglio tra la Lanterna e Mergellina

Curiosità storiche

A Firenze ci sono i fiorentini, a Siena i senesi, a Poggibonsi i poggibonsesi e via così. Ma è tutto davvero così semplice? Chi sono...

Vedi

Firenze: Matteo Palmieri l'eretico. Tutta colpa dell'alluvione.

Curiosità storiche

Galeotta fu l' alluvione. Un'alluvione è sempre un evento sciagurato e a Firenze ne sanno davvero qualcosa… ma quella del 1557 riusc...

Vedi

Firenze: Firenze ed il suo fiume inquieto

Curiosità storiche

Firenze ed il suo fiume, l'Arno: bello vederlo scorrere lieto sotto il Ponte Vecchio o sotto il leopoldiano Ponte alla Vittoria, ma di ...

Vedi

Firenze: Orsanmichele a Firenze: chiesa o mercato?

Curiosità storiche

La chiesa di Orsanmichele, oltre ad essere una delle più antiche di Firenze, ha alla spalle una storia piuttosto curiosa, a partire da...

Vedi

I post più letti

San Marcello Pistoiese: Il Bacio dei Cristi a Gavinana

Tradizioni popolari

E' un rito molto antico ma ancora in uso. Due grandi processioni che si incontrano, davanti ad ognuna un Cristo in croce: le teste dei ...

Vedi

Cetona: Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Tradizioni popolari

Sovversivo, perseguitato, anarchico, clochard, sognatore: è davvero difficile definire Piero Carbonetti, toscanaccio doc e garibaldino...

Vedi

Pisa: Kinzika, la giovane donna che salvò Pisa dai Saraceni

Tradizioni popolari

Fu veramente lei, una giovane donna dal nome arabeggiante, Kinzica appunto, della nobile famiglia dei Sismondi, a salvare Pisa dal sacc...

Vedi

Arezzo: Guido d'Arezzo e l'invenzione della musica

Presenze illustri

A Talla e dintorni non hanno dubbi: è nato proprio nel loro piccolo paesino in provincia di Arezzo, intorno al 922 d.C., l'inventore d...

Vedi