Firenze, ha alla spalle una storia piuttosto...">
Aneddoti & Curiosità

Orsanmichele a Firenze, chiesa o mercato?

Curiosità storiche
Orsanmichele

Orsanmichele a Firenze, chiesa o mercato?

La chiesa di Orsanmichele, oltre ad essere una delle più antiche di Firenze, ha alla spalle una storia piuttosto curiosa, a partire dal nome. Il luogo occupato oggi da questa chiesa, ospitava un tempo – fino al XII secolo - un oratorio e una chiesetta, circondati da orti e campi coltivati ed è proprio questo il motivo per cui la piccola chiesa venne chiamata San Michele in Orto, poi Orto di San Michele ed infine, per abbreviare il tutto, Orsanmichele.

Parlavamo delle origini, decisamente travagliate, della chiesa: per questioni puramente economiche, il comune di Firenze decise di demolirla per far posto a una loggia, destinata a diventare il mercato delle granaglie. Pur affrescando due colonne con le immagini di San Michele Arcangelo e della Madonna, in ricordo della piccola chiesa distrutta, i fiorentini non seppero mai prendere una posizione sulla funzione da attribuire a Orsanmichele: chiesa o mercato? Per tale motivo, nel XV secolo il mercato venne spostato e l'edificio tornò ad essere luogo di culto, mantenendo tuttavia la pianta rettangolare, davvero insolita per una chiesa. Il primo piano venne adibito a magazzino del grano mentre il piano terra diventò l'attuale chiesa: nelle nicchie poste all'esterno si possono ammirare le sculture di importanti maestri come Santo Stefano di Lorenzo Ghiberti, San Marco di Donatelli e San Luca di Giambologna.

Volete conoscere alcuni piccoli segreti della Chiesa di Orsanmichele? Eccovi accontentati!

  • La chiesa e l'edificio di fronte – Palazzo della Lana – sono collegati da un corridoio sopraelevato… una sorta di Corridoio Vasariano in miniatura!
  • Come capire l'antico uso dell'edificio come granaio? Dopo essere entrati, guardate alla vostra sinistra e vedrete delle forme vagamente floreali nei primi due pilastri: altro non sono che feritoie, collegate ai piani superiori, che i fornai usavano riempire con il grano ricevuto dal secondo piano!
  • Guardando con attenzione gli angoli esterni della Chiesa, vedrete incise alcune immagini raffiguranti viti e spighe di grano: questo perché Orsanmichele non ospitava solo frumento, ma generi alimentari di vario tipo tra cui il vino.

Recatevi sul luogo e divertitevi a scoprire queste piccole meraviglie… l'ingresso è gratuito!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Grosseto: Gli abitanti dell'Isola del Giglio tra la Lanterna e Mergellina

Isola-del-Giglio
Curiosità storiche

A Firenze ci sono i fiorentini, a Siena i senesi, a Poggibonsi i poggibonsesi e via così. Ma è tutto davvero così semplice? Chi sono...

Vedi

Grosseto: Le meduse di Albarese

Albarese
Misteri & Leggende

La spiaggia di Alberese è una delle località più selvagge ed incontaminate del ‘Parco dell’Uccellina’. Fra le specie che frequ...

Vedi

Firenze: La ‘finocchiona’ e l’arte di ‘infinocchiare’

Finocchiona
Tradizioni popolari

Siamo sicuri che avete già sentito parlare della ‘finocchiona’ e magari l’avete anche già assaggiata: è il gustosissimo salume...

Vedi

Pistoia: La Villa di Celle a Pistoia, un sorprendente museo a cielo aperto

Villa_celle
Opere e luoghi poco noti

Pistoia è una città dalle mille sorprese ed una di queste è la Villa di Celle, a Santomato in direzione di Montale. L’antica villa...

Vedi

I post più letti

Arezzo: Guido d'Arezzo e l'invenzione della musica

Guido-d-Arezzo
Presenze illustri

A Talla e dintorni non hanno dubbi: è nato proprio nel loro piccolo paesino in provincia di Arezzo, intorno al 922 d.C., l'inventore d...

Vedi

Pistoia: Il Bacio dei Cristi a Gavinana

Il-bacio-dei-cristi
Tradizioni popolari

E' un rito molto antico ma ancora in uso. Due grandi processioni che si incontrano, davanti ad ognuna un Cristo in croce: le teste dei ...

Vedi

Siena: Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Piero-Carbonetti
Tradizioni popolari

Sovversivo, perseguitato, anarchico, clochard, sognatore: è davvero difficile definire Piero Carbonetti, toscanaccio doc e garibaldino...

Vedi

Pisa: Kinzika, la giovane donna che salvò Pisa dai Saraceni

Kinzika
Tradizioni popolari

Fu veramente lei, una giovane donna dal nome arabeggiante, Kinzica appunto, della nobile famiglia dei Sismondi, a salvare Pisa dal sacc...

Vedi