Aneddoti & Curiosità

Non avere il becco di un quattrino

Modi di dire
Becco_di_un_Quattrino

Non avere il becco di un quattrino

Sapete cosa voglia dire l’espressione non avere il becco di un quattrino’? Purtroppo di questi tempi ho paura che siano in molti ad averla ben chiara. Significa infatti non avere neanche un soldo economicamente parlando, essere messi piuttosto male.  Sull’origine di questo modo di dire usatissimo in toscana ci sono varie ipotesi alcune interessanti altre decisamente più divertenti. Ma vediamo di andare per ordine.

Cominciamo dai quattrini. Qui la questione è piuttosto semplice. Fra il XIII ed il XVIII secolo in Toscana veniva coniata una moneta che valeva quattro denari, cioè quattro centesimi. Da qui il nome di quattrino. Si trattava di una moneta di rame, di poco valore.

La questione si fa più complicata per ‘becco’. Da dove viene questa parola? Un’ipotesi è che si riferisca al ‘rostro’ (cioè allo sperone) delle navi romane che era raffigurato sulla moneta e che assomigliava ad un becco. In questo senso non avere il becco di un quattrino significa non avere nemmeno un pezzo di un soldo che già di per sé valeva poco.

Bene, a questo punto siete pronti per la consueta pennellata di colore. La seconda ipotesi sul significato di ‘becco’, infatti, si rifà al tipico modo di esprimersi popolare ed esplicito e decisamente poco raffinato. Becco, per noi in Toscana, è il marito che ha una moglie che lo tradisce. E cosa c’entra con i soldi?  Secondo la scala di valori forse un po’ datata non ci sarebbe uomo di minor valore di colui che si accontenta di una moglie poco fedele. Quindi ‘becco’ in questo senso rafforza ancora di più il senso dell’espressione: non avere niente, nemmeno un soldo che vale davvero poco, appunto come un marito tradito.

C’è poco da fare, la tagliente parlata toscana è proprio belle, vero? Soprattutto queste espressioni colorite e taglienti la rendono davvero unica e spassosa. Certo la si può sentire in televisione in qualche film di Pieraccioni o ascoltano Panariello… ma volete mettere sentirla da vivo a Firenze o perché non anche a Siena? Ecco per esempio, perché non provate a passare qualche giorno nella città del palio e provate ad ascoltare la parlata dei senesi? Dato che ci siete prenotate anche uno dei nostri tour a Siena e scoprirete tantissimi angoli di questa splendida città senza tempo.

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Firenze: Ma che hai il palletico?

Palletico_Vohabolario
Modi di dire

Per spiegare questo termine basta un esempio semplice, semplice: avete presente quando durante il compito in classe muovevate ritmicame...

Vedi

Firenze: La storia di un vero toscano: il fiasco!

fiasco_fila_
Lo sapevate che...

Un vaso di vetro, rotondo e corpacciuto, senza piede, con una copertura di erba palustre che cinge il corpo e forma a piè di questo la...

Vedi

Volterra: La pietra degli Dei di Volterra.

alabastro_Volterra
Lo sapevate che...

Volterra viene spesso definita come ‘gioiello di pietra’. In effetti tutto è costruito con questo materiale:  le strade,...

Vedi

Pistoia: I confetti di Pistoia hanno conquistato anche Zeffirelli!

confetti pistoia
Lo sapevate che...

I confetti di Pistoia son proprio una prelibatezza anche se a vederli sono un po’ buffi! Sono bianchi ed hanno una forma davvero part...

Vedi

I post più letti

Arezzo: Guido d'Arezzo e l'invenzione della musica

Guido-d-Arezzo
Presenze illustri

A Talla e dintorni non hanno dubbi: è nato proprio nel loro piccolo paesino in provincia di Arezzo, intorno al 922 d.C., l'inventore d...

Vedi

Pistoia: Il Bacio dei Cristi a Gavinana

Il-bacio-dei-cristi
Tradizioni popolari

E' un rito molto antico ma ancora in uso. Due grandi processioni che si incontrano, davanti ad ognuna un Cristo in croce: le teste dei ...

Vedi

Siena: Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Piero-Carbonetti
Tradizioni popolari

Sovversivo, perseguitato, anarchico, clochard, sognatore: è davvero difficile definire Piero Carbonetti, toscanaccio doc e garibaldino...

Vedi

Pisa: Kinzika, la giovane donna che salvò Pisa dai Saraceni

Kinzika
Tradizioni popolari

Fu veramente lei, una giovane donna dal nome arabeggiante, Kinzica appunto, della nobile famiglia dei Sismondi, a salvare Pisa dal sacc...

Vedi