Aneddoti & Curiosità

Perché Lorenzo de Medici di Firenze fu detto ‘Il Magnifico’?

Curiosità storiche
lorenzo-il-magnifico

Perché Lorenzo de Medici di Firenze fu detto ‘Il Magnifico’?

La domanda potrebbe apparire piuttosto facile e molti di voi, a questo punto, avranno già premuto il pulsante per dare la loro riposta: ‘Lorenzo de Medici fu chiamato ‘Il Magnifico’ per le sue incredibili doti artistiche a politiche’. Ci dispiace per voi maaa… ‘Riposta sbagliata!

A onor del vero, le sue qualità personali non erano comuni a molti: durante la sua breve vita fu un eccellente banchiere (come la maggioranza dei rampolli appartenenti al suo casato), un abile politico in grado di destreggiarsi egregiamente tra gli intrighi internazionali ma soprattutto un delizioso poeta con un gusto raffinato per la creatività e la bellezza, tanto da essere uno dei più generosi mecenati a favore di artisti e filosofi del suo periodo.

Detto ciò, ci dispiace distruggere le vostre certezze, ma non sono questi i motivi che hanno portato Lorenzo de Medici ed essere nominato ‘Il Magnifico’. No, nemmeno il suo aspetto fisico se è questo che vi state chiedendo perché, come testimoniato da alcuni dipinti dell’epoca e varie descrizioni dei cronisti, il de Medici non era certo un’icona di bellezza, anzi…

Dai, vi abbiamo tenuto abbastanza sulle spine, ora possiamo darvi la vera motivazione di questo noto appellativo. A Firenze, chi copriva la carica di Gonfaloniere di Giustizia – il grado più elevato della Repubblica Fiorentina – veniva insignito del titolo onorifico di ‘Magnifico Messere’. Al contrario del padre Piero il Gottoso ed il nonno Cosimo il Vecchio, Lorenzo, morendo a soli 21 anni, non arrivò mai a coprire tale carica che ne prevedeva minimo 45. Alla morte del padre però, i capi di stato si recarono da lui supplicandolo che ‘pigliasse la cura della città’: ed ecco che l’esatto titolo affibbiatogli per l’occasione fu ‘Il Magnifico Lorenzo’.

Con il passare degli anni però, evidentemente si perse il senso originario di questo nome: storici e scrittori ritennero opportuno collegare l’epiteto alle non comuni doti personali del de Medici, finendo così per soprannominarlo ‘Lorenzo Il Magnifico’. E proprio così venne, viene e verrà chiamato da tutti. 

Curiosa vicenda, vero? Se siete appassionati di storia o se volete semplicemente conoscere le vicende della famiglia più importante del capoluogo toscano, vi consigliamo di prendere parte al nostro ‘Tour sulle tracce dei Medici a Firenze: la nostra esperta guida vi sta aspettando!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Toscana: Senza lilleri un si lallera!

Senza_lilleri
Modi di dire

Se avete già letto qualche altre aneddoto sui modi dire toscani avrete ormai capito che nella terra di Dante non esiste un vero e prop...

Vedi

Pisa: Il fantasma di Galileo: Ghostbusters all’opera in Piazza dei Miracoli!

Fantasma_Galielo
Misteri & Leggende

Anche il grande Galileo Galilei era toscano. Di Pisa per la precisione, dove all’Università studiò medicina prima di dedicarsi alla...

Vedi

Lucca: Santa Zita ed il miracolo dei legumi

Santa-Zita
Misteri & Leggende

In Italia abbiamo un Santo che protegge chi si impegna in qualsiasi professione. Santa Zita, uno dei personaggi più amati dai lucchesi...

Vedi

Firenze: Perché a Firenze la tuta la chiamano ‘toni’?

Tuta_toni
Modi di dire

In Toscana non abbiamo un vero e proprio dialetto, ma basta spostarsi di poco per trovare modi di dire diversi da una zona all’altra....

Vedi

I post più letti

Arezzo: Guido d'Arezzo e l'invenzione della musica

Guido-d-Arezzo
Presenze illustri

A Talla e dintorni non hanno dubbi: è nato proprio nel loro piccolo paesino in provincia di Arezzo, intorno al 922 d.C., l'inventore d...

Vedi

Pistoia: Il Bacio dei Cristi a Gavinana

Il-bacio-dei-cristi
Tradizioni popolari

E' un rito molto antico ma ancora in uso. Due grandi processioni che si incontrano, davanti ad ognuna un Cristo in croce: le teste dei ...

Vedi

Siena: Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Piero-Carbonetti
Tradizioni popolari

Sovversivo, perseguitato, anarchico, clochard, sognatore: è davvero difficile definire Piero Carbonetti, toscanaccio doc e garibaldino...

Vedi

Pisa: Kinzika, la giovane donna che salvò Pisa dai Saraceni

Kinzika
Tradizioni popolari

Fu veramente lei, una giovane donna dal nome arabeggiante, Kinzica appunto, della nobile famiglia dei Sismondi, a salvare Pisa dal sacc...

Vedi