Aneddoti & Curiosità

L’olivo della strega a Magliano: antichi misteri maremmani

Misteri & Leggende
olivo-strega-magliano-24

L’olivo della strega a Magliano: antichi misteri maremmani

Gli olivi insieme a cipressi e viti caratterizzano il paesaggio collinare toscano. Quello che si trova però appena fuori le mura di Magliano in Toscana (Grosseto), il delizioso borgo maremmano, è davvero speciale. Sapete quanti anni ha? Sembra che ne abbia addirittura 3.500 e che sia, dunque, ancora più vecchio di quello del Getsemani. Anche le sue dimensioni sono davvero da record, basti pensare che il fusto ha una circonferenza di ben 8 metri e mezzo e che la sua altezza arriva a 10 metri. Si dice che sotto le sue fronde ci sia entrata l’intera filarmonica del paese di Magliano composta da ben 40 elementi e che proprio lì si sia esibita in un indimenticabile concerto.

Questo olivo speciale, le cui fronde hanno attraversato i millenni, porta con sé un misterioso bagaglio fatto di leggende e storie da mettere i brividi. Non è un caso, infatti, che venga chiamato l’olivo della strega! Perché? Sembra proprio che una strega lo avesse scelto per i riti sabbatici del venerdì. Si narra che lei gli ballasse intorno e che fosse per seguire i suoi movimenti che l’albero assunse l’aspetto contorto che lo caratterizza. Ma c’è dell’altro! Al termine del rito la strega si trasformava in un enorme gatto dagli occhi infuocati che rimaneva lì a vegliare la magnifica pianta! Ci sono anche altre versioni che narrano che intorno a quest’olivo si ritrovassero nella notte di San Giovanni tutte le streghe della Maremma che insieme a fauni e centauri celebravano il solstizio d’estate.

Le storie oscure che mescolano, realtà, fantasia e superstizione sono sempre tremendamente affascinanti. Se siete appassionati di atmosfere surreali e noir, di tutto quello che riguarda l’occulto ed i fenomeni difficili da spiegare razionalmente, allora dovete assolutamente partecipare al nostro tour Firenze da paura. Le nostre guide sapranno condurvi in un territorio oscuro: quello dei misteri e dei fantasmi che si nascondono nella meravigliosa città Toscana. Sarà un’esperienza indimenticabile, un modo diverso di scoprire Firenze, di coglierne aspetti meno noti ma tremendamente accattivanti che sapranno attrarre anche i vostri ragazzi. Un’attività perfetta per tutta la famiglia ed un motivo in più per organizzare la vostra vacanza in Toscana.

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Siena: Sunto: la voce del Palio

sunto - Palio
Curiosità storiche

Se vi è capitato di assistere al Palio di Siena, avrete sicuramente sentito rintoccare il campanone che si trova sulla cima della Torr...

Vedi

Livorno: Stasera ci ceni ?

stasera ci ceni_1
Tradizioni popolari

‘Ci ceni?’ Potrebbe sembrare una domanda generica che, di solito, presupporrebbe almeno due precisazioni: dove e quando. Ma c’è ...

Vedi

Carrara: Dove sceglieva il marmo Michelangelo?

Marmo_Carrara_Stefano_Bianchi
Lo sapevate che...

Il marmo di Carrara è un materiale pregiato conosciuto per la sua bellezza in tutto il mondo. Anche Michelangelo se ne innamorò, non ...

Vedi

Livorno: La storia del Caciucco di Livorno

Cacciucco-livornese
Tradizioni popolari

Il cacciucco è uno dei piatti toscani più famosi. Chi non conosce la gustosa zuppa di pesce tipica di Livorno? Quello che pochi sanno...

Vedi

I post più letti

Arezzo: Guido d'Arezzo e l'invenzione della musica

Guido-d-Arezzo
Presenze illustri

A Talla e dintorni non hanno dubbi: è nato proprio nel loro piccolo paesino in provincia di Arezzo, intorno al 922 d.C., l'inventore d...

Vedi

Pistoia: Il Bacio dei Cristi a Gavinana

Il-bacio-dei-cristi
Tradizioni popolari

E' un rito molto antico ma ancora in uso. Due grandi processioni che si incontrano, davanti ad ognuna un Cristo in croce: le teste dei ...

Vedi

Siena: Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Piero-Carbonetti
Tradizioni popolari

Sovversivo, perseguitato, anarchico, clochard, sognatore: è davvero difficile definire Piero Carbonetti, toscanaccio doc e garibaldino...

Vedi

Pisa: Kinzika, la giovane donna che salvò Pisa dai Saraceni

Kinzika
Tradizioni popolari

Fu veramente lei, una giovane donna dal nome arabeggiante, Kinzica appunto, della nobile famiglia dei Sismondi, a salvare Pisa dal sacc...

Vedi