Aneddoti & Curiosità

Le streghe di Volterra

Misteri & Leggende
Masso-mandringa-volterra

Le streghe di Volterra

Ogni antico borgo che si rispetti, custodisce una serie più o meno ampia di misteri e leggende, e Volterra non fa eccezione. Anzi, tra le pietre delle sue antiche viuzze, si celano un bel po’ di storie da brivido che mescolano magia e superstizione. Se state pensando ai Vulturi di ‘Twilight’ vi avverto, siete proprio fuori strada. Ormai questa è una storia che sanno quasi tutti e non c’è più gusto a raccontarla.

Pochi sanno invece che proprio a Volterra, sembra sia vissuta la prima vera strega della storia. Si chiamava Aradia, era la figlia della Dea Diana e sarebbe nata il 13 agosto del 1313. Era stata mandata sulla Terra per insegnare la stregoneria agli umani ed aiutarli così, a superare un periodo difficile caratterizzato da guerre e carestie. Che fine fece? Fu condannata a morte dalla Chiesa, ma la leggenda racconta che il giorno dell’esecuzione la sua cella fu trovata vuota.

E questa non è l’unica storia misteriosa di Volterra. C’è anche quella del Masso di Mandringa… credetemi, questa sì che mette i brividi davvero! Ce la fate ad ascoltarla? Coraggio! Allora, sulla strada per arrivare al borgo, un paio di tornanti prima di giungere a destinazione, si trova un enorme masso sotto il quale sgorga, ancora oggi, una sorgente di acqua pura. Durante il giorno, il luogo era frequentato da donne e bambini. Le prime vi lavavano i panni e si rifornivano d’acqua, mentre i secondi ci giocavano allegramente intorno. Ma la notte del sabato, quello stesso luogo si riempiva di rumori molto più sinistri e spaventosi… Sembra infatti, che allo scoccare della mezzanotte, qui si riunissero le streghe per celebrare i loro sabba danzanti e addirittura il Principe del Male. Inoltre, sempre in questo luogo, si sarebbero praticati riti magici, malefici e stregonerie d’ogni genere. C’è chi giura che nelle notti di sabato si sentono ancora le loro urla, strani sussurri ed inspiegabili sentori di zolfo… non ci credete? Allora non vi resta che andare di persona… sempre se ne avete il coraggio!

Se il brivido è proprio nel vostro DNA e siete appassionati di storie misteriose vi consigliamo di provare anche il nostro ‘Firenze da paura: tour privato tra fantasmi e leggende’, siamo sicuri che lo troverete fantastico.

Nel caso optiate invece per una visita più tranquilla al suggestivo borgo in questione, la nostra ‘Escursione a Volterra e San Gimignano’ è quello che fa per voi… non vi resta che scegliere!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Toscana: Viva la pappa col pomodoro!

Pappa_pomodoro
Tradizioni popolari

‘Viva la pa-pa-pappa col po-po-po-po-po-po-pomodoro, Ah viva la pa-pa-pappa che è un capo-po-po-po-polavoro, Viva la pa-pappa pa-ppa...

Vedi

Firenze: Da dove viene il modo di dire ‘uscio e bottega’?

Uscio_e_bottega
Modi di dire

A noi toscani piace sottolineare che la nostra regione, ma soprattutto Firenze, sono la culla della lingua Italiana. Del resto abbiamo ...

Vedi

Pistoia: Giovanni Michelucci: una vita lunga un secolo!

Giovanni_Michelucci
Presenze illustri

Fra le presenze illustri che hanno reso grande la Toscana non potevamo non includere il grande architetto Giovanni Michelucci. Egli non...

Vedi

Livorno: Il miracolo del maremoto di Livorno

Miracolo_maremoto_Livorno
Misteri & Leggende

A circa 10 km da Livorno, su un’altura dalla quale si gode una splendida vista della città, ma alcune volte anche di Pisa e persino ...

Vedi

I post più letti

Arezzo: Guido d'Arezzo e l'invenzione della musica

Guido-d-Arezzo
Presenze illustri

A Talla e dintorni non hanno dubbi: è nato proprio nel loro piccolo paesino in provincia di Arezzo, intorno al 922 d.C., l'inventore d...

Vedi

Pistoia: Il Bacio dei Cristi a Gavinana

Il-bacio-dei-cristi
Tradizioni popolari

E' un rito molto antico ma ancora in uso. Due grandi processioni che si incontrano, davanti ad ognuna un Cristo in croce: le teste dei ...

Vedi

Siena: Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Piero-Carbonetti
Tradizioni popolari

Sovversivo, perseguitato, anarchico, clochard, sognatore: è davvero difficile definire Piero Carbonetti, toscanaccio doc e garibaldino...

Vedi

Pisa: Kinzika, la giovane donna che salvò Pisa dai Saraceni

Kinzika
Tradizioni popolari

Fu veramente lei, una giovane donna dal nome arabeggiante, Kinzica appunto, della nobile famiglia dei Sismondi, a salvare Pisa dal sacc...

Vedi