Aneddoti & Curiosità

Le Pomone di Marino Marini

Presenze illustri
Marino_Marini

Le Pomone di Marino Marini

Pomona è la dea Etrusca della fertilità, colei che rappresenta Madre Natura, la vita stessa, un’ideale di mondo agreste sereno ed idilliaco. Marino Marini è grande scultore che nacque a Pistoia ma che ha vissuto a Milano e Parigi. Qui ebbe modo di frequentare personaggi come Picasso, De Chirico, Kandinskij mentre nella sua vita ebbe rapporti d’amicizia con Jean Miro’ ed Henry Moore.

Nonostante questo spirito internazionale, dovuto sicuramente all’universalità del suo linguaggio artistico, Marino Marini si sentiva profondamente legato alla sua terra, alla Toscana. Quelle del presente ma anche quella del passato, delle tradizioni antiche. La sua arte spesso affonda le radici in questo passato che non è una semplice fonte di ispirazione ma parte stessa del modo dell’artista di vedere il mondo. Famosa è, infatti, la risposta di Marini alla domanda di come l’arte etrusca influenzasse la sua: ‘No, io non sono ispirato (dall’arte etrusca) io sono etrusco!

Fu questo legame profondo la scintilla che dette il via ad una serie di opere meravigliose: le Pomone. Si tratta di disegni, dipinti e sculture creati fra il 1939 ed il 1950 che rappresentano nudi di donna con caratteristiche comuni. In definitiva sono variazioni dello stesso soggetto. Così le descrive lo stesso Marini: ‘vivono di un mondo solare, di una poesia solare, di un’umanità piena, di un’abbondanza, di una grande sensualità. In tutte queste immagini la femminilità si arricchisce di tutti i suoi significati più remoti, più immanenti, più misteriosi: una specie di necessità ineluttabile, di staticità inamovibile, di fecondità primitiva e inconscia’.

E’ davvero affascinante osservare come l’arte contemporanea si fonda con quella antica degli Etruschi! Ancora più affascinante però è vederle dal vero le Pomone! Dove? Ovviamente a Pistoia al Museo Marino Marini ma una la potete trovare anche agli Uffizi. Quindi se siete a Firenze prenotate la nostra Visita Guidata agli Uffizi, potrete approfittare della fantastica opzione skiptheline, ossia evitare le lunghe file. Perfetto allora, le Pomone di Marino Marini vi aspettano nella terra degli Etruschi!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Firenze: Da dove viene il modo di dire ‘uscio e bottega’?

Uscio_e_bottega
Modi di dire

A noi toscani piace sottolineare che la nostra regione, ma soprattutto Firenze, sono la culla della lingua Italiana. Del resto abbiamo ...

Vedi

Pistoia: Giovanni Michelucci: una vita lunga un secolo!

Giovanni_Michelucci
Presenze illustri

Fra le presenze illustri che hanno reso grande la Toscana non potevamo non includere il grande architetto Giovanni Michelucci. Egli non...

Vedi

Livorno: Il miracolo del maremoto di Livorno

Miracolo_maremoto_Livorno
Misteri & Leggende

A circa 10 km da Livorno, su un’altura dalla quale si gode una splendida vista della città, ma alcune volte anche di Pisa e persino ...

Vedi

Firenze: Troppa grazia Sant’Antonio: l’origine del detto nato a Firenze

Troppa_grazia_sant_antonio
Modi di dire

Non abbiamo sbagliato, lo sappiamo benissimo che quando si parla di Sant’Antonio si pensa subito a Padova! Noi però stiamo parlando ...

Vedi

I post più letti

Arezzo: Guido d'Arezzo e l'invenzione della musica

Guido-d-Arezzo
Presenze illustri

A Talla e dintorni non hanno dubbi: è nato proprio nel loro piccolo paesino in provincia di Arezzo, intorno al 922 d.C., l'inventore d...

Vedi

Pistoia: Il Bacio dei Cristi a Gavinana

Il-bacio-dei-cristi
Tradizioni popolari

E' un rito molto antico ma ancora in uso. Due grandi processioni che si incontrano, davanti ad ognuna un Cristo in croce: le teste dei ...

Vedi

Siena: Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Piero-Carbonetti
Tradizioni popolari

Sovversivo, perseguitato, anarchico, clochard, sognatore: è davvero difficile definire Piero Carbonetti, toscanaccio doc e garibaldino...

Vedi

Pisa: Kinzika, la giovane donna che salvò Pisa dai Saraceni

Kinzika
Tradizioni popolari

Fu veramente lei, una giovane donna dal nome arabeggiante, Kinzica appunto, della nobile famiglia dei Sismondi, a salvare Pisa dal sacc...

Vedi