Aneddoti & Curiosità

Le meduse di Albarese

Misteri & Leggende
Albarese

Le meduse di Albarese

La spiaggia di Alberese è una delle località più selvagge ed incontaminate del ‘Parco dell’Uccellina’. Fra le specie che frequentano il mare antistante, spesso fanno capolino alcune presenze che non sempre sono gradite: le meduse. Noi vi racconteremo una romantica e suggestiva leggenda che forse ve la farà vedere sotto un’altra luce.

Si narra che Narba, una ragazza di Alberese molto esile e dalla pelle molto chiara, passasse molto del suo tempo sulla spiaggia a guardare il mare. Non ci è dato sapere il motivo dell’attesa, anche se probabilmente aspettava il ritorno del suo innamorato. Durante le lunghe giornate sulla spiaggia, la giovane cercava di ripararsi dal sole con le fronde che raccoglieva dalla vegetazione che costeggiava la spiaggia.

Il Sole si infastidì del rifiuto della ragazza che non voleva farsi accarezzare dai suoi raggi e provò in tutti i modi di farla voltare così da riuscire a scorgerne almeno il viso. Cercò di splendere con tutta la forza possibile così da attraversare con i suoi potenti raggi la vegetazione con la quale la ragazza si riparava. Ogni tentativo fu però vano. Il Maestrale si offrì di aiutarlo e cominciò a soffiare: spostò un po’ di sabbia, fece ondeggiare le bacche di ginepro e scosse un po’ l’ombrello di fronde che la ragazza si teneva sopra la testa ma niente di più. Il Libeccio decise allora di aiutare a sua volta il Sole usando la sua forza portentosa per smuovere la ragazza. Gonfiò le guance e cominciò a soffiare: riuscì a strappare le fronde da sopra la testa di Narba e sconvolse a tal punto la spiaggia che l’esile ragazza volò in acqua ed affondò negli abissi del mare.

Il Sole fu finalmente contento, aveva raggiunto il suo scopo, ma la Luna, vedendola affondare, si impietosì. La fece riaffiorare e le fabbricò un ombrello fatto dei suoi pallidi raggi così che si potesse riparare ancora dal Sole. Fu così che nacque la medusa dall’ombrello opalescente. Pensate a questa leggenda ogni volta che vedrete le meduse ondeggiare nel mare azzurro di Alberese!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Toscana: Non avere il becco di un quattrino

Becco_di_un_Quattrino
Modi di dire

Sapete cosa voglia dire l’espressione ‘non avere il becco di un quattrino’? Purtroppo di questi tempi ho paura che siano in molti...

Vedi

Pistoia: Il Dandy sgargiante

Dandy_2
Presenze illustri

In quel di Pistoia si aggira un personaggio che, almeno dal punto di vista dell’abbigliamento, scuote la tranquillità della cittadin...

Vedi

Firenze: Il peposo: storia di un piatto antico e prelibato

Peposo_toscano
Lo sapevate che...

Insieme alla bistecca fiorentina il peposo è sicuramente uno dei piatti tradizionali toscani più conosciuti ed anche più gustosi. Si...

Vedi

Pistoia: Vanni Fucci il ladro di Pistoia

Vanni_Fucci
Curiosità storiche

Se leggendo il titolo state cercando di ricordare qualche fatto di cronaca che riguardasse questo Vanni Fucci siete fuori strada! Bisog...

Vedi

I post più letti

Arezzo: Guido d'Arezzo e l'invenzione della musica

Guido-d-Arezzo
Presenze illustri

A Talla e dintorni non hanno dubbi: è nato proprio nel loro piccolo paesino in provincia di Arezzo, intorno al 922 d.C., l'inventore d...

Vedi

Pistoia: Il Bacio dei Cristi a Gavinana

Il-bacio-dei-cristi
Tradizioni popolari

E' un rito molto antico ma ancora in uso. Due grandi processioni che si incontrano, davanti ad ognuna un Cristo in croce: le teste dei ...

Vedi

Siena: Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Piero-Carbonetti
Tradizioni popolari

Sovversivo, perseguitato, anarchico, clochard, sognatore: è davvero difficile definire Piero Carbonetti, toscanaccio doc e garibaldino...

Vedi

Pisa: Kinzika, la giovane donna che salvò Pisa dai Saraceni

Kinzika
Tradizioni popolari

Fu veramente lei, una giovane donna dal nome arabeggiante, Kinzica appunto, della nobile famiglia dei Sismondi, a salvare Pisa dal sacc...

Vedi