Aneddoti & Curiosità

L’autoritratto nascosto nel Bacco di Caravaggio a Firenze

Lo sapevate che...
Bacco-Caravaggio

L’autoritratto nascosto nel Bacco di Caravaggio a Firenze

Molti di voi conosceranno il ‘Bacco’ di Caravaggio, il meraviglioso dipinto raffigurante il Dio del vino e dell’ebbrezza, realizzato tra il 1596 e il 1957 ed attualmente conservato nella Galleria degli Uffizi a Firenze. Ebbene, pare proprio che l’opera nasconda un segreto: all’interno della tela infatti, si celerebbe un autoritratto dell’autore. Probabilmente Caravaggio considerava il dipinto così importante da sentire l’esigenza di imprimerci la proprio immagine…

Ma andiamo per ordine. La tela, commissionata dal cardinale Francesco Maria del Monte per donarla a Ferdinando I de’ Medici, venne inizialmente destinata alla Villa d’Artimino per poi essere collocata presso le collezioni granducali degli Uffizi. Successivamente finì per essere abbandonata e dimenticata nei depositi di via Lambertesca dove, nel 1913, lo storico Matteo Marangoni la riportò alla luce. E fu proprio lui, in occasione di una ripulitura del dipinto, ad accorgersi di una piccola testa riflessa nella brocca del vino: il volto ed i tratti somatici, molto somiglianti a quelli del Caravaggio, portarono lo studioso ad affermare che si trattasse proprio di un suo autoritratto, così come confermato da un gruppo di esperti che di recente hanno studiato il caso.

Osservato ad occhio nudo, effettivamente il dipinto non rivela molto: guardando bene la brocca del vino, posizionata in basso a sinistra del dipinto, si può scorgere solamente una piccola sagoma dai contorni poco chiari. Ma grazie all’utilizzo di moderne e sofisticate tecniche di indagine radiodiagnostica, la figura è stata resa molto più nitida ma soprattutto molto più dettagliata.

Il merito va alla restauratrice Roberta Lapucci la quale, durante un’attenta campagna di analisi, utilizzando una riflettografia multispettrale, è riuscita ad individuare chiaramente una persona di sesso maschile, con il busto eretto ed un braccio proteso in avanti. Ma non è tutto: accanto ad esso si scorge di un cavalletto, un piccolo ma importantissimo particolare che ha potuto confermare quanto sospettato: si tratta di un autoritratto del Caravaggio al lavoro con un pennello in mano, realizzato all’età di venticinque anni circa.

Interessante, vero? Firenze non è solo ‘la Culla del Rinascimento’, è anche una città che racchiude moltissimi segreti, aneddoti e tradizioni secolari. Se volete scoprirli, vi suggeriamo di prendere parte al nostro ‘tour privato tra i misteri di Firenze’: le nostre esperte guide locali vi accompagneranno alla scoperta dei dettagli più nascosti celati nei luoghi simbolo della città.

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Toscana: Senza lilleri un si lallera!

Senza_lilleri
Modi di dire

Se avete già letto qualche altre aneddoto sui modi dire toscani avrete ormai capito che nella terra di Dante non esiste un vero e prop...

Vedi

Pisa: Il fantasma di Galileo: Ghostbusters all’opera in Piazza dei Miracoli!

Fantasma_Galielo
Misteri & Leggende

Anche il grande Galileo Galilei era toscano. Di Pisa per la precisione, dove all’Università studiò medicina prima di dedicarsi alla...

Vedi

Lucca: Santa Zita ed il miracolo dei legumi

Santa-Zita
Misteri & Leggende

In Italia abbiamo un Santo che protegge chi si impegna in qualsiasi professione. Santa Zita, uno dei personaggi più amati dai lucchesi...

Vedi

Firenze: Perché a Firenze la tuta la chiamano ‘toni’?

Tuta_toni
Modi di dire

In Toscana non abbiamo un vero e proprio dialetto, ma basta spostarsi di poco per trovare modi di dire diversi da una zona all’altra....

Vedi

I post più letti

Arezzo: Guido d'Arezzo e l'invenzione della musica

Guido-d-Arezzo
Presenze illustri

A Talla e dintorni non hanno dubbi: è nato proprio nel loro piccolo paesino in provincia di Arezzo, intorno al 922 d.C., l'inventore d...

Vedi

Pistoia: Il Bacio dei Cristi a Gavinana

Il-bacio-dei-cristi
Tradizioni popolari

E' un rito molto antico ma ancora in uso. Due grandi processioni che si incontrano, davanti ad ognuna un Cristo in croce: le teste dei ...

Vedi

Siena: Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Piero-Carbonetti
Tradizioni popolari

Sovversivo, perseguitato, anarchico, clochard, sognatore: è davvero difficile definire Piero Carbonetti, toscanaccio doc e garibaldino...

Vedi

Pisa: Kinzika, la giovane donna che salvò Pisa dai Saraceni

Kinzika
Tradizioni popolari

Fu veramente lei, una giovane donna dal nome arabeggiante, Kinzica appunto, della nobile famiglia dei Sismondi, a salvare Pisa dal sacc...

Vedi