Aneddoti & Curiosità

L’Albero dell’Amore a Lucignano

Opere e luoghi poco noti
albero-amore-lucignano

L’Albero dell’Amore a Lucignano

Lucignano, un grazioso borgo medievale della Toscana, a metà strada la città di Siena e quella di Arezzo. Ma cos’ha di tanto particolare rispetto ad altri villaggi della regione? Semplice, custodisce un gioiellino: l’Albero dell’Amore, conosciuto anche come Albero d’Oro o Albero della Vita. Conservato nel Museo Comunale di Lucignano, è considerato un vero e proprio capolavoro d’arte orafa gotica: si tratta infatti di un prezioso reliquiario in stile arboreo, decorato con smalti, corallo e cristalli.

Secondo un’antica tradizione locale, nel corso degli anni l’Albero d’Oro avrebbe assunto il nome di Albero dell’Amore o della Vita proprio per essere propizio agli innamorati. Non a caso, ancora oggi, sono molte le coppie di fidanzati che davanti all’Albero si scambiano promesse d’amore e di eterna fedeltà.

Dal punto di vista artistico e religioso invece, l’Albero di Lucignano è l’unico reliquiario al mondo a forma di albero: pensate che per realizzarlo ci sono voluti ben 121 anni! Iniziato da Ugolino di Vieri nel 1350 è stato terminato nel 1471 dal noto orafo senese Gabriello d’Antonio. Una grande base sorregge un piccolo tempietto gotico sul quale si innesta il fusto portante dell’Albero da dove dipartono 12 rami decorati con foglie di vite e piccole teche. Alcuni rametti sono invece in corallo rosso, in memoria del sangue versato da Cristo per poter generare una nuova vita.

Alla sua sommità troviamo un crocifisso e un pellicano che becca il suo stesso petto per sfamare i piccoli con il proprio sangue, altra immagine che rimanda all’atto d’amore compiuto da Cristo Salvatore nei confronti dell’umanità.

Se avete l’occasione di passare dalle parti di Arezzo, vi consigliamo di andare a vederlo di persona, magari insieme al vostro partner… sia mai che ci scappi una proposta di matrimonio! Se invece non siete ancora pronti per questo passo ma siete comunque innamorati, il nostro tour ‘Firenze Romantica’ è quello che fa per voi: potrete scoprirete le più famose e piccanti storie d’amore vissute nella splendida cornice del capoluogo toscano!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Toscana: Senza lilleri un si lallera!

Senza_lilleri
Modi di dire

Se avete già letto qualche altre aneddoto sui modi dire toscani avrete ormai capito che nella terra di Dante non esiste un vero e prop...

Vedi

Pisa: Il fantasma di Galileo: Ghostbusters all’opera in Piazza dei Miracoli!

Fantasma_Galielo
Misteri & Leggende

Anche il grande Galileo Galilei era toscano. Di Pisa per la precisione, dove all’Università studiò medicina prima di dedicarsi alla...

Vedi

Lucca: Santa Zita ed il miracolo dei legumi

Santa-Zita
Misteri & Leggende

In Italia abbiamo un Santo che protegge chi si impegna in qualsiasi professione. Santa Zita, uno dei personaggi più amati dai lucchesi...

Vedi

Firenze: Perché a Firenze la tuta la chiamano ‘toni’?

Tuta_toni
Modi di dire

In Toscana non abbiamo un vero e proprio dialetto, ma basta spostarsi di poco per trovare modi di dire diversi da una zona all’altra....

Vedi

I post più letti

Arezzo: Guido d'Arezzo e l'invenzione della musica

Guido-d-Arezzo
Presenze illustri

A Talla e dintorni non hanno dubbi: è nato proprio nel loro piccolo paesino in provincia di Arezzo, intorno al 922 d.C., l'inventore d...

Vedi

Pistoia: Il Bacio dei Cristi a Gavinana

Il-bacio-dei-cristi
Tradizioni popolari

E' un rito molto antico ma ancora in uso. Due grandi processioni che si incontrano, davanti ad ognuna un Cristo in croce: le teste dei ...

Vedi

Siena: Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Piero-Carbonetti
Tradizioni popolari

Sovversivo, perseguitato, anarchico, clochard, sognatore: è davvero difficile definire Piero Carbonetti, toscanaccio doc e garibaldino...

Vedi

Pisa: Kinzika, la giovane donna che salvò Pisa dai Saraceni

Kinzika
Tradizioni popolari

Fu veramente lei, una giovane donna dal nome arabeggiante, Kinzica appunto, della nobile famiglia dei Sismondi, a salvare Pisa dal sacc...

Vedi