Aneddoti & Curiosità

La Zecca di Lucca: la più antica e longeva d’Europa

Lo sapevate che...
Zecca_di_Lucca

La Zecca di Lucca: la più antica e longeva d’Europa

Un po’ come accade per i genovesi, anche i Lucchesi vengono additati come i più ‘tirchi’ della Toscana. Visto che il mio babbo e' di Lucca, posso affermare che, effettivamente, nella cosa c’è un fondo di verità. Sarà per questo loro interesse verso ‘ i quattrini’ (termine lucchese per il denaro), che la prima zecca d’Europa è nata proprio a Lucca? Potrebbe anche essere…

Quello che è sicuro è che la zecca di Lucca ha davvero origini antichissime che risalgono al VII secolo quando, sotto il dominio longobardo, furono emessi i primi ‘tremisse’. Si trattava di monete d’oro che riportavano il nome della città. La data d’inizio dell’attività dell’Uffizio della Zecca viene fatta coincidere con l’anno 650. Con Carlo Magno a Lucca si coniava il denaro carolingio, una moneta europea che può essere considerata nell’intento unificatore, l’antenata dell’attuale euro. Nel XIII secolo veniva battuto il ‘grosso lucchese’, una moneta che aveva come effige il volto santo di un crocifisso ligneo venerato a Lucca e considerato protettore della città. L’indipendenza di Lucca nel coniare le monete è proseguita fino all’inizio del XIX sec. con il periodo dei principi Baciocchi e con il franco centesimale battuto fino al 1817. Nel 1843 l’amministrazione Borbonica dette lo ‘stop’ alla Zecca che fino a quel momento, in dodici secoli di attività ininterrotta, aveva coniato più di 2.000 monete!

Da alcuni anni, presso la Casermetta di San Donato che si trova sulle Mura della città, è stato allestito il Museo dell’Antica Zecca di Lucca, dove sono esposti macchinari dell’epoca come torchi, bilancieri ed anche un pantografo, una cassaforte del ‘700 e diverse bilance. Se siete a Lucca e siete appassionati di storia e di antichità non fatevi mancare una visita a questo piccolo ma interessantissimo museo.

E visto che Firenze dista pochi chilometri, noi vi consigliamo di prenotare anche la nostra 'Visita guidata alla Bottega del Restauro del Duomo di Firenze'. Potrete così fare un altro tuffo nella storia visitando la Bottega dove Michelangelo scolpì il suo David ma scoprire anche le meraviglie della Cattedrale di Santa Maria del Fiore e del Battistero!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Toscana: Non avere il becco di un quattrino

Becco_di_un_Quattrino
Modi di dire

Sapete cosa voglia dire l’espressione ‘non avere il becco di un quattrino’? Purtroppo di questi tempi ho paura che siano in molti...

Vedi

Pistoia: Il Dandy sgargiante

Dandy_2
Presenze illustri

In quel di Pistoia si aggira un personaggio che, almeno dal punto di vista dell’abbigliamento, scuote la tranquillità della cittadin...

Vedi

Firenze: Il peposo: storia di un piatto antico e prelibato

Peposo_toscano
Lo sapevate che...

Insieme alla bistecca fiorentina il peposo è sicuramente uno dei piatti tradizionali toscani più conosciuti ed anche più gustosi. Si...

Vedi

Pistoia: Vanni Fucci il ladro di Pistoia

Vanni_Fucci
Curiosità storiche

Se leggendo il titolo state cercando di ricordare qualche fatto di cronaca che riguardasse questo Vanni Fucci siete fuori strada! Bisog...

Vedi

I post più letti

Arezzo: Guido d'Arezzo e l'invenzione della musica

Guido-d-Arezzo
Presenze illustri

A Talla e dintorni non hanno dubbi: è nato proprio nel loro piccolo paesino in provincia di Arezzo, intorno al 922 d.C., l'inventore d...

Vedi

Pistoia: Il Bacio dei Cristi a Gavinana

Il-bacio-dei-cristi
Tradizioni popolari

E' un rito molto antico ma ancora in uso. Due grandi processioni che si incontrano, davanti ad ognuna un Cristo in croce: le teste dei ...

Vedi

Siena: Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Piero-Carbonetti
Tradizioni popolari

Sovversivo, perseguitato, anarchico, clochard, sognatore: è davvero difficile definire Piero Carbonetti, toscanaccio doc e garibaldino...

Vedi

Pisa: Kinzika, la giovane donna che salvò Pisa dai Saraceni

Kinzika
Tradizioni popolari

Fu veramente lei, una giovane donna dal nome arabeggiante, Kinzica appunto, della nobile famiglia dei Sismondi, a salvare Pisa dal sacc...

Vedi