Aneddoti & Curiosità

La Villa di Celle a Pistoia, un sorprendente museo a cielo aperto

Opere e luoghi poco noti
Villa_celle

La Villa di Celle a Pistoia, un sorprendente museo a cielo aperto

Pistoia è una città dalle mille sorprese ed una di queste è la Villa di Celle, a Santomato in direzione di Montale. L’antica villa ospita la ‘Collezione Gori’, ampia raccolta di istallazioni all’aperto disseminate nel parco all’Inglese e di opere d’arte contemporanea visibili negli spazi espositivi del complesso della villa. Si tratta di un’esperienza unica che entusiasmerà gli appassionati d’arte, ma che rapirà, in un magico turbinio di stupore e meraviglia, qualsiasi visitatore.

L’idea della selezione di ‘Land art’ viene a Giuliano Gori, un collezionista che fiuta subito nell’aria la modernità della nuova tendenza, secondo la quale l’artista si confronta direttamente con la natura, non semplice spazio espositivo, ma parte integrante dell’opera stessa. Così Giuliano Gori, nel 1982, inaugura le prime 15 istallazioni di cui ben nove sono all’aperto.

Adesso la collezione ne raccoglie addirittura 80, tant’è che per la visita, per la quale occorre prenotarsi telefonicamente, ci vogliono circa quattro ore. Appena si arriva ci si accorge subito che non è un luogo come gli altri: davanti all’entrata si staglia la prima delle istallazioni, il ‘Grande Ferro’ di Alberto Burri. Si tratta di una struttura in ferro dipinta di rosso alta più di cinque metri e che ricorda vagamente la forma di una cipolla.

Qualche esempio delle opere esposte nel parco dovrebbero bastare a solleticare la vostra curiosità: ‘La cabane éclatée aux 4 salles’ (‘la capanna esplosa di 4 vani’) di Daniel Burren  è un gioco di specchi e porte con il quale interagire entrando ed uscendo; il ‘Labirinto’ di Robert Morris  dove le strisce di marmo bicolore, tipiche delle chiese toscane, aumentano il disagio del percorso angusto; ‘Katarsis’ di Maddalena Abakanowicz costituito da 33 figure stilizzate  in bronzo, senza né braccia ne gambe, disposte su un prato ed infine l’eterea Scultura flottante Celle’ di Marta Pan: due elementi della stessa forma e colore ma di dimensioni diverse, che richiamano al rapporto madre-figlio, fluttuano in libertà nel laghetto del parco.

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Toscana: ‘Buco pillonzi’, tutta l’irriverenza toscana nel buffo modo di dire

Buho_Pillonzi
Modi di dire

Il toscano non è solo il dialetto nel quale si aspira la ‘c’. Anzi per dirvela tutta, a noi questa storia fritta e rifritta della ...

Vedi

Pistoia: Da dove viene il nome dell’Ospedale del Ceppo di Pistoia?

Ospedale_ceppo
Misteri & Leggende

Tra le tante bellezze che la deliziosa città di Pistoia offre ai suoi visitatori, l’Ospedale del Ceppo è sicuramente tra le più co...

Vedi

Firenze: La 'Rificolona': un buffo nome frutto dello scherzoso spirito fiorentino!

Rificolona
Tradizioni popolari

Le lanterne adesso vanno di gran moda e si usano nelle feste e nei matrimoni. A Firenze, però, sono sempre stati avanti, tant’è che...

Vedi

Firenze: Anche a Firenze hanno il ‘braccio corto’!

Braccio Fiorentino_2
Curiosità storiche

Quante volte avete sentito l’espressione ‘avere il braccino corto’? Tante vero? Allora saprete anche che significa avere una natu...

Vedi

I post più letti

Arezzo: Guido d'Arezzo e l'invenzione della musica

Guido-d-Arezzo
Presenze illustri

A Talla e dintorni non hanno dubbi: è nato proprio nel loro piccolo paesino in provincia di Arezzo, intorno al 922 d.C., l'inventore d...

Vedi

Pistoia: Il Bacio dei Cristi a Gavinana

Il-bacio-dei-cristi
Tradizioni popolari

E' un rito molto antico ma ancora in uso. Due grandi processioni che si incontrano, davanti ad ognuna un Cristo in croce: le teste dei ...

Vedi

Siena: Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Piero-Carbonetti
Tradizioni popolari

Sovversivo, perseguitato, anarchico, clochard, sognatore: è davvero difficile definire Piero Carbonetti, toscanaccio doc e garibaldino...

Vedi

Pisa: Kinzika, la giovane donna che salvò Pisa dai Saraceni

Kinzika
Tradizioni popolari

Fu veramente lei, una giovane donna dal nome arabeggiante, Kinzica appunto, della nobile famiglia dei Sismondi, a salvare Pisa dal sacc...

Vedi