Aneddoti & Curiosità

La Valle del Cioccolato, la Toscana più dolce che c’è!

Presenze illustri
Choccolate_Valley

La Valle del Cioccolato, la Toscana più dolce che c’è!

Se si pensa alla Toscana vengono subito in mente le bistecche alla fiorentina ed il Chianti. Ma in una regione così ‘goduriosa’ non poteva certo mancare il dolce! Ed ecco che accanto alle colline del Chianti ed a quelle dove pascolano le mucche Chianine spunta, tra Prato, Pistoia e Pisa, la Valle del Cioccolata o ‘Chocolate Valley’ tanto per non farci mai mancare un po’ d’Inglese. State già pensando a Willy Wonka ed ai fiumi di cioccolato che scorrevano nel suo mondo goloso? Beh, la valle toscana non è proprio così, ma gli amanti del ‘cibo degli Dei’ potranno ampiamente soddisfare le loro voglie.

Partiamo da Pisa, dove ha la sua attività Paul Bondt, un cioccolatiere olandese che si era innamorato di una designer italiana. Da questa romantica unione è nata un’azienda artigianale tra le più conosciute a livello internazionale. Sono stati trai primi a proporre tavolette con spezie ed aromi particolari come bergamotto, gelsomino, the e rosa. Da provare i cioccolatini ‘De Bondt Ryè’ nati dalla collaborazione con l’azienda siciliana che produce il passito di Pantelleria ‘Ben Ryè’. Assolutamente da assaggiare!

Spostiamoci ad Agliana in provincia di Pistoia, dove la dolcezza raddoppia perché qui i cioccolatieri sono addirittura due. Quello storico è Roberto Catinari, un maestro di fama mondiale, ormai alla soglia degli 80 anni ma sempre innamorato del suo mestiere. Ma ad Agliana c’è anche Luca Mannori, che dagli anni 90 conduce la sua cioccolateria unendo tradizione e modernità. Fantastiche le sue torte, alcune delle quali oltre ad essere buonissime, sembrano vere opere di design.

Se la vostra voglia di dolce non è ancor esaurita, spostatevi a Monsummano, sempre in provincia di Pistoia, e andate da Andrea Slitti. Tanto per intendersi sul livello di bravura vi basterà sapere che nel 1994 ha vinto il ‘Grand Prix International de La Chocolaterie’ a Parigi. Da Slitti potete fare una vera indigestione di praline, ce ne sono per tutti i gusti: cappuccino, espresso, cocco, sambuca e nocciola. E visto che Slitti è specializzato anche nel caffè, niente di meglio che gustarvene una buona tazzina. Vi aiuterà di sicuro a digerire tutta la cioccolata che avete mangiato!

Se vi piacciono i dolci, cimentatevi con i nostri corsi! Nella sezione ‘Tour Enogastronomici’ di toscanainside.com potrete scegliere tra una ‘Visita guidata di Siena con corso di gelateria’ ed un ‘Corso di pizza a Gelato a Firenze con degustazione finale’!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Lucca: Chi ha inventato il 'Burlamacco'?

Burlamacco
Lo sapevate che...

Sapete chi è il Burlamacco? Se siete stati al Carnevale di Viareggio lo avrete visto di sicuro, altrimenti ve lo racconto io. Il Burla...

Vedi

Firenze: Anche il borotalco Roberts è nato a Firenze!

Talco_Roberts
Lo sapevate che...

Avete presente il borotalco Roberts? Quello nel barattolo verde con i decori in stile liberty e le scritte in rosso. Chi di voi è nato...

Vedi

Pisa: La leggenda di San Miniato, il Santo senza testa

San_Miniato
Misteri & Leggende

San Miniato è un Santo molto venerato in Toscana. Basti pensare al delizioso borgo in provincia di Pisa che proprio da lui prende il n...

Vedi

Arezzo: Clarke: il giovane capitano che salvò 'La Resurrezione'

Uomo_che_salvo_resurrezione
Curiosità storiche

Oggi sono in vena di raccontarvi una bella storia. Niente fantasmi per questa volta! E’ una storia talmente bella che se ne potrebbe ...

Vedi

I post più letti

Arezzo: Guido d'Arezzo e l'invenzione della musica

Guido-d-Arezzo
Presenze illustri

A Talla e dintorni non hanno dubbi: è nato proprio nel loro piccolo paesino in provincia di Arezzo, intorno al 922 d.C., l'inventore d...

Vedi

Pistoia: Il Bacio dei Cristi a Gavinana

Il-bacio-dei-cristi
Tradizioni popolari

E' un rito molto antico ma ancora in uso. Due grandi processioni che si incontrano, davanti ad ognuna un Cristo in croce: le teste dei ...

Vedi

Siena: Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Piero-Carbonetti
Tradizioni popolari

Sovversivo, perseguitato, anarchico, clochard, sognatore: è davvero difficile definire Piero Carbonetti, toscanaccio doc e garibaldino...

Vedi

Pisa: Kinzika, la giovane donna che salvò Pisa dai Saraceni

Kinzika
Tradizioni popolari

Fu veramente lei, una giovane donna dal nome arabeggiante, Kinzica appunto, della nobile famiglia dei Sismondi, a salvare Pisa dal sacc...

Vedi