Aneddoti & Curiosità

La Torretta di Caprona sul Monte Pisano

Curiosità storiche
Torre_Caprona

La Torretta di Caprona sul Monte Pisano

Se percorrendo la SP2 che porta da Pisa al Monte Serra vi capitasse di vedere una torretta in equilibrio apparentemente precario su uno sperone di roccia quasi interamente scavata da una cava… bhè, non state sognando ad occhi aperti! Si tratta della ‘Torre di Caprona’ ovvero quel che resta di un antico castello che dominava la Valle dell’Arno fino a Pisa e alla foce. Seppure attualmente si trovi in uno stata di degrado e abbandono, la sua particolare posizione sull’orlo di un precipizio scavato dall’uomo, la rende una rarità paesaggistica di forte impatto.

La Torre degli Upezzinghi, nota anche come Torre di Caprona, è stata realizzata nel XIX secolo come copia di quella originale che, insieme al castello, venne distrutta dai Fiorentini nel 1433 dopo la loro conquista di Pisa. Dovete sapere infatti, che nel 1289 si svolse una battaglia tra i Guelfi (lucchesi e fiorentini) e Ghibellini (pisani): dopo un assedio durato 8 giorni, i soldati della lega guelfa asserragliati all’interno del castello, dovettero arrendersi ed uscire tra due ali di soldati nemici.

E sapete chi partecipò a questa azione di guerra? Nientepopodimeno che… Dante Alighieri! Ebbene sì, il Sommo Poeta faceva parte della milizia fiorentina che conquistò la piazzaforte pisana. Nel XXI canto dell’Inferno della Divina Commedia, cita la paura che vide nei volti dei pisani sconfitti costretti a sfilare davanti ai suoi occhi:

« così vid'ïo già temer li fanti
ch'uscivan patteggiati di Caprona,
veggendo sé tra nemici cotanti.
»

Scommetto che siete tentati di andare a vedere la Torretta di Caprona, vero? Dalla via provinciale vicarese all’altezza di Caprona, svoltate in via delle cave e parcheggiata alla fine della strada; da lì, proseguite a piedi lungo il sentiero in salita attraversando una suggestiva oliveta.

Vista la vicinanza alla città della Torre pendente, vi consigliamo di prenotare uno dei nostri tour a Pisa per scoprire le meraviglie che racchiude questa splendida città!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Firenze: Viene da Firenze ‘L’urlo’ di Munch?

Urlo_Munch
Lo sapevate che...

‘L’urlo’ di Munch è probabilmente uno dei quadri più famosi e più conosciuti al mondo. Fu dipinto nel 1893 e, come scrisse l'a...

Vedi

Livorno: Il ‘ponce’: un rito tutto livornese

Ponce-alla-livornese
Tradizioni popolari

Livorno è una città che ha tanto da offrire a chi la visita: la bellezza del mare da ammirare dalla Terrazza Mascagni, i quattro mori...

Vedi

Firenze: Buontalenti e l’invenzione della gelatiera

Buontalenti
Lo sapevate che...

Bernardo Buontalenti è un personaggio tra i più interessanti del Rinascimento fiorentino: personalità eclettica, fu architetto, pitt...

Vedi

Toscana: Non avere il becco di un quattrino

Becco_di_un_Quattrino
Modi di dire

Sapete cosa voglia dire l’espressione ‘non avere il becco di un quattrino’? Purtroppo di questi tempi ho paura che siano in molti...

Vedi

I post più letti

Arezzo: Guido d'Arezzo e l'invenzione della musica

Guido-d-Arezzo
Presenze illustri

A Talla e dintorni non hanno dubbi: è nato proprio nel loro piccolo paesino in provincia di Arezzo, intorno al 922 d.C., l'inventore d...

Vedi

Pistoia: Il Bacio dei Cristi a Gavinana

Il-bacio-dei-cristi
Tradizioni popolari

E' un rito molto antico ma ancora in uso. Due grandi processioni che si incontrano, davanti ad ognuna un Cristo in croce: le teste dei ...

Vedi

Siena: Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Piero-Carbonetti
Tradizioni popolari

Sovversivo, perseguitato, anarchico, clochard, sognatore: è davvero difficile definire Piero Carbonetti, toscanaccio doc e garibaldino...

Vedi

Pisa: Kinzika, la giovane donna che salvò Pisa dai Saraceni

Kinzika
Tradizioni popolari

Fu veramente lei, una giovane donna dal nome arabeggiante, Kinzica appunto, della nobile famiglia dei Sismondi, a salvare Pisa dal sacc...

Vedi