Aneddoti & Curiosità

La Torre del Diavolo a San Gimignano: dal medioevo alla realtà virtuale

Misteri & Leggende
Torre_del_Diavolo

La Torre del Diavolo a San Gimignano: dal medioevo alla realtà virtuale

Si dice che il diavolo faccia ‘le pentole ma non i coperchi’. Eppure in Toscana sembra si sia divertito parecchio anche con ponti e torri! Tutte le volte che qualche costruzione è stata tirata su in troppo poco tempo, e non si è riusciti a darsi una spiegazione per tanta velocità, l’opera è stata attribuita proprio a Satana. A San Gimignano, il delizioso paese delle Torri dove delle 72 originarie ne rimangono ben 14, ne esiste una che viene chiamata proprio la Torre del Diavolo.

Si trova in Piazza della Cisterna poco dopo Vicolo dell’Oro e fa parte di Palazzo Cortesi. Si narra che quando il proprietario tornò da un lungo viaggio, si convinse che la torre fosse cresciuta in altezza di diversi metri ma nessuno seppe dargli una spiegazione plausibile. Non trovando chi avesse compiuto quell’opera si dette la colpa, anzi, in questo caso il merito, al diavolo. Un’altra ipotesi vede nell’aspetto sinistro della torre la spiegazione di un nome tanto nefasto. In effetti le strette feritoie dell’ultimo piano così come i sostegni ai quali venivano fissati i ballatoi gli conferiscono un aspetto inespugnabile che probabilmente ha contribuito ad alimentare la storia dello zampino del diavolo. Potrebbe anche essere stato qualcuno che, per nascondere qualche mistero iniziatico, abbia innalzato la torre per nasconderci dentro qualche segreto. Del resto a San Gimignano i simboli dei Templari si trovano un po’ ovunque e questa spiegazione non sarebbe del tutto fuori luogo.

Qualunque sia l’origine del nome ed i misteri che si celano tra le sue mura l’antica torre ha intrigato anche gli ideatori di uno dei videogiochi che vanno per la maggiore e dal quale è stato tratto anche un film. Si tratta di ‘Assasin Creed’ un gioco ambientato nel medioevo dove, in uno dei vari livelli, il giocatore deve scalare proprio la Torre del Diavolo. Comunque, detto tra noi, meglio andarla a vedere di persona piuttosto che vederla su uno schermo. Approfittate del nostro Tour di Siena, San Gimignano e Monteriggioni con degustazione nel Chianti ed avrete tutto il tempo di girare per il paese e di andare a cercare indizi proprio sotto la misteriosa torre. Buon divertimento!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Toscana: I Maledetti Toscani di Curzio Malaparte

Maledetti_Toscani
Presenze illustri

Maledetti Toscani. Perché’ maledetti? E’ il titolo di un libro che illustra in modo tagliente e schietto gli aspetti più veri del...

Vedi

Firenze: Fabio Picchi: da Firenze al Giappone in un piatto!

Fabio_Picchi
Presenze illustri

Ci sono personaggi a Firenze che sono delle vere e proprie istituzioni. L’istrionico Fabio Picchi è proprio uno di questi. Lo avrete...

Vedi

Siena: Il Mulino Bianco esiste davvero ed è in Toscana!

Mulino_Chiusdino
Opere e luoghi poco noti

Alzi la mano, anzi no, faccia un click sul mouse chi non ha mai mangiato baiocchi, macine o tegolini? Come immaginavo siete davvero poc...

Vedi

Firenze: Cencio, granata e cannella: il vocabolario della casalinga fiorentina

Dizionario_casalinga_toscana
Modi di dire

Ed eccoci qua, ancora una volta, a farci una bella lezioncina di toscano. Questa volta ci concentreremo su parole di uso più che quoti...

Vedi

I post più letti

Arezzo: Guido d'Arezzo e l'invenzione della musica

Guido-d-Arezzo
Presenze illustri

A Talla e dintorni non hanno dubbi: è nato proprio nel loro piccolo paesino in provincia di Arezzo, intorno al 922 d.C., l'inventore d...

Vedi

Pistoia: Il Bacio dei Cristi a Gavinana

Il-bacio-dei-cristi
Tradizioni popolari

E' un rito molto antico ma ancora in uso. Due grandi processioni che si incontrano, davanti ad ognuna un Cristo in croce: le teste dei ...

Vedi

Siena: Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Piero-Carbonetti
Tradizioni popolari

Sovversivo, perseguitato, anarchico, clochard, sognatore: è davvero difficile definire Piero Carbonetti, toscanaccio doc e garibaldino...

Vedi

Pisa: Kinzika, la giovane donna che salvò Pisa dai Saraceni

Kinzika
Tradizioni popolari

Fu veramente lei, una giovane donna dal nome arabeggiante, Kinzica appunto, della nobile famiglia dei Sismondi, a salvare Pisa dal sacc...

Vedi