Aneddoti & Curiosità

La storia di un vero toscano: il fiasco!

Lo sapevate che...
fiasco_fila_

La storia di un vero toscano: il fiasco!

Un vaso di vetro, rotondo e corpacciuto, senza piede, con una copertura di erba palustre che cinge il corpo e forma a piè di questo la base…’: si è scomodata anche l’insigne Accademia della Crusca nel 1887 per darne una giusta definizione e piaceva a personaggi illustri come Leonardo da Vinci, Lorenzo de Medici, Michelangelo e Botticelli. Stiamo parlando del fiasco del vino, un oggetto che come un'incredibile macchina del tempo, riporta subito indietro nel tempo: alle vecchie trattorie di una volta con la tovaglia a quadri o al vino tenuto nella madia delle grandi cucine di campagna. Oggi i vini ‘blasonati’ invadono il mondo in eleganti bottiglie affusolate, ma sapete che in passato invece accadeva il contrario ed il vino buono lo si trovava solo nei fiaschi?

I primi fiaschi nacquero intorno alla fine del ‘200 nelle zone del Val d’Arno e della Val D’Elsa: i mastri vetrai cominciarono a produrre dei contenitori panciuti che assomigliavano alle borracce dei viaggiatori. Per proteggere il vetro, in modo da trasportare meglio il contenuto, si ricoprì il recipiente con un’erba palustre (chiamata sala o stiancia).

La copertura della bottiglia dette adito a diverse frodi: la più comune era quella di mettere meno vino…tanto non si vedeva! Così fu deciso di apporre un particolare sigillo, detto Segno Pubblico, prima alla copertura e poi direttamente al vetro. La forma che è arrivata fino a giorni nostri si chiama ‘Toscanella’ grazie ad un deputato fiorentino che dovendo risiedere a Roma si faceva mandare il Chianti. Alle bottiglie inviate al Toscanelli, spesso saltava il tappo! Si trovò la soluzione restringendo il collo del fiasco che assunse la forma che conosciamo.

Fino agli anni ’60 il fiasco era sinonimo di vino di grande qualità ma presto si cominciarono a vendere anche i vini non eccelsi in quel contenitore. Fu lì che iniziò il declino del mitico fiasco che sempre di più venne associato con il vino di pessima qualità! La sostituzione del rivestimento in paglia con altri in plastica decretò la morte di un oggetto che fortunatamente oggi viene rivalutato!

Attorno ai meravigliosi vini toscani ruotano tante storie ed aneddoti come quello che vi abbiamo appena raccontato, scopritele con i nostri tour enogastronomici : le nostre guide ne sanno davvero tante!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Lamporecchio: La storia dei brigidini di Lamporecchio.

brigidini-lamporecchio-1
Tradizioni popolari

I brigidini….che bontà, chi non li conosce? Il loro profumo dolce pervade l’aria di qualsiasi fiera o sagra di paese. Danno subito...

Vedi

Pistoia: Il Castagno di Pistoia: il piccolo borgo diventato museo.

castagno-di-piteccio-opera
Opere e luoghi poco noti

Vicino a Pistoia, per la precisione a soli 12 km dall'incantevole centro medievale della città,  c’è un altrettanto incantevol...

Vedi

Toscana: Un angolo di Tibet vicino a Pisa.

Pomaia_
Opere e luoghi poco noti

Pomaia è un piccolo borgo del Comune di Santa Luce a Pisa e qui, tra le colline, si trova il centro buddista più grande d...

Vedi

Pisa: La torta coi bischeri di Pisa

torta con i bischeri
Tradizioni popolari

La torta coi ‘bischeri è tipica di San Giuliano Terme, in provincia di Pisa. Vi basta dare un’occhiata alla foto, per rendervi con...

Vedi

I post più letti

Arezzo: Guido d'Arezzo e l'invenzione della musica

Guido-d-Arezzo
Presenze illustri

A Talla e dintorni non hanno dubbi: è nato proprio nel loro piccolo paesino in provincia di Arezzo, intorno al 922 d.C., l'inventore d...

Vedi

Pistoia: Il Bacio dei Cristi a Gavinana

Il-bacio-dei-cristi
Tradizioni popolari

E' un rito molto antico ma ancora in uso. Due grandi processioni che si incontrano, davanti ad ognuna un Cristo in croce: le teste dei ...

Vedi

Siena: Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Piero-Carbonetti
Tradizioni popolari

Sovversivo, perseguitato, anarchico, clochard, sognatore: è davvero difficile definire Piero Carbonetti, toscanaccio doc e garibaldino...

Vedi

Pisa: Kinzika, la giovane donna che salvò Pisa dai Saraceni

Kinzika
Tradizioni popolari

Fu veramente lei, una giovane donna dal nome arabeggiante, Kinzica appunto, della nobile famiglia dei Sismondi, a salvare Pisa dal sacc...

Vedi