Aneddoti & Curiosità

La Statua della Libertà di Firenze

Curiosità storiche
Statua_libertà

La Statua della Libertà di Firenze

Avete presente la Statua della Libertà, il simbolo americano più famoso? Sapete che a Firenze si trova un’opera molto simile? Per accorgersene basta entrare nella Basilica di Santa Croce dove troverete una statua che assomiglia davvero tantissimo a Lady Liberty di New York. Certo le dimensioni sono più ridotte, visto che quella di Firenze è alta meno di mezzo metro mentre quella americana raggiunge i 93 metri, ma la somiglianza è davvero tanta! Ma non crediate che siano state i fiorentini a copiare! I fatti confermano piuttosto il contrario!

Intanto la statua della libertà americana fu inaugurata nel 1886 mentre quella fiorentina nel 1883, cioè tre anni prima. Come si sa Lady Liberty fu donata dai francesi agli americani per festeggiare il centesimo anniversario della loro indipendenza. L’autore della scultura era il francese Frédéric Auguste Bartholdi che, a quanto sembra, prima di dedicarsi alla realizzazione della mastodontica opera avrebbe frequentato l’Italia. Era infatti un fervente repubblicano convinto e sostenitore di Garibaldi, del quale fu persino ufficiale di collegamento e potrebbe essere stato in Italia nel 1870 quando Pio Fedi, l’autore della statua di Santa Croce, stava lavorando ai bozzetti. Ci sono ampie possibilità che possa averli visti e che ne abbia tratto ispirazione.

Per farvi un’idea provate a confrontare le due statue. Tutte e due, per esempio, hanno una corona di raggi. Quella di New York ne ha sette, come i sette mari, mentre quella di Firenze chiamata Libertà della Poesia ne ha otto. Tutte e due hanno una catena spezzata: quella di Fedi la tiene nella mano destra mentre quella di Bartholdi la tiene sotto un piede. La mano destra di Lady Liberty brandisce la famosa fiaccola della libertà mentre quella della Basilica di Santa Croce ha in mano la corona d’alloro simbolo della poesia. Le somiglianze sono davvero tante, vero? Così come tante altre sono le curiosità che si nascondono tra le piazze, le strade e gli edifici di Firenze. Per scoprirli non dovrete fare tanta fatica, vi basterà prenotare uno dei nostri tour a Firenze. Saranno le nostre guide a raccontarvi tanti aneddoti e storie inedite sulla meravigliosa culla del Rinascimento.

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Firenze: Viene da Firenze ‘L’urlo’ di Munch?

Urlo_Munch
Lo sapevate che...

‘L’urlo’ di Munch è probabilmente uno dei quadri più famosi e più conosciuti al mondo. Fu dipinto nel 1893 e, come scrisse l'a...

Vedi

Livorno: Il ‘ponce’: un rito tutto livornese

Ponce-alla-livornese
Tradizioni popolari

Livorno è una città che ha tanto da offrire a chi la visita: la bellezza del mare da ammirare dalla Terrazza Mascagni, i quattro mori...

Vedi

Firenze: Buontalenti e l’invenzione della gelatiera

Buontalenti
Lo sapevate che...

Bernardo Buontalenti è un personaggio tra i più interessanti del Rinascimento fiorentino: personalità eclettica, fu architetto, pitt...

Vedi

Toscana: Non avere il becco di un quattrino

Becco_di_un_Quattrino
Modi di dire

Sapete cosa voglia dire l’espressione ‘non avere il becco di un quattrino’? Purtroppo di questi tempi ho paura che siano in molti...

Vedi

I post più letti

Arezzo: Guido d'Arezzo e l'invenzione della musica

Guido-d-Arezzo
Presenze illustri

A Talla e dintorni non hanno dubbi: è nato proprio nel loro piccolo paesino in provincia di Arezzo, intorno al 922 d.C., l'inventore d...

Vedi

Pistoia: Il Bacio dei Cristi a Gavinana

Il-bacio-dei-cristi
Tradizioni popolari

E' un rito molto antico ma ancora in uso. Due grandi processioni che si incontrano, davanti ad ognuna un Cristo in croce: le teste dei ...

Vedi

Siena: Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Piero-Carbonetti
Tradizioni popolari

Sovversivo, perseguitato, anarchico, clochard, sognatore: è davvero difficile definire Piero Carbonetti, toscanaccio doc e garibaldino...

Vedi

Pisa: Kinzika, la giovane donna che salvò Pisa dai Saraceni

Kinzika
Tradizioni popolari

Fu veramente lei, una giovane donna dal nome arabeggiante, Kinzica appunto, della nobile famiglia dei Sismondi, a salvare Pisa dal sacc...

Vedi