Aneddoti & Curiosità

La misteriosa storia di Lucida Mansi

Misteri & Leggende
Lucida_Mansi

La misteriosa storia di Lucida Mansi

Il fantasma di Lucida Mansi è uno dei più celebri della Toscana tant’è che uno dei personaggi principali che si aggirano per Borgo Mozzano durante la 'Halloween Celebration' è proprio lei! Ma chi era Lucida Mansi? Era una nobildonna lucchese particolarmente libertina vissuta tra il 1606 ed il 1646. Sembra che per poter più facilmente intrecciare relazioni con i suoi amanti avesse addirittura ucciso il marito. La cosa inquietante è che la stessa sorte toccò anche ai suoi amanti! Dopo le loro prestazioni amorose li gettava, infatti, in una botola rivestita di lame acuminate. Una vera e propria mantide!

Lucida era particolarmente bella ed innamorata della sua stessa bellezza. Sembra che la sua casa fosse piena di specchi e che ce ne fosse uno addirittura tra il libro delle preghiere ed un altro sopra il letto per addormentarsi guardando la propria immagine. I problemi iniziarono quando tutti quelli specchi cominciarono a far intravedere qualche ruga. A quei tempi, ahimè, non esistevano punturine di botox e lifting. Non le rimase quindi, che vendere l’anima al diavolo in cambio di trent’anni durante i quali non sarebbe invecchiata.

Tutto bene finché non arrivò la fatidica data del 14 agosto 1646, giorno nel quale il patto arrivava alla sua scadenza. Lucida tentò invano di sfuggire al suo destino salendo su la torre delle ore e provando a fermare l’orologio. Il piano non riuscì ed a mezzanotte in punto arrivò il diavolo che la caricò su una carrozza infuocata. Questa percorse a tutta velocità le mura e ad un certo punto deragliò facendo cadere Lucida nel laghetto del Giardino dell’Orto Botanico in uno dei luoghi più misteriosi di Lucca. Qui inizia la leggenda: il volto di Lucida si vedrebbe ancora sul fondo del laghetto mentre il fantasma della bella nobildonna apparirebbe in quasi tutte le proprietà della famiglia Mansi. E non è finita qui! Nella notti di luna piena sulle mura si vedrebbe ancora la carrozza infuocata! Non vi resta che organizzarvi per venire a Lucca durante il prossimo plenilunio così scoprirete se è vero. Se vi piacciono i brividi provate anche il nostro tour ‘Firenze da paura’, i colpi di scena al cardiopalma non mancheranno!

 

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Firenze: Ma che hai il palletico?

Palletico_Vohabolario
Modi di dire

Per spiegare questo termine basta un esempio semplice, semplice: avete presente quando durante il compito in classe muovevate ritmicame...

Vedi

Firenze: La storia di un vero toscano: il fiasco!

fiasco_fila_
Lo sapevate che...

Un vaso di vetro, rotondo e corpacciuto, senza piede, con una copertura di erba palustre che cinge il corpo e forma a piè di questo la...

Vedi

Volterra: La pietra degli Dei di Volterra.

alabastro_Volterra
Lo sapevate che...

Volterra viene spesso definita come ‘gioiello di pietra’. In effetti tutto è costruito con questo materiale:  le strade,...

Vedi

Pistoia: I confetti di Pistoia hanno conquistato anche Zeffirelli!

confetti pistoia
Lo sapevate che...

I confetti di Pistoia son proprio una prelibatezza anche se a vederli sono un po’ buffi! Sono bianchi ed hanno una forma davvero part...

Vedi

I post più letti

Arezzo: Guido d'Arezzo e l'invenzione della musica

Guido-d-Arezzo
Presenze illustri

A Talla e dintorni non hanno dubbi: è nato proprio nel loro piccolo paesino in provincia di Arezzo, intorno al 922 d.C., l'inventore d...

Vedi

Pistoia: Il Bacio dei Cristi a Gavinana

Il-bacio-dei-cristi
Tradizioni popolari

E' un rito molto antico ma ancora in uso. Due grandi processioni che si incontrano, davanti ad ognuna un Cristo in croce: le teste dei ...

Vedi

Siena: Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Piero-Carbonetti
Tradizioni popolari

Sovversivo, perseguitato, anarchico, clochard, sognatore: è davvero difficile definire Piero Carbonetti, toscanaccio doc e garibaldino...

Vedi

Pisa: Kinzika, la giovane donna che salvò Pisa dai Saraceni

Kinzika
Tradizioni popolari

Fu veramente lei, una giovane donna dal nome arabeggiante, Kinzica appunto, della nobile famiglia dei Sismondi, a salvare Pisa dal sacc...

Vedi