Aneddoti & Curiosità

La leggenda di San Miniato, il Santo senza testa

Misteri & Leggende
San_Miniato

La leggenda di San Miniato, il Santo senza testa

San Miniato è un Santo molto venerato in Toscana. Basti pensare al delizioso borgo in provincia di Pisa che proprio da lui prende il nome ed a San Miniato a Monte, la Chiesa che si erge su un poggio vicino a Piazzale Michelangelo e dalla quale si gode una meravigliosa vista di Firenze.

Ma chi era San Miniato? Come spesso succede in questi casi non essendoci fonti sicure le ipotesi sono più di una. Ai fatti più o meno verosimili si mescolano, inoltre, leggende e misteri assolutamente senza spiegazione alcuna ma tremendamente affascinanti. Secondo una delle due ipotesi, Miniato era addirittura un Re Armeno che ebbe la sfortuna di trovarsi a Firenze circa nel 250 d.C. durante il periodo delle persecuzioni contro i Cristiani. Secondo la leggenda si rifiutò di venerare l’Imperatore Decio e gli Dei e per questo subì una tremenda sorte. Prima fu torturato in tutti i modi possibili ed immaginabili ma visto che resisteva alla fine fu deciso di tagliargli la testa. Il tutto avvenne in una sorta di anfiteatro che sorgeva nella zona dell’attuale Santa Croce. Qui arriva il colpo di scena da film dell’horror: il Santo si sarebbe rialzato, avrebbe preso la testa sotto braccio e si sarebbe recato sul poggio sopra Firenze. Per questo sul luogo fu poi costruita la Chiesa di San Miniato a Monte.

Secondo un’altra ipotesi Miniato sarebbe semplicemente un soldato romano ma il finale della storia con le torture e Santo senza testa che si aggira per Firenze rimane lo stesso. Anche in questo caso la Chiesa, che sovrasta da una collina Firenze e l’Arno, sarebbe stata costruita in suo onore.

Firenze nasconde tante altre storie come questa, storie da brivido. Se vi va di scoprirle prenotate il nostro tour 'Firenze da paura: tour privato tra fantasmi, misteri e storie noir'.

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Toscana: Non avere il becco di un quattrino

Becco_di_un_Quattrino
Modi di dire

Sapete cosa voglia dire l’espressione ‘non avere il becco di un quattrino’? Purtroppo di questi tempi ho paura che siano in molti...

Vedi

Pistoia: Il Dandy sgargiante

Dandy_2
Presenze illustri

In quel di Pistoia si aggira un personaggio che, almeno dal punto di vista dell’abbigliamento, scuote la tranquillità della cittadin...

Vedi

Firenze: Il peposo: storia di un piatto antico e prelibato

Peposo_toscano
Lo sapevate che...

Insieme alla bistecca fiorentina il peposo è sicuramente uno dei piatti tradizionali toscani più conosciuti ed anche più gustosi. Si...

Vedi

Pistoia: Vanni Fucci il ladro di Pistoia

Vanni_Fucci
Curiosità storiche

Se leggendo il titolo state cercando di ricordare qualche fatto di cronaca che riguardasse questo Vanni Fucci siete fuori strada! Bisog...

Vedi

I post più letti

Arezzo: Guido d'Arezzo e l'invenzione della musica

Guido-d-Arezzo
Presenze illustri

A Talla e dintorni non hanno dubbi: è nato proprio nel loro piccolo paesino in provincia di Arezzo, intorno al 922 d.C., l'inventore d...

Vedi

Pistoia: Il Bacio dei Cristi a Gavinana

Il-bacio-dei-cristi
Tradizioni popolari

E' un rito molto antico ma ancora in uso. Due grandi processioni che si incontrano, davanti ad ognuna un Cristo in croce: le teste dei ...

Vedi

Siena: Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Piero-Carbonetti
Tradizioni popolari

Sovversivo, perseguitato, anarchico, clochard, sognatore: è davvero difficile definire Piero Carbonetti, toscanaccio doc e garibaldino...

Vedi

Pisa: Kinzika, la giovane donna che salvò Pisa dai Saraceni

Kinzika
Tradizioni popolari

Fu veramente lei, una giovane donna dal nome arabeggiante, Kinzica appunto, della nobile famiglia dei Sismondi, a salvare Pisa dal sacc...

Vedi