Aneddoti & Curiosità

La leggenda della Berta a Firenze

Opere e luoghi poco noti
Berta

La leggenda della Berta a Firenze

Firenze, la ‘Culla del Rinascimento’, un vero scrigno di arte e cultura. Ma oltre cotanta bellezza, il capoluogo toscano nasconde molte stranezze e curiosità. Quella che vogliamo raccontarvi oggi è legata alla Berta. Vi dice niente? Beh, immaginiamo di no… niente pausa, noi di toscanainside.com siamo qui apposta per spiegarvelo!

Nel centro storico di Firenze, non lontano dalla Cattedrale, si trova la Chiesa di Santa Maria Maggiore, un luogo molto frequentato che nasconde però un segreto: nella parte alta della torre companaria infatti, incastrata tra i mattoni, sporge ‘La Berta’, una testa di donna di pietra. Data la sua posizione ed il colore che molto assomiglia a quello di sfondo, difficilmente viene notata da turisti e passanti.

Ma chi è questa ‘Berta’ e perché è finita proprio lassù? Il 16 settembre del 1327 l’astronomo Cecco d’Ascoli, condannato per aver detto cose non troppo carine sul conto della futura regina ‘Giovanna la Pazza’, stava per essere condotto al rogo tra la gente accorsa in strada e affacciata ai balconi per non perdere l’evento.
Giunto davanti alla Chiesa di Santa Maria Maggiore, il condannato chiese dell’acqua ma la Berta, sportasi dalla torre in cui si trova, esortò le guardie a non farlo chiamandolo ‘alchimista’. Secondo un’antica tradizione, gli alchimisti avevano il potere di comunicare con il diavolo proprio attraverso l’acqua: per paura che il D’Ascoli potesse in questo modo salvarsi la vita, le guardie decisero di seguire il consiglio della donna.

Su tutte le furie per l’ennesimo torto subito, il prigioniero le lanciò un sortilegio urlandole ‘Tu non leverai più la testa da quel pertugio!’. E così fu. Ancor’oggi la testa pietrificata della Berta sporge da una piccola fenditura della torre campanaria della Chiesa di Santa Maria Maggiore, in attesa di essere liberata dal maleficio.

Difficilmente viene notata ma, chi conosce questa leggenda, non potrà fare a meno di stare qualche secondo con il naso all’insù per cercare di vederla!

Volete scoprire altre curiosità e tradizioni popolari del capoluogo toscano? Allora prenotate la nostra ‘Visita guidata privata tra i segreti di Firenze’: le nostre esperte guide vi accompagneranno a spasso per la città svelandovi inediti segreti, leggende e misteri!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Firenze: Viene da Firenze ‘L’urlo’ di Munch?

Urlo_Munch
Lo sapevate che...

‘L’urlo’ di Munch è probabilmente uno dei quadri più famosi e più conosciuti al mondo. Fu dipinto nel 1893 e, come scrisse l'a...

Vedi

Livorno: Il ‘ponce’: un rito tutto livornese

Ponce-alla-livornese
Tradizioni popolari

Livorno è una città che ha tanto da offrire a chi la visita: la bellezza del mare da ammirare dalla Terrazza Mascagni, i quattro mori...

Vedi

Firenze: Buontalenti e l’invenzione della gelatiera

Buontalenti
Lo sapevate che...

Bernardo Buontalenti è un personaggio tra i più interessanti del Rinascimento fiorentino: personalità eclettica, fu architetto, pitt...

Vedi

Toscana: Non avere il becco di un quattrino

Becco_di_un_Quattrino
Modi di dire

Sapete cosa voglia dire l’espressione ‘non avere il becco di un quattrino’? Purtroppo di questi tempi ho paura che siano in molti...

Vedi

I post più letti

Arezzo: Guido d'Arezzo e l'invenzione della musica

Guido-d-Arezzo
Presenze illustri

A Talla e dintorni non hanno dubbi: è nato proprio nel loro piccolo paesino in provincia di Arezzo, intorno al 922 d.C., l'inventore d...

Vedi

Pistoia: Il Bacio dei Cristi a Gavinana

Il-bacio-dei-cristi
Tradizioni popolari

E' un rito molto antico ma ancora in uso. Due grandi processioni che si incontrano, davanti ad ognuna un Cristo in croce: le teste dei ...

Vedi

Siena: Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Piero-Carbonetti
Tradizioni popolari

Sovversivo, perseguitato, anarchico, clochard, sognatore: è davvero difficile definire Piero Carbonetti, toscanaccio doc e garibaldino...

Vedi

Pisa: Kinzika, la giovane donna che salvò Pisa dai Saraceni

Kinzika
Tradizioni popolari

Fu veramente lei, una giovane donna dal nome arabeggiante, Kinzica appunto, della nobile famiglia dei Sismondi, a salvare Pisa dal sacc...

Vedi