Aneddoti & Curiosità

La leggenda del Lago dell’Accesa a Massa Marittima

Misteri & Leggende
Lago_Accesa

La leggenda del Lago dell’Accesa a Massa Marittima

A pochi minuti da Massa Marittima, si trova una vera e propria oasi naturalistica, il Lago dell’Accesa, sulle cui sponde sorge un Parco Archeologico. Dalla curiosa forma a ferro di cavallo, il lago è alimentato da una sorgente che si trova sul fondale: nonostante le credenze popolari lo definiscano senza fondo, il lago avrebbe una profondità di circa 40 metri, anche se melma e sedimenti hanno reso assai difficile la misurazione.
In epoca etrusca, nelle vicinanze del lago sorgeva un villaggio minerario dove venivano lavorati argento, piombo ed altri materiali ferrosi, come testimoniato dai numerosi reperti rinvenuti dagli archeologi nei vicini boschi. Sempre in questa zona troviamo anche piccolo borgo ormai disabitato ‘Forni dell’Accesa’, dove sono visitabili quello che resta dei forni utilizzati per la lavorazione del metallo nel Settecento.

Ma cosa rende questo lago così interessante? Narra la leggenda che nel 1218 al posto del lago sorgesse una valle coltivata con un piccolo villaggio e che il proprietario terriero, in vista di un copioso raccolto, costrinse i suoi servi a proseguire con la trebbiatura anche il 26 luglio, Festa di Sant’Anna protettrice dei mietitori e giornata da sempre dedicata al riposo e alla preghiera. Verso l’ora di pranzo il cielo si fece improvvisamente scuro e un ciclone distrusse le piantagioni: mentre tutti gridavano per la paura, il terreno prima tremò e poi si spaccò, aprendo una grande voragine in cui sprofondarono case, coltivazioni e i poveri contadini. Dalle profondità si alzarono enormi lingue di fuoco che vennero spente solo da una pioggia torrenziale che si scatenò furiosa. E cosi, in poco più di mezz’ora, quella che era una florida vallata diventò un piccolo lago scuro che emanava bagliori rossastri.

Si narra che ancora oggi, recandosi sulle sponde del lago il 26 luglio, si possano sentire le grida dei contadini e degli animali in fuga dal disastro abbattutosi in quel lontano giorno… e, ascoltando bene, perfino il suono delle campane del villaggio!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Firenze: Il Lampredotto di Firenze, il re dello street-food!

Lampredotto
Lo sapevate che...

Ci sono piatti che nella tradizione e nella cultura di una città sono una vera e propria istituzione. Ecco, a Firenze questo ruolo vie...

Vedi

Chianti Area: Per un punto Martin persa la cappa…

Martin_perse_la_cappa
Modi di dire

Avete presente l’espressione ‘Per un punto Martin perse la Cappa’? Sapete anche cosa significa, vero? Oggi è diventata quasi un ...

Vedi

Pistoia: Gli Elfi di Pistoia

Elfi-a-Pistoia
Lo sapevate che...

Gli Elfi, quelli veri abitano a Pistoia, per la precisone sulle montagne che sovrastano la città. Non ci credete? Non stiamo scherzand...

Vedi

Grosseto: Domenico Tiburzi: il Robin Hood toscano

tomba-di-tiburzi
Curiosità storiche

In Toscana non ci manca proprio niente: abbiamo anche il nostro Robin Hood! Si chiamava Domenico Tiburzi, era nato in provincia di Vite...

Vedi

I post più letti

Arezzo: Guido d'Arezzo e l'invenzione della musica

Guido-d-Arezzo
Presenze illustri

A Talla e dintorni non hanno dubbi: è nato proprio nel loro piccolo paesino in provincia di Arezzo, intorno al 922 d.C., l'inventore d...

Vedi

Pistoia: Il Bacio dei Cristi a Gavinana

Il-bacio-dei-cristi
Tradizioni popolari

E' un rito molto antico ma ancora in uso. Due grandi processioni che si incontrano, davanti ad ognuna un Cristo in croce: le teste dei ...

Vedi

Siena: Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Piero-Carbonetti
Tradizioni popolari

Sovversivo, perseguitato, anarchico, clochard, sognatore: è davvero difficile definire Piero Carbonetti, toscanaccio doc e garibaldino...

Vedi

Pisa: Kinzika, la giovane donna che salvò Pisa dai Saraceni

Kinzika
Tradizioni popolari

Fu veramente lei, una giovane donna dal nome arabeggiante, Kinzica appunto, della nobile famiglia dei Sismondi, a salvare Pisa dal sacc...

Vedi