Aneddoti & Curiosità

Il sentiero di Tiziano Terzani ad Orsigna

Presenze illustri
tiziano-terzani-10-anni-morte

Il sentiero di Tiziano Terzani ad Orsigna

C’è un piccolo borgo sulla Montagna Pistoiese, Orsigna, che ha avuto l’onore di diventare il ‘buen retiro’ di Tiziano Terzani. La definizione di giornalista e scrittore è alquanto riduttiva, tanto che lui stesso amava definirsi ‘viaggiatore’ alla ricerca di risposte. Dopo il Vietnam, la Cambogia, l’Unione Sovietica, la Cina e l’Himalaya, Terzani ha deciso di trascorrere gli ultimi anni, ed in particolare gli ultimi giorni della sua vita, quando ormai il cancro aveva preso il sopravvento, proprio nella pace dell’Orsigna.

L’Orsigna si trova a circa 45 minuti d’auto da Pistoia, si raggiunge tramite la strada statale 66 Modenese: una volta arrivati a Pontepetri si devia per Pracchia e da qui si seguono le indicazioni per Orsigna. Arrivati a questo punto per percorrere il sentiero di Tiziano Terzani, che porta all’albero con gli occhi, avete due possibilità: andare a piedi dall’Orsigna seguendo il sentiero CAI n. 5 (ci vuole circa un’ora e mezzo) oppure arrivare in auto fino al minuscolo borgo di Case Cucciani. Il vero sentiero, infatti, intitolato a Terzani nel 2005 ad un anno dalla sua morte, come indica l’apposito cartello, parte proprio da questo punto.

Attraversando un’ombrosa faggeta in dieci minuti si arriva alla radura: è come una terrazza che si affaccia sulla verde vallata, al centro si erge il grande ciliegio. Verrete subito rapiti dal fascino intimo del luogo dove Il silenzio ed il raccoglimento diventano magicamente spontanei. Viene voglia semplicemente di sedersi a gambe incrociate lasciando fluire i pensieri. Sull’albero noterete gli occhi di vetro attaccati al tronco: ce li ha messi lo stesso Terzani per spiegare in modo semplice e diretto al nipotino Novalis che anche le piante hanno un’anima e, per questo, vanno trattate con amore e rispetto. Sull’albero, oltre agli occhi, sono appesi pensieri, oggetti e ricordi di chi lo ha visitato. Intorno ci sono sempre numerosi cumuli di sassi impilati uno sull’altro secondo l’usanza zen. Un’esperienza da provare assolutamente se avete letto i libri di Tiziano Terzani, e se non li avete mai letti, visitando questa magica radura, vi verrà sicuramente voglia di farlo.

 

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Toscana: ‘Buco pillonzi’, tutta l’irriverenza toscana nel buffo modo di dire

Buho_Pillonzi
Modi di dire

Il toscano non è solo il dialetto nel quale si aspira la ‘c’. Anzi per dirvela tutta, a noi questa storia fritta e rifritta della ...

Vedi

Pistoia: Da dove viene il nome dell’Ospedale del Ceppo di Pistoia?

Ospedale_ceppo
Misteri & Leggende

Tra le tante bellezze che la deliziosa città di Pistoia offre ai suoi visitatori, l’Ospedale del Ceppo è sicuramente tra le più co...

Vedi

Firenze: La 'Rificolona': un buffo nome frutto dello scherzoso spirito fiorentino!

Rificolona
Tradizioni popolari

Le lanterne adesso vanno di gran moda e si usano nelle feste e nei matrimoni. A Firenze, però, sono sempre stati avanti, tant’è che...

Vedi

Firenze: Anche a Firenze hanno il ‘braccio corto’!

Braccio Fiorentino_2
Curiosità storiche

Quante volte avete sentito l’espressione ‘avere il braccino corto’? Tante vero? Allora saprete anche che significa avere una natu...

Vedi

I post più letti

Arezzo: Guido d'Arezzo e l'invenzione della musica

Guido-d-Arezzo
Presenze illustri

A Talla e dintorni non hanno dubbi: è nato proprio nel loro piccolo paesino in provincia di Arezzo, intorno al 922 d.C., l'inventore d...

Vedi

Pistoia: Il Bacio dei Cristi a Gavinana

Il-bacio-dei-cristi
Tradizioni popolari

E' un rito molto antico ma ancora in uso. Due grandi processioni che si incontrano, davanti ad ognuna un Cristo in croce: le teste dei ...

Vedi

Siena: Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Piero-Carbonetti
Tradizioni popolari

Sovversivo, perseguitato, anarchico, clochard, sognatore: è davvero difficile definire Piero Carbonetti, toscanaccio doc e garibaldino...

Vedi

Pisa: Kinzika, la giovane donna che salvò Pisa dai Saraceni

Kinzika
Tradizioni popolari

Fu veramente lei, una giovane donna dal nome arabeggiante, Kinzica appunto, della nobile famiglia dei Sismondi, a salvare Pisa dal sacc...

Vedi