Aneddoti & Curiosità

Il naso del David ed il colpo di genio di Michelangelo

Curiosità storiche
Naso_di_David

Il naso del David ed il colpo di genio di Michelangelo

Qual è uno dei simboli di Firenze? Sicuramente il maestoso David. Lo potete ammirare in versione originale alla Galleria dell’Accademia o anche nella copia che fa bella mostra di sé in Piazza della Signoria. Sapeste quante storie, quante curiosità si nascondono dietro questa meravigliosa opera! Intanto noi ve ne raccontiamo una che riguarda niente di meno che il naso. Si, proprio il naso inserito nel viso dell’aitante giovane scolpito da Michelangelo.

I fatti risalgono al 1504, quando le più insigni autorità di Firenze si recarono nella bottega di Michelangelo per ammirare quell’opera mastodontica che era a quel punto quasi finita. Tra questi c’era anche il Gonfaloniere Pier Sederini che si dice fosse un protettore dell’arte. Fu forse per questo motivo e sicuramente per vantarsi delle sue conoscenze, che si permise di fare un piccolo appunto al grande scultore. Fece notare che se il naso fosse stato un po’ più piccolo, avrebbe reso il tutto davvero perfetto.

Ora, Michelangelo era famoso per il suo caratteraccio ma quella volta data l’importanza politica dell’interlocutore, si trattenne dal dare in escandescenze. Era però un genio e non si lasciò sfuggire l’occasione di burlarsi del povero Sederini. Lo fece però con grande maestria! Acconsentì a ridurre il naso o almeno così sembrava. Prima di salire in alto, infatti, raccolse martello e scalpello ed insieme a questi un po’ di frammenti e polvere di marmo che si trovavano sul pavimento. Cominciò così a far finta di ridurre il naso: un colpetto lì, uno là ed intanto apriva leggermente la mano e faceva cadere i pezzetti di marmo e la polvere. Sembrava proprio che stesse scalpellando il naso!

Quando ebbe finito, chiese a Sederini se la sua modifica avesse sortito l’effetto voluto. Il Gonfaloniere rispose che aveva avuto proprio ragione a chiedere quel piccolo cambiamento perché adesso la statua era davvero perfetta. Chissà quanto deve aver riso sotto i baffi Michelangelo! Beh, adesso potete farvi quattro risate anche voi ripensando a questa storia, magari guardando da vicino proprio il famigerato naso. Prenotate la nostra visita guidata alla Galleria dell’Accademia e sicuramente ascolterete tante altre curiosità sul capolavoro di Michelangelo.

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Siena: I ricciarelli: un dolce senese che arriva dall’oriente.

ricciarelli-
Tradizioni popolari

Insieme al panforte sono tra i dolci di Siena che più la rappresentano . Viene l’acquolina in bocca solo a pensarci: profumano di ar...

Vedi

Firenze: Chi ha inventato la bistecca alla fiorentina?

bistecca
Tradizioni popolari

La bistecca fiorentina è la regina indiscussa della gastronomia toscana. Con l’osso, rigorosamente al sangue e del peso di circa un ...

Vedi

Toscana: Ferdinando Innocenti: l’inventore della Lambretta

Lambretta
Presenze illustri

Che la Toscana sia una terra d’inventori non ci sono dubbi. Basti pensare a Leonardo da Vinci! Anche Ferdinando Innocenti è uno di q...

Vedi

Firenze: E’ nato a Firenze il Negroni!

Negroni
Lo sapevate che...

In tempi nei quali Mojito e Moscow Mule imperversano tra gli aperitivi, ci sono cocktail classici che hanno resistito imperterriti al p...

Vedi

I post più letti

Arezzo: Guido d'Arezzo e l'invenzione della musica

Guido-d-Arezzo
Presenze illustri

A Talla e dintorni non hanno dubbi: è nato proprio nel loro piccolo paesino in provincia di Arezzo, intorno al 922 d.C., l'inventore d...

Vedi

Pistoia: Il Bacio dei Cristi a Gavinana

Il-bacio-dei-cristi
Tradizioni popolari

E' un rito molto antico ma ancora in uso. Due grandi processioni che si incontrano, davanti ad ognuna un Cristo in croce: le teste dei ...

Vedi

Siena: Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Piero-Carbonetti
Tradizioni popolari

Sovversivo, perseguitato, anarchico, clochard, sognatore: è davvero difficile definire Piero Carbonetti, toscanaccio doc e garibaldino...

Vedi

Pisa: Kinzika, la giovane donna che salvò Pisa dai Saraceni

Kinzika
Tradizioni popolari

Fu veramente lei, una giovane donna dal nome arabeggiante, Kinzica appunto, della nobile famiglia dei Sismondi, a salvare Pisa dal sacc...

Vedi