Aneddoti & Curiosità

Il mistero della morte di Isabella De Medici

Curiosità storiche
Isabella_de_Medici

Il mistero della morte di Isabella De Medici

Isabella De Medici era figlia di Cosimo De Medici I ed era una donna bella, colta e brillante al punto che veniva definita ‘la stella dei Medici’. Come accadeva a quei tempi, per motivi politici ed economici, si sposò con Paolo Giordano Orsini Duca di Bracciano, uomo violento, rozzo e particolarmente incline all’adulterio. Quando Paolo si assentò per un lungo periodo a causa di impegni militari Isabella, come faceva spesso, se ne tornò a Firenze. Paolo, allora, pensò bene di farla sorvegliare dal cugino Troilo Orsini, scelta che non fu per niente azzeccata. Sembra, infatti, che il cugino fosse bello, ardente e decisamente più colto. Come da copione i due diventarono amanti e, com’è altrettanto ovvio, questo mandò in collera il marito tradito, ferito nell’orgoglio più che nell’amore!

Finché Cosimo I fu in vita, Paolo Giordano non osò torcere un capello a Isabella, non gli sarebbe certo convenuto. Ma come questi chiuse gli occhi, si organizzò per benino, e su consiglio della sua amante, fece fuori la povera Isabella: la impiccò ad una corda che aveva fatto calare da un buco nel soffitto e che, qualcuno, aveva poi tirato dall’alto. Ben presto il suo fantasma cominciò a manifestarsi nel Castello di Cerreto Guidi ed ancora oggi, nella camera dove sarebbe morta, penzola la corda dove fu impiccata.

Sembra che pochi anni fa un ragazzo che aveva bucato una gomma, se la sia ritrovata davanti. Deve aver preso un bello spavento, nella campagna di Cerreto Guidi, a vedere quella donna in abiti cinquecenteschi ma bianchi e traslucenti. All’inizio pensò che fosse una figurante del palio del Cerro ma poi la guardò bene e la riconobbe senza ombra di dubbio. Era lo stesso volto di molte effigi sparse per il paese: era Isabella De Medici! Raccontò la storia ma solo gli anziani del paese gli credettero perché sapevano che la povera Isabella, non avendo trovato ancora pace vagava inquieta per il suo castello e per le campagne che lo circondano. Occhi aperti, dunque, se andate da quelle parti!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Lucca: Chi ha inventato il 'Burlamacco'?

Burlamacco
Lo sapevate che...

Sapete chi è il Burlamacco? Se siete stati al Carnevale di Viareggio lo avrete visto di sicuro, altrimenti ve lo racconto io. Il Burla...

Vedi

Firenze: Anche il borotalco Roberts è nato a Firenze!

Talco_Roberts
Lo sapevate che...

Avete presente il borotalco Roberts? Quello nel barattolo verde con i decori in stile liberty e le scritte in rosso. Chi di voi è nato...

Vedi

Pisa: La leggenda di San Miniato, il Santo senza testa

San_Miniato
Misteri & Leggende

San Miniato è un Santo molto venerato in Toscana. Basti pensare al delizioso borgo in provincia di Pisa che proprio da lui prende il n...

Vedi

Arezzo: Clarke: il giovane capitano che salvò 'La Resurrezione'

Uomo_che_salvo_resurrezione
Curiosità storiche

Oggi sono in vena di raccontarvi una bella storia. Niente fantasmi per questa volta! E’ una storia talmente bella che se ne potrebbe ...

Vedi

I post più letti

Arezzo: Guido d'Arezzo e l'invenzione della musica

Guido-d-Arezzo
Presenze illustri

A Talla e dintorni non hanno dubbi: è nato proprio nel loro piccolo paesino in provincia di Arezzo, intorno al 922 d.C., l'inventore d...

Vedi

Pistoia: Il Bacio dei Cristi a Gavinana

Il-bacio-dei-cristi
Tradizioni popolari

E' un rito molto antico ma ancora in uso. Due grandi processioni che si incontrano, davanti ad ognuna un Cristo in croce: le teste dei ...

Vedi

Siena: Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Piero-Carbonetti
Tradizioni popolari

Sovversivo, perseguitato, anarchico, clochard, sognatore: è davvero difficile definire Piero Carbonetti, toscanaccio doc e garibaldino...

Vedi

Pisa: Kinzika, la giovane donna che salvò Pisa dai Saraceni

Kinzika
Tradizioni popolari

Fu veramente lei, una giovane donna dal nome arabeggiante, Kinzica appunto, della nobile famiglia dei Sismondi, a salvare Pisa dal sacc...

Vedi