Aneddoti & Curiosità

Il mistero del ‘Sator’ nel Duomo di Siena

Misteri & Leggende
SATOR_Duomo_di_Siena.jp

Il mistero del ‘Sator’ nel Duomo di Siena

Se vi piacciono gli enigmi da risolvere… il Duomo di Siena fa al caso vostro, mi verrebbe da dire! Dovete sapere che proprio la Cattedrale di Santa Maria Assunta nasconde un mistero ad oggi irrisolto: nella parte inferiore della parete esterna che guarda il Palazzo Arcivescovile, è collocato il famoso ‘Sator’, noto anche come ‘quadrato magico’. Teoricamente vi fu posto nel XIV secolo, al termine dei lavori anche se, in realtà, potrebbe anche essere stato recuperato dall’edificio precedente e quindi esser ancor più antico.

Ma che cos’è esattamente? Si tratta di una iscrizione in lingua latina, composta dalle seguenti parole di cinque lettere:  

  • SATOR
  • AREPO
  • TENET
  • OPERA
  • ROTAS

Una prima particolarità è che, tali lettere, lette nell’ordine indicato, danno luogo a un palindromo, ovvero una frase che risulta essere identica sia leggendola da sinistra verso destra che da destra verso sinistra.

Il ‘Sator’, presente anche in altri reperti archeologici sparsi in tutta Europa, è diventato un vero e proprio mito che da anni appassiona studiosi, amanti dell’esoterismo e semplici curiosi. Nonostante siano state formulate svariate ipotesi, il significato del quadrato magico e delle parole che lo compongono, resta ad oggi un mistero.

Comunemente la parola ‘SATOR’ viene considerata il soggetto della frase e viene tradotta con ‘Il Seminatore'.

‘AREPO’ è l’unica parola la cui origine tutt’oggi è sconosciuta e resta, pertanto, un bel rompicapo per i paleografi

‘TENET’ viene tradotto come ‘Tiene’ e costituisce il cardine della frase

‘OPERA’ viene ritenuta un complemento di mezzo, come a dire ‘con le opere’

Ed infine, ‘ROTAS’, interpretato come complemento oggetto, ovvero ‘le ruote’ 

Pertanto, volendo tradurre alla lettera, risulterebbe ‘Il seminatore (ossia il contadino) arepo (non traducibile) tiene con le opere (inteso come il suo lavoro) le ruote’, una frase che risulta chiaramente insensata. Altre interpretazioni danno come risultato ‘Il Seminatore, con il carro, tiene con cura le ruote’ in cui il seminatore, ha un forte richiamo al testo evangelico o anche ‘Arepo, il Seminatore’ tiene con maestria l’aratro’, laddove Arepo indica un nome proprio di persona.

Insomma, ce n’è per tutti i gusti! Addirittura alcuni studiosi sono convinti che, a prescindere dal suo significato letterario, il ‘Sator’ rappresenti un simbolo numerico che nasconderebbe altre preziose risposte…

Come avrete capito, la verità è ancora lontana… Se anche volete studiare e cimentarvi nell’interpretazione di questo antico enigma, vi consigliamo per prima cosa di vederlo con i vostri occhi… coraggio, il Duomo di Siena vi aspetta!

E già che ci siete, perché non prenotare uno dei nostri tour in questa splendida città toscana e conoscere tutte le sue meraviglie? Visitate la sezione ‘Tour a Siena’ del nostro portale… siamo certi che troverete la proposta che fa per voi!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Toscana: I Maledetti Toscani di Curzio Malaparte

Maledetti_Toscani
Presenze illustri

Maledetti Toscani. Perché’ maledetti? E’ il titolo di un libro che illustra in modo tagliente e schietto gli aspetti più veri del...

Vedi

Firenze: Fabio Picchi: da Firenze al Giappone in un piatto!

Fabio_Picchi
Presenze illustri

Ci sono personaggi a Firenze che sono delle vere e proprie istituzioni. L’istrionico Fabio Picchi è proprio uno di questi. Lo avrete...

Vedi

Siena: Il Mulino Bianco esiste davvero ed è in Toscana!

Mulino_Chiusdino
Opere e luoghi poco noti

Alzi la mano, anzi no, faccia un click sul mouse chi non ha mai mangiato baiocchi, macine o tegolini? Come immaginavo siete davvero poc...

Vedi

Firenze: Cencio, granata e cannella: il vocabolario della casalinga fiorentina

Dizionario_casalinga_toscana
Modi di dire

Ed eccoci qua, ancora una volta, a farci una bella lezioncina di toscano. Questa volta ci concentreremo su parole di uso più che quoti...

Vedi

I post più letti

Arezzo: Guido d'Arezzo e l'invenzione della musica

Guido-d-Arezzo
Presenze illustri

A Talla e dintorni non hanno dubbi: è nato proprio nel loro piccolo paesino in provincia di Arezzo, intorno al 922 d.C., l'inventore d...

Vedi

Pistoia: Il Bacio dei Cristi a Gavinana

Il-bacio-dei-cristi
Tradizioni popolari

E' un rito molto antico ma ancora in uso. Due grandi processioni che si incontrano, davanti ad ognuna un Cristo in croce: le teste dei ...

Vedi

Siena: Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Piero-Carbonetti
Tradizioni popolari

Sovversivo, perseguitato, anarchico, clochard, sognatore: è davvero difficile definire Piero Carbonetti, toscanaccio doc e garibaldino...

Vedi

Pisa: Kinzika, la giovane donna che salvò Pisa dai Saraceni

Kinzika
Tradizioni popolari

Fu veramente lei, una giovane donna dal nome arabeggiante, Kinzica appunto, della nobile famiglia dei Sismondi, a salvare Pisa dal sacc...

Vedi