Aneddoti & Curiosità

Il miracolo del maremoto di Livorno

Misteri & Leggende
Miracolo_maremoto_Livorno

Il miracolo del maremoto di Livorno

A circa 10 km da Livorno, su un’altura dalla quale si gode una splendida vista della città, ma alcune volte anche di Pisa e persino dell’Isola d’Elba, si trova il Santuario della Madonna di Montenero che tra le altre cose, è anche la patrona della Toscana. Fin dalla sua nascita la sua storia si intreccia con tutta una serie eventi miracolosi che secondo la tradizione continuerebbero a ripetersi. Per rendersene conto basta visitare la galleria di ex voto, raccolta di oggetti tra i più disparati a testimonianza di grazie e miracoli ricevuti.  Fra i 700 cimeli raccolti a suo interno potrete trovare veramente di tutto: parti di auto incappate in qualche grave incidente, indumenti, stampelle e quadri che raffigurano con risultati artistici piu’ o meno di valore la cronaca dell’accaduto.

C’è un miracolo compiuto dalla Madonna di Montenero che è però particolarmente caro ai Livornesi. Per raccontarvi cosa è successo bisogna tornare indietro al 1472. In quell’anno infatti si verificò, infatti, precisamente il 27 gennaio, un violento terremoto al quale seguì anche una tzunami, come lo chiameremmo oggi.  Il maremoto creò notevoli problemi alle navi ormeggiate in porto ed insieme a quello che doveva essere uno sciame sismico creò una gran paura in città. I Livornesi pensarono subito di rivolgersi alla Madonna di Montenero e la portarono addirittura in Piazza Grande. Chiesero che le scosse si interrompessero ed in cambio promisero di rifornire ogni anno di cera la lampada votiva del Santuario e di non iniziare mai il carnevale prima del 27 gennaio.

A quanto pare la Madonna li ascoltò ed il trambusto del terremoto cessò ma da allora in poi a Livorno il 27 gennaio è una data importante che si ricorda con varie celebrazioni religiose. Inoltre, inutile dirlo, le celebrazioni per il carnevale non iniziano mai prima di quel giorno. Vi abbiamo fatto venir voglia di fare una giratina a Livorno? Che ne dite di approfittare del nostro giro città Sali-Scendi? Potrete andare alla scoperta della due splendide città toscana a bordo dei bus Sightseeing. 

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Siena: Ghino di Tacco: il Robin Hood di Radicofani

Curiosità storiche

Anche noi in Toscana, abbiamo il nostro Robin Hood, non sarà famoso come quello della foresta di Sherwood, ma figura comunque tra i pe...

Vedi

Lucca: E’ vicino a Lucca il teatro più piccolo del mondo!

Lo sapevate che...

Sapete dove si trova il teatro più piccolo del mondo? Secondo il Guinness World Records Book per scovarlo bisogna andare a Vetriano, u...

Vedi

Firenze: Antonio Magliabechi: una vita per i libri

Curiosità storiche

La Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, in Piazza Cavalleggeri, è uno dei poli librari più importanti d’Italia con un patrimon...

Vedi

Lucca: La misteriosa storia di Lucida Mansi

Misteri & Leggende

Il fantasma di Lucida Mansi è uno dei più celebri della Toscana tant’è che uno dei personaggi principali che si aggirano per Borgo...

Vedi

I post più letti

Arezzo: Guido d'Arezzo e l'invenzione della musica

Guido-d-Arezzo
Presenze illustri

A Talla e dintorni non hanno dubbi: è nato proprio nel loro piccolo paesino in provincia di Arezzo, intorno al 922 d.C., l'inventore d...

Vedi

Pistoia: Il Bacio dei Cristi a Gavinana

Il-bacio-dei-cristi
Tradizioni popolari

E' un rito molto antico ma ancora in uso. Due grandi processioni che si incontrano, davanti ad ognuna un Cristo in croce: le teste dei ...

Vedi

Siena: Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Piero-Carbonetti
Tradizioni popolari

Sovversivo, perseguitato, anarchico, clochard, sognatore: è davvero difficile definire Piero Carbonetti, toscanaccio doc e garibaldino...

Vedi

Pisa: Kinzika, la giovane donna che salvò Pisa dai Saraceni

Kinzika
Tradizioni popolari

Fu veramente lei, una giovane donna dal nome arabeggiante, Kinzica appunto, della nobile famiglia dei Sismondi, a salvare Pisa dal sacc...

Vedi