Aneddoti & Curiosità

Il curioso nome della Torre del Mangia a Siena

Curiosità storiche
Torre_Mangia

Il curioso nome della Torre del Mangia a Siena

Uno dei simboli di Siena è sicuramente la Torre del Mangia: costruita in marmo bianco e mattoni color rosso ‘Terra di Siena’, con i suoi 102 metri si trova al terzo posto per altezza tra le torri antiche italiane, dopo la Torre degli Asinelli di Bologna ed il Torrazzo di Cremona. Dalla cima della torre si può ammirare un panorama mozzafiato sulla città e sulla campagna circostanti… attenzione però: preparatevi, sono più di 400 scalini! 

Non è un caso se, nonostante partano da una levatura del terreno diversa, la torre campanaria comunale ed il campanile del Duomo di Siena raggiungono la stessa altezza. Questa uguaglianza vuole simboleggiare il raggiunto equilibrio tra potere celeste e potere terreno, senza che nessuno dei due prevalga sull’altro.

Ma veniamo al lato forse più curioso della Torre del Mangia: la storia del suo nome. In tutta la Toscana è consuetudine trovare dei simpatici nomignoli che mettano in evidenza i pregi e i difetti della persona chiamata... e di certo non poteva esserne esonerato Giovanni di Balduccio, uno dei primi campanari della Torre, soprannominato ‘Mangiaguadagni’ o semplicemente ‘Mangia’ a causa dei suoi evidenti sperperi di denaro e dei suoi vizi legati soprattutto alla cucina. Chiaramente il suo fisico risentiva di tali vizi anzi, gli rendevano il lavoro particolarmente faticoso: salire e scendere in continuazione gli oltre quattrocento gradini della stretta scala campanaria non dev’essere stata proprio una passeggiata! Pare che, proprio per ovviare a questo problema, il buon Balduccio organizzasse gare tra i bambini del posto nel suonare l’agognata campana ad ogni ora!

Nel 1360, dopo ben 13 anni, il ‘Mangia’ venne esonerato dal suo incarico per lasciare il posto… ad un automa dalle sembianze umane! Proprio così: inizialmente di legno, poi d’ottone e poi ancora di travertino, anche l’automa venne infine sostituito da un martelletto… che, per i senesi, continuò ad essere il ‘Mangia’ in ricordo di quel simpatico personaggio che per anni suonò la campana. I resti dell’automa sono attualmente conservati all’interno del Cortile del Podestà, situato accanto alla Torre e decorato da antichi stemmi.

Ecco svelata una piccola curiosità su Siena! Se desiderate visitare la città o assistere alla celebre gara del Palio, consultate la nostra pagina dedicata ai tour di Siena: sicuramente troverete quello che fa per voi!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Lucca: Chi ha inventato il 'Burlamacco'?

Burlamacco
Lo sapevate che...

Sapete chi è il Burlamacco? Se siete stati al Carnevale di Viareggio lo avrete visto di sicuro, altrimenti ve lo racconto io. Il Burla...

Vedi

Firenze: Anche il borotalco Roberts è nato a Firenze!

Talco_Roberts
Lo sapevate che...

Avete presente il borotalco Roberts? Quello nel barattolo verde con i decori in stile liberty e le scritte in rosso. Chi di voi è nato...

Vedi

Pisa: La leggenda di San Miniato, il Santo senza testa

San_Miniato
Misteri & Leggende

San Miniato è un Santo molto venerato in Toscana. Basti pensare al delizioso borgo in provincia di Pisa che proprio da lui prende il n...

Vedi

Arezzo: Clarke: il giovane capitano che salvò 'La Resurrezione'

Uomo_che_salvo_resurrezione
Curiosità storiche

Oggi sono in vena di raccontarvi una bella storia. Niente fantasmi per questa volta! E’ una storia talmente bella che se ne potrebbe ...

Vedi

I post più letti

Arezzo: Guido d'Arezzo e l'invenzione della musica

Guido-d-Arezzo
Presenze illustri

A Talla e dintorni non hanno dubbi: è nato proprio nel loro piccolo paesino in provincia di Arezzo, intorno al 922 d.C., l'inventore d...

Vedi

Pistoia: Il Bacio dei Cristi a Gavinana

Il-bacio-dei-cristi
Tradizioni popolari

E' un rito molto antico ma ancora in uso. Due grandi processioni che si incontrano, davanti ad ognuna un Cristo in croce: le teste dei ...

Vedi

Siena: Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Piero-Carbonetti
Tradizioni popolari

Sovversivo, perseguitato, anarchico, clochard, sognatore: è davvero difficile definire Piero Carbonetti, toscanaccio doc e garibaldino...

Vedi

Pisa: Kinzika, la giovane donna che salvò Pisa dai Saraceni

Kinzika
Tradizioni popolari

Fu veramente lei, una giovane donna dal nome arabeggiante, Kinzica appunto, della nobile famiglia dei Sismondi, a salvare Pisa dal sacc...

Vedi