Aneddoti & Curiosità

Il Castello di Sammezzano, un sogno orientale vicino a Firenze

Opere e luoghi poco noti
Castello_Sammezzano

Il Castello di Sammezzano, un sogno orientale vicino a Firenze

A Leccio, un piccolo centro del Comune di Reggello, a 30 km da Firenze, esiste un castello orientale da ‘mille e una notte’. Vi chiederete sicuramente cosa ci faccia un edificio in perfetto stile moresco in Toscana... è una storia interessante e noi ve la vogliamo proprio raccontare.

Le origini del Castello di Sammezzano sono molto antiche, sembra che ci abbia soggiornato addirittura Carlo Magno. C’è da dire che allora, però, l’edificio non aveva niente delle caratteristiche attuali, che gli sono state conferite da uno dei suoi proprietari, l’eclettico Ferdinando Panciatici Xiemenes D’Aragona. Era un intellettuale poliedrico con uno spiccato interesse per l’architettura, la botanica e l’orientalismo. Fuse queste sue passioni nel castello che, dal 1853 al 1859, grazie anche all’aiuto di sapienti artigiani, trasformò nel gioiello moresco che è adesso. Quali sono le sue caratteristiche? Ognuna delle stanze è come un viaggio in un paese diverso: Spagna, Cina, Marocco ed India. Gli stucchi, ad esempio, ricordano l’Alhambra di Granada, mentre la facciata assomiglia terribilmente al Taj Mahal. Passando da una sala all’altra si rimane a bocca aperta, rapiti da uno stupore incredulo. Si va dal tripudio di colori di alcune sale interamente coperte da maioliche, alle volte a ventaglio che formano meravigliosi disegni geometrici fino ad una sala completamente bianca.

Purtroppo il Castello di Sammezzano, dopo essere stato adibito nel dopoguerra ad albergo di Lusso, è passato ad una società Inglese che, di fatto, lo ha lasciato in stato di abbandono. Il comitato Ferdinando Panciatici Xiemenes, grazie ad alcuni volontari, organizza visite guidate: per parteciparvi occorre mettersi in lista in un’apposita sezione del sito dell’associazione. Intanto, se siete curiosi di vedere questa meraviglia, guardatevi il video della canzone ‘Ora o mai più’ di Dolce Nera: accompagnati dalla note del brano, sarete trasportati in un suggestivo percorso all’interno del castello.

Se avete l’intera giornata a vostra disposizione, approfittatene per visitare il capoluogo toscano con uno dei nostri tour: Firenze, la ‘Culla del Rinascimento’, dista meno di un’ora dallo splendido Castello di Sammezzano!

 

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Toscana: Senza lilleri un si lallera!

Senza_lilleri
Modi di dire

Se avete già letto qualche altre aneddoto sui modi dire toscani avrete ormai capito che nella terra di Dante non esiste un vero e prop...

Vedi

Pisa: Il fantasma di Galileo: Ghostbusters all’opera in Piazza dei Miracoli!

Fantasma_Galielo
Misteri & Leggende

Anche il grande Galileo Galilei era toscano. Di Pisa per la precisione, dove all’Università studiò medicina prima di dedicarsi alla...

Vedi

Lucca: Santa Zita ed il miracolo dei legumi

Santa-Zita
Misteri & Leggende

In Italia abbiamo un Santo che protegge chi si impegna in qualsiasi professione. Santa Zita, uno dei personaggi più amati dai lucchesi...

Vedi

Firenze: Perché a Firenze la tuta la chiamano ‘toni’?

Tuta_toni
Modi di dire

In Toscana non abbiamo un vero e proprio dialetto, ma basta spostarsi di poco per trovare modi di dire diversi da una zona all’altra....

Vedi

I post più letti

Arezzo: Guido d'Arezzo e l'invenzione della musica

Guido-d-Arezzo
Presenze illustri

A Talla e dintorni non hanno dubbi: è nato proprio nel loro piccolo paesino in provincia di Arezzo, intorno al 922 d.C., l'inventore d...

Vedi

Pistoia: Il Bacio dei Cristi a Gavinana

Il-bacio-dei-cristi
Tradizioni popolari

E' un rito molto antico ma ancora in uso. Due grandi processioni che si incontrano, davanti ad ognuna un Cristo in croce: le teste dei ...

Vedi

Siena: Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Piero-Carbonetti
Tradizioni popolari

Sovversivo, perseguitato, anarchico, clochard, sognatore: è davvero difficile definire Piero Carbonetti, toscanaccio doc e garibaldino...

Vedi

Pisa: Kinzika, la giovane donna che salvò Pisa dai Saraceni

Kinzika
Tradizioni popolari

Fu veramente lei, una giovane donna dal nome arabeggiante, Kinzica appunto, della nobile famiglia dei Sismondi, a salvare Pisa dal sacc...

Vedi