Aneddoti & Curiosità

Il Carroccio di Firenze

Curiosità storiche
Carroccio_fiorenitno

Il Carroccio di Firenze

Se dico Carroccio cosa vi viene in mente? L’associazione mentale con la Lega Nord, della quale oltre a simbolo è ormai diventato quasi un sinonimo è abbastanza scontata. Detto questo, bisogna precisare che i lombardi non erano gli unici in era comunale ad avere un carroccio. Ce l’avevamo anche noi a Firenze… e che carroccio!

Si trattava di una struttura da guerra. Era gran carro a quattro ruote trainato da quattro buoi coperti da ‘gualdrappe’ (coperte) rosse. Veniva messo in azione, quando ci si decideva a muovere guerra fuori da Firenze. La campana detta ‘martinella’ che si trovava a Por Santa Maria e che annunciava l’inizio di azioni belliche, quando il Carroccio usciva dalla città, veniva issata su di questo. Vi erano issati anche gli stendardi e le insegne della città e proprio per questo valore simbolico veniva difeso strenuamente. Tant’è che vicino c’erano sempre i migliori soldati. Perdere il carroccio era davvero un evento infausto che veniva evitato in tutti i modi possibili. Sul carroccio, talvolta, saliva anche un cappellano che da un altare che si trovava sulla parte anteriore celebrava la messa. Sul retro dell’altare stavano invece i trombettieri che avevano il compito di dare il segnale di assalto, raccolta e ritirata.

Notizie certe sull’uso del Carroccio risalgono al 1230 e ad una battaglia contro Siena. Risale al 1360, invece, ed alla battaglia di Montaperti, sempre contro l’esercito di Siena, l’episodio secondo il quale il carroccio cadde nelle mani dei nemici. Sembra che da allora non fu mai più sostituito con un altro. Quanta storia e quante storie sono passate tra le vie e le piazze di Firenze! Sarebbe davvero bello conoscerle tutte! Tutte in una volta non ce la facciamo a raccontarvele ma se partecipate ad uno dei nostri tour a Firenze le guide che sanno tutto sulla splendida città gigliata vi racconteranno tantissimi altri aneddoti come questo.

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Pistoia: Le Pomone di Marino Marini

Marino_Marini
Presenze illustri

Pomona è la dea Etrusca della fertilità, colei che rappresenta Madre Natura, la vita stessa, un’ideale di mondo agreste sereno ed i...

Vedi

Firenze: Le ceramiche Richard Ginori: una storia tutta toscana

Richard_Ginori
Lo sapevate che...

Il nome Ginori è famoso in tutto il mondo come sinonimo di stile, classe ed eleganza. Sapete dove si trovava il primo stabilimento nel...

Vedi

Arezzo: Il panno del Casentino: un’eccellenza tutta toscana

panno_casentino
Lo sapevate che...

E’ un tessuto morbido, ottimo isolante termico, impermeabile, resistente all’usura. Si tratta di una fibra high-tech di ultima gene...

Vedi

Firenze: Caffè Paszkowsky: da birreria a salotto buono di Firenze

Paszkowski
Curiosità storiche

Vi ricordate ‘Caruso Pascosky di padre polacco’ del film di Francesco Nuti?  Anche se la grafia italianizzata è leggermente d...

Vedi

I post più letti

Arezzo: Guido d'Arezzo e l'invenzione della musica

Guido-d-Arezzo
Presenze illustri

A Talla e dintorni non hanno dubbi: è nato proprio nel loro piccolo paesino in provincia di Arezzo, intorno al 922 d.C., l'inventore d...

Vedi

Pistoia: Il Bacio dei Cristi a Gavinana

Il-bacio-dei-cristi
Tradizioni popolari

E' un rito molto antico ma ancora in uso. Due grandi processioni che si incontrano, davanti ad ognuna un Cristo in croce: le teste dei ...

Vedi

Siena: Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Piero-Carbonetti
Tradizioni popolari

Sovversivo, perseguitato, anarchico, clochard, sognatore: è davvero difficile definire Piero Carbonetti, toscanaccio doc e garibaldino...

Vedi

Pisa: Kinzika, la giovane donna che salvò Pisa dai Saraceni

Kinzika
Tradizioni popolari

Fu veramente lei, una giovane donna dal nome arabeggiante, Kinzica appunto, della nobile famiglia dei Sismondi, a salvare Pisa dal sacc...

Vedi