Aneddoti & Curiosità

Il balcone ‘alla rovescia’ di Borgo Ognissanti

Misteri & Leggende
Balcone_rovesciato

Il balcone ‘alla rovescia’ di Borgo Ognissanti

Borgo Ognissanti è una lunga strada che si trova nella zona ovest del centro di Firenze, dove una volta si trovavano anche le antiche botteghe dei produttori di lana. Deve il suo nome alla Chiesa di Ognissanti che risale al 1250 e che si affaccia sulla piazza. Ma non è di questo pur bellissimo edificio che vogliamo raccontarvi: dallo scrigno delle tante curiosità di Firenze estraiamo questa volta un aneddoto che mescola storia, leggende ed una bella dose del simpatico e caparbio spirito toscano.

Torniamo in Borgo Ognissanti, al numero 12: alzando la testa noterete un balcone davvero singolare. Guardatelo bene: tutti i suoi elementi, ad eccezione del pavimento, sono costruiti al contrario: gli altissimi mensoloni, le piccole colonne della balaustra e tutte le decorazioni. Qual è il motivo di tanta bizzarria? Siamo nel ‘500 ed il Duca Alessandro De Medici aveva emesso un’ordinanza che limitava la costruzione di strutture aggettanti come balconi e mensole. Voleva evitare di rendere ancora più angusti i passaggi delle strette vie e, forse, scoraggiare anche la poco piacevole usanza di gettare liquidi in strada. Messer Baldovinetti, proprietario dell’elegante palazzo al numero 12 di Borgo Ognissanti, voleva dotarlo di un bel balcone e così sottopose il progetto del suo architetto al Duca, convinto che sarebbe stato accettato visto che la strada dove si affacciava era piuttosto ampia. Ma si sbagliava, tanto che il Duca non accettò. Egli però non si perse d’animo e praticamente tutti i giorni sottoponeva un nuovo progetto ad Alessandro De Medici che probabilmente, infastidito ed esasperato all’insistente richiesta di costruire il balcone , rispose ‘Sì, ma alla rovescia!’. Doveva essere un no, ma Messer Baldovinetti lo stupì’ costruendo il balcone ‘a testa in giù. Quando il Duca vide lo strano terrazzo ne fu divertito ed apprezzò la presenza di spirito del costruttore al punto da desistere dal farlo demolire.

Se questa storia vi è piaciuta e se vi stuzzicano le curiosità ed i racconti che mescolano storia e leggende, dovete assolutamente prenotare la nostra visita guidata tra i segreti di Firenze! Grazie alle nostre preparatissime guide, scoprirete interessanti dettagli nascosti nelle mete turistiche più importanti della città. Coglierete la vera essenza di Firenze attraverso il racconto di storie segrete e misteriose ed attraverso la visione di interessanti dettagli e particolari proprio come il ‘balcone alla rovescia’.

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Firenze: Il sigaro toscano compie 200 anni... ma non li dimostra!

Sigaro_toscano
Lo sapevate che...

Il sigaro toscano è una delle tante eccellenze di questa meravigliosa regione. Un piacere da veri intenditori, una celebrità del made...

Vedi

Toscana: I Maledetti Toscani di Curzio Malaparte

Maledetti_Toscani
Presenze illustri

Maledetti Toscani. Perché’ maledetti? E’ il titolo di un libro che illustra in modo tagliente e schietto gli aspetti più veri del...

Vedi

Firenze: Fabio Picchi: da Firenze al Giappone in un piatto!

Fabio_Picchi
Presenze illustri

Ci sono personaggi a Firenze che sono delle vere e proprie istituzioni. L’istrionico Fabio Picchi è proprio uno di questi. Lo avrete...

Vedi

Siena: Il Mulino Bianco esiste davvero ed è in Toscana!

Mulino_Chiusdino
Opere e luoghi poco noti

Alzi la mano, anzi no, faccia un click sul mouse chi non ha mai mangiato baiocchi, macine o tegolini? Come immaginavo siete davvero poc...

Vedi

I post più letti

Arezzo: Guido d'Arezzo e l'invenzione della musica

Guido-d-Arezzo
Presenze illustri

A Talla e dintorni non hanno dubbi: è nato proprio nel loro piccolo paesino in provincia di Arezzo, intorno al 922 d.C., l'inventore d...

Vedi

Pistoia: Il Bacio dei Cristi a Gavinana

Il-bacio-dei-cristi
Tradizioni popolari

E' un rito molto antico ma ancora in uso. Due grandi processioni che si incontrano, davanti ad ognuna un Cristo in croce: le teste dei ...

Vedi

Siena: Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Piero-Carbonetti
Tradizioni popolari

Sovversivo, perseguitato, anarchico, clochard, sognatore: è davvero difficile definire Piero Carbonetti, toscanaccio doc e garibaldino...

Vedi

Pisa: Kinzika, la giovane donna che salvò Pisa dai Saraceni

Kinzika
Tradizioni popolari

Fu veramente lei, una giovane donna dal nome arabeggiante, Kinzica appunto, della nobile famiglia dei Sismondi, a salvare Pisa dal sacc...

Vedi