Aneddoti & Curiosità

I 'Quattro Mori' di Livorno

Curiosità storiche
4_mori_Livorno

I 'Quattro Mori' di Livorno

Qual è il monumento simbolo di Livorno? Non c’è dubbio, è il gruppo scultoreo detto dei ‘Quattro Mori’ che si trova in Piazza Micheli, vicino alla vecchia darsena. Avete fatto caso che le quattro possenti figure sono sovrastate da una statua in marmo? Si tratta niente di meno che di Ferdinando de Medici, che a dire il vero, doveva essere la figura principale della composizione scultorea. In fondo è in suo onore che si decise di erigere il monumento. Ma com’è allora che i quattro nerboruti incatenati gli hanno rubato la scena?

Andiamo per ordine. Ferdinando I De Medici aveva fondato nel 1516 l’Ordine dei Cavalieri di Santo Stefano che aveva come obiettivi la salvaguardia delle fede e la lotta agli Ottomani ed ai pirati. Per celebrare i successi dell’Ordine nel 1595, allo scultore Giovanni Bandini viene commissionata una statua che raffiguri Ferdinando. Fu realizzata in marmo di Carrara ed arrivò a Livorno via mare nel 1601. Si dovette aspettare però fino al 1617 per un piedistallo e per la cerimonia di posizionamento alla quale presenziò il figlio Cosimo II.

Nel 1621 fu data incarico a Pietro Tacca di realizzare le quattro figure in bronzo che avrebbero contornato il piedistallo. Si racconta che lo scultore andasse nelle prigioni di Livorno ad osservare la fisicità dei mori che doveva rappresentare. Fatto sta che l’opera gli riuscì veramente bene ed i quattro bronzi, fusi s Firenze a Borgo Pinti e giunti a Livorno tramite l’Arno, rubarono subito la scena a Ferdinando.  Non poteva essere altrimenti visto la perfezione anatomica delle loro forme, la plasticità e la tensione emanata dalle loro posizioni, la drammaticità delle espressioni. Così ancora oggi, quella di Piazza Micheli è conosciuta come la statua dei ‘Quattro Mori’ ed effettivamente, rapiti dalle quattro figure, bisogna sforzarsi per alzare la testa ed accorgersi che lassù c’è anche Ferdinando!  

Un curiosità: si dice che ci sia un punto preciso intorno alla statua dal quale si vedono contemporaneamente i  quattro nasi dei mori. Volete provare di persona?  Perché non approfittarne per farvi un bel giro di Livorno sugli autobus del Giro Città Sali e Scendi? Non c’è modo migliorare per esplorare la meravigliosa città labronica! E se il giro non vi è bastato potete optare anche per una delle nostre imperdibili Escursioni da Livorno. Potrete scegliere destinazioni come Pisa, Firenze, Siena e San Gimgnano!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Grosseto: Gli abitanti dell'Isola del Giglio tra la Lanterna e Mergellina

Isola-del-Giglio
Curiosità storiche

A Firenze ci sono i fiorentini, a Siena i senesi, a Poggibonsi i poggibonsesi e via così. Ma è tutto davvero così semplice? Chi sono...

Vedi

Grosseto: Le meduse di Albarese

Albarese
Misteri & Leggende

La spiaggia di Alberese è una delle località più selvagge ed incontaminate del ‘Parco dell’Uccellina’. Fra le specie che frequ...

Vedi

Firenze: La ‘finocchiona’ e l’arte di ‘infinocchiare’

Finocchiona
Tradizioni popolari

Siamo sicuri che avete già sentito parlare della ‘finocchiona’ e magari l’avete anche già assaggiata: è il gustosissimo salume...

Vedi

Pistoia: La Villa di Celle a Pistoia, un sorprendente museo a cielo aperto

Villa_celle
Opere e luoghi poco noti

Pistoia è una città dalle mille sorprese ed una di queste è la Villa di Celle, a Santomato in direzione di Montale. L’antica villa...

Vedi

I post più letti

Arezzo: Guido d'Arezzo e l'invenzione della musica

Guido-d-Arezzo
Presenze illustri

A Talla e dintorni non hanno dubbi: è nato proprio nel loro piccolo paesino in provincia di Arezzo, intorno al 922 d.C., l'inventore d...

Vedi

Pistoia: Il Bacio dei Cristi a Gavinana

Il-bacio-dei-cristi
Tradizioni popolari

E' un rito molto antico ma ancora in uso. Due grandi processioni che si incontrano, davanti ad ognuna un Cristo in croce: le teste dei ...

Vedi

Siena: Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Piero-Carbonetti
Tradizioni popolari

Sovversivo, perseguitato, anarchico, clochard, sognatore: è davvero difficile definire Piero Carbonetti, toscanaccio doc e garibaldino...

Vedi

Pisa: Kinzika, la giovane donna che salvò Pisa dai Saraceni

Kinzika
Tradizioni popolari

Fu veramente lei, una giovane donna dal nome arabeggiante, Kinzica appunto, della nobile famiglia dei Sismondi, a salvare Pisa dal sacc...

Vedi