Aneddoti & Curiosità

Gorfigliano in Garfagnana: il paese dei Natalecci

Tradizioni popolari
Natalecci

Gorfigliano in Garfagnana: il paese dei Natalecci

La Garfagnana è una terra ricca di misteri e leggende e non fa eccezione nemmeno per quanto riguarda il Natale. Proprio la notte del 24 Dicembre, infatti, a Gorfigliano, un paesino nel comune di Minucciano arroccato sulle pendici del Monte Pisanino, ogni hanno si ripete una tradizione antichissima e suggestiva: i Natalecci. Cosa sono? Sono strutture cilindriche ottenute piantando a terra un tronco di legno detto ‘tempia’ attorno al quale vengono disposti, con un lavoro certosino chiamato ‘tessitura’, una gran quantità di rami di ginepro. Queste costruzioni sono davvero enormi: possono arrivare a misurare 4 metri di larghezza e ben quindici di altezza.

Volete sapere a cosa servono e perché sono così maestose ? Sono così grandi perché vengono fatte ardere proprio la notte della vigilia di Natale e le fiamme devono essere viste da lontano. Si tratta di un rituale antichissimo, che potrebbe risalire addirittura al 100 a.C. e che è arrivato fino a noi mescolando usanze pagane e simboli cristiani.

A Gorfigliano si comincia l’8 Dicembre a costruire i Natalecci e sono gli anziani a tramandare ai più giovani l’antica arte della ‘tessitura’ dei rami di ginepro. Perché proprio ginepro? Perché è una delle essenze che meglio di presta ad ardere vigorosamente. Ogni anno vengono costruiti tre Natalecci che vengono posizionati su altrettante alture dei quartieri di Bagno, Colliceto e Fenale. Il miglior punto di osservazione è sicuramente il Piazzale della Chiesa da dove lo spettacolo è veramente impareggiabile. All’accensione dei Natalecci, dopo l’Ave Maria, si scatenano fragorosi applausi ed urla di gioia dopo di che, secondo tradizione, questi devono bruciare per almeno venti minuti. Le fiamme sono così alte che sembrano toccare il cielo.

Inutile spiegarvi quanto possa essere suggestivo ed entusiasmante vedere gli enormi falò che rischiarano il buio della notte più magica dell’anno! E quando si spengono cosa succede? Spenti i fuochi sono gli animi ad accendersi. Siamo in Toscana, terra di temperamenti sanguigni: si comincia, infatti, a discutere animatamente su quale Nataleccio sia stato il migliore e sul perché qualcosa possa non aver funzionato alla perfezione. Inutile dire che le discussioni possono andare avanti fino all’anno successivo!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Siena: Sunto: la voce del Palio

sunto - Palio
Curiosità storiche

Se vi è capitato di assistere al Palio di Siena, avrete sicuramente sentito rintoccare il campanone che si trova sulla cima della Torr...

Vedi

Livorno: Stasera ci ceni ?

stasera ci ceni_1
Tradizioni popolari

‘Ci ceni?’ Potrebbe sembrare una domanda generica che, di solito, presupporrebbe almeno due precisazioni: dove e quando. Ma c’è ...

Vedi

Carrara: Dove sceglieva il marmo Michelangelo?

Marmo_Carrara_Stefano_Bianchi
Lo sapevate che...

Il marmo di Carrara è un materiale pregiato conosciuto per la sua bellezza in tutto il mondo. Anche Michelangelo se ne innamorò, non ...

Vedi

Livorno: La storia del Caciucco di Livorno

Cacciucco-livornese
Tradizioni popolari

Il cacciucco è uno dei piatti toscani più famosi. Chi non conosce la gustosa zuppa di pesce tipica di Livorno? Quello che pochi sanno...

Vedi

I post più letti

Arezzo: Guido d'Arezzo e l'invenzione della musica

Guido-d-Arezzo
Presenze illustri

A Talla e dintorni non hanno dubbi: è nato proprio nel loro piccolo paesino in provincia di Arezzo, intorno al 922 d.C., l'inventore d...

Vedi

Pistoia: Il Bacio dei Cristi a Gavinana

Il-bacio-dei-cristi
Tradizioni popolari

E' un rito molto antico ma ancora in uso. Due grandi processioni che si incontrano, davanti ad ognuna un Cristo in croce: le teste dei ...

Vedi

Siena: Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Piero-Carbonetti
Tradizioni popolari

Sovversivo, perseguitato, anarchico, clochard, sognatore: è davvero difficile definire Piero Carbonetti, toscanaccio doc e garibaldino...

Vedi

Pisa: Kinzika, la giovane donna che salvò Pisa dai Saraceni

Kinzika
Tradizioni popolari

Fu veramente lei, una giovane donna dal nome arabeggiante, Kinzica appunto, della nobile famiglia dei Sismondi, a salvare Pisa dal sacc...

Vedi