Aneddoti & Curiosità

Ghino di Tacco: il Robin Hood di Radicofani

Curiosità storiche
Ghino_di_Tacco

Ghino di Tacco: il Robin Hood di Radicofani

Anche noi in Toscana, abbiamo il nostro Robin Hood, non sarà famoso come quello della foresta di Sherwood, ma figura comunque tra i personaggi citati da Dante nella Divina Commedia! Il personaggio in questione è Ghino di Tacco, una figura intrigante ed affascinante che visse in Val D’Orcia fra il 1200 ed il 1300. Faceva parte della nobiltà ghibellina ed era quindi in contrasto con i guelfi che erano al potere a Siena. Lo zio ed il padre vengono catturati e decapitati in Piazza del Campo, per ordine di Benincasa giudice del podestà di Siena. Lui si tiene bene a mente quel nome e fugge dandosi alla macchia diventando, di fatto, un fuorilegge. In effetti non era uno stinco di santo ed era noto come bandito e brigante.

E com’è allora che è stato paragonato a Robin Hood? Ve lo racconto subito! Nel 1297, aiutato da alcuni compagni riesce a conquistare la Rocca di Radicofani. Si tratta di un avamposto davvero strategico dalla quale si può controllare praticamente tutto il traffico di merci e persone che dalla Val D’Orcia si dirige verso Roma. Cosa faceva Ghino? Cercava di informarsi prima di derubare chi passava di lì e seguiva un suo proprio ‘codice etico’: rubava soprattutto ai più facoltosi lasciando in pace poveri e studenti, ai ricchi sottraeva quanto più poteva ma lasciava il necessario per vivere ed offriva anche un banchetto. Sono queste regole che lo hanno fatto paragonare al Robin Hood d’oltre Manica.

Cosa dice di lui Dante nella Divina Commedia? Nel Purgatorio, Canto IV ai versi 13-14 si legge: ‘Quiv’era l’Aretin che da le braccia fiere di Ghin di Tacco ebbe la morte’. In questi versi il sommo poeta si riferisce all’aretino Benincasa, il giudice che ne aveva fatto decapitare il fratello ed il padre e che fu ucciso proprio da Ghino. Andò persino a cercarlo a Roma e quando lo trovò gli fece subire la stessa sorte dei suoi familiari: gli tagliò la testa e la espose alla Rocca. Se volete andare a visitare di persona i luoghi delle scorribande brigantesche di Ghino di Tacco prenotate il nostro tour privato nel Cuore della Val D’Orcia!

 

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Toscana: Ferdinando Innocenti: l’inventore della Lambretta

Lambretta
Presenze illustri

Che la Toscana sia una terra d’inventori non ci sono dubbi. Basti pensare a Leonardo da Vinci! Anche Ferdinando Innocenti è uno di q...

Vedi

Firenze: E’ nato a Firenze il Negroni!

Negroni
Lo sapevate che...

In tempi nei quali Mojito e Moscow Mule imperversano tra gli aperitivi, ci sono cocktail classici che hanno resistito imperterriti al p...

Vedi

Toscana: Mangiare a ‘ufo’.

mangiare a ufo
Modi di dire

Se andate in Toscana può anche darsi che vi capiti di mangiare a ufo.  Sapete cosa significa? Tranquilli,  gli omini verdi e...

Vedi

Lamporecchio: La storia dei brigidini di Lamporecchio.

brigidini-lamporecchio-1
Tradizioni popolari

I brigidini….che bontà, chi non li conosce? Il loro profumo dolce pervade l’aria di qualsiasi fiera o sagra di paese. Danno subito...

Vedi

I post più letti

Arezzo: Guido d'Arezzo e l'invenzione della musica

Guido-d-Arezzo
Presenze illustri

A Talla e dintorni non hanno dubbi: è nato proprio nel loro piccolo paesino in provincia di Arezzo, intorno al 922 d.C., l'inventore d...

Vedi

Pistoia: Il Bacio dei Cristi a Gavinana

Il-bacio-dei-cristi
Tradizioni popolari

E' un rito molto antico ma ancora in uso. Due grandi processioni che si incontrano, davanti ad ognuna un Cristo in croce: le teste dei ...

Vedi

Siena: Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Piero-Carbonetti
Tradizioni popolari

Sovversivo, perseguitato, anarchico, clochard, sognatore: è davvero difficile definire Piero Carbonetti, toscanaccio doc e garibaldino...

Vedi

Pisa: Kinzika, la giovane donna che salvò Pisa dai Saraceni

Kinzika
Tradizioni popolari

Fu veramente lei, una giovane donna dal nome arabeggiante, Kinzica appunto, della nobile famiglia dei Sismondi, a salvare Pisa dal sacc...

Vedi