Aneddoti & Curiosità

Fabio Picchi: da Firenze al Giappone in un piatto!

Presenze illustri
Fabio_Picchi

Fabio Picchi: da Firenze al Giappone in un piatto!

Ci sono personaggi a Firenze che sono delle vere e proprie istituzioni. L’istrionico Fabio Picchi è proprio uno di questi. Lo avrete visto in televisione con il suo modo appassionato e verace di parlare di cucina. Ma chi è Fabio Picchi? Prima di tutto è un fiorentino d.o.c, innamorato della sua città. Ma è anche il titolare del ‘Cibreo’ uno dei migliori ristoranti di Firenze. Per la cronaca il ‘Cibrèo’ è un antico piatto fiorentino fatto di frattaglie. Il giovanissimo Picchi aprì il locale nel 1979 con i soldi prestati dal padre convinto che quello sarebbe stato un buco nell’acqua! Ed invece non fu così!

La passione per i prodotti locali e genuini, per la buona cucina tradizionale ma mai scontata e l’innata dedizione al benessere del cliente hanno portato il ‘Cibrèo’ a diventare un vero e proprio punto di riferimento per la cucina e la tradizione Toscana. Come abbiamo anticipato Fabio Picchi non è solo uno chef! E’ un creativo, un curioso, è innamorato dei viaggi, dell’arte, del cinema, del teatro. Non è certo un caso che insieme alla moglie, l’attrice e autrice Maria Cassi ha fondato il Teatro del Sale: un luogo che è una vera e propria fucina di creatività. Ma Fabio Picchi non si ferma mai e così, oltre al Cibreo, ha aperto a Firenze, uno vicino all’altro, una trattoria, un caffè ed un’accademia di cucina.

L’ultimo suo progetto ci dà un’idea dell’instancabile creatività di questo personaggio. Si tratta del ‘Ciblèo’. Avete letto bene non è un errore di battitura! Con l’ironia tipica dei ‘toscanacci’ strizza l’occhio agli orientali che hanno difficoltà a pronunciare la ‘r’. Il nuovo ristorante propone infatti una cucina ‘tosco-orientale’: piatti orientali cucinati con prodotti toscani. Del resto cosa ci si poteva aspettare da uno che prima di aprire un ristorante a Tokyo ha richiesto un orto dove piantare e coltivare i suoi ingredienti! Qualche esempio di piatti: Rosticciana dell’Himalaya o gamberi con la salsa di yuzu kosho!

Vi è venuta fame e anche voglia di cucinare? Allora potrebbe essere una buona idea prenotare il nostro 'Corso di cucina toscana a Firenze con degustazione finale'. Non vi promettiamo di raggiungere i livelli di Fabio Picchi, ma intanto potrete cominciare a muovere i primi passi in cucina!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Pisa: Un castello per due: i fantasmi di Lari

Castello-Lari
Misteri & Leggende

Da sempre la Scozia viene identificata come la terra dei fantasmi. Dev’essere perché ci sono tanti castelli. Comunque, anche in Tosc...

Vedi

Firenze: Il naso del David ed il colpo di genio di Michelangelo

Naso_di_David
Curiosità storiche

Qual è uno dei simboli di Firenze? Sicuramente il maestoso David. Lo potete ammirare in versione originale alla Galleria dell’Accade...

Vedi

Firenze: La Statua della Libertà di Firenze

Statua_libertà
Curiosità storiche

Avete presente la Statua della Libertà, il simbolo americano più famoso? Sapete che a Firenze si trova un’opera molto simile? Per a...

Vedi

Siena: Com’è nato il panforte di Siena?

Panforte-Siena
Tradizioni popolari

Tutti voi conoscete la bontà del panforte e probabilmente saprete anche che è uno dei simboli di Siena. Quello che forse non conoscet...

Vedi

I post più letti

Arezzo: Guido d'Arezzo e l'invenzione della musica

Guido-d-Arezzo
Presenze illustri

A Talla e dintorni non hanno dubbi: è nato proprio nel loro piccolo paesino in provincia di Arezzo, intorno al 922 d.C., l'inventore d...

Vedi

Pistoia: Il Bacio dei Cristi a Gavinana

Il-bacio-dei-cristi
Tradizioni popolari

E' un rito molto antico ma ancora in uso. Due grandi processioni che si incontrano, davanti ad ognuna un Cristo in croce: le teste dei ...

Vedi

Siena: Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Piero-Carbonetti
Tradizioni popolari

Sovversivo, perseguitato, anarchico, clochard, sognatore: è davvero difficile definire Piero Carbonetti, toscanaccio doc e garibaldino...

Vedi

Pisa: Kinzika, la giovane donna che salvò Pisa dai Saraceni

Kinzika
Tradizioni popolari

Fu veramente lei, una giovane donna dal nome arabeggiante, Kinzica appunto, della nobile famiglia dei Sismondi, a salvare Pisa dal sacc...

Vedi