Aneddoti & Curiosità

Buontalenti e l’invenzione della gelatiera

Lo sapevate che...
Buontalenti

Buontalenti e l’invenzione della gelatiera

Bernardo Buontalenti è un personaggio tra i più interessanti del Rinascimento fiorentino: personalità eclettica, fu architetto, pittore ed anche esperto di cucina. Si narra che il versatile architetto oltre a realizzare meravigliosi palazzi, ville e giardini fosse anche un ‘mago’ nell’organizzazione di eventi come ricevimenti e banchetti. Come un moderno party-planner si occupava degli addobbi come fiaccole e ghirlande, organizzava strabilianti fuochi d’artificio e creava incredibili marchingegni che durante i banchetti facevano rimanere gli ospiti letteralmente a bocca aperta. Oltre a questo si aggirava anche per le cucine dando man forte soprattutto ai pasticceri.

Erano, infatti, famosi i suoi dolci ghiacciati che lo mettono in lista, insieme al fiorentino Ruggeri (cuoco di Caterina de Medici) ed al palermitano Procopio Coltelli per la paternità del gelato.  Se non è sicuro che sia stato proprio il Buontalenti ad inventare il gelato, di sicuro è stato lui il primo ad inventare la gelatiera, ossia un ‘aggeggio’ grazie al quale creava i suoi deliziosi sorbetti. Si trattava di un’ingegnosa macchina costituita da una scatola chiusa munita di intercapedine che fungeva da isolante.  Al suo interno un cilindro conteneva gli ingredienti freddi che si solidificavano grazie all’azione di alcune spatole. Quali erano questi ingredienti? Neve, sale, limoni, zucchero, bianco d’uovo e latte.  

Che ne direste a questo punto di cimentarvi anche voi nella produzione del gelato proprio nella città del Buonatalenti? Vi piace l’idea? Allora dovete assolutamente prenotare il nostro corso di pizza e gelato a Firenze con degustazione: potrete scoprire tante altre interessanti curiosità sulla storia del gelato e della pizza, farvi svelare i segreti per la loro realizzazione da alcuni degli artigiani più rinomati della città. Un modo diverso, divertente, rilassate e coinvolgente di vivere la ricca e vivace tradizione gastronomica toscana.

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Lucca: Chi viene a Lucca e non mangia il buccellato...

buccellato_2
Tradizioni popolari

'Chi viene a Lucca e ‘un mangia il buccellato è come se ‘un ci fosse stato': così recita un detto popolare lucchese. Ed in effett...

Vedi

Siena: Sunto: la voce del Palio

sunto - Palio
Curiosità storiche

Se vi è capitato di assistere al Palio di Siena, avrete sicuramente sentito rintoccare il campanone che si trova sulla cima della Torr...

Vedi

Livorno: Stasera ci ceni ?

stasera ci ceni_1
Tradizioni popolari

‘Ci ceni?’ Potrebbe sembrare una domanda generica che, di solito, presupporrebbe almeno due precisazioni: dove e quando. Ma c’è ...

Vedi

Carrara: Dove sceglieva il marmo Michelangelo?

Marmo_Carrara_Stefano_Bianchi
Lo sapevate che...

Il marmo di Carrara è un materiale pregiato conosciuto per la sua bellezza in tutto il mondo. Anche Michelangelo se ne innamorò, non ...

Vedi

I post più letti

Arezzo: Guido d'Arezzo e l'invenzione della musica

Guido-d-Arezzo
Presenze illustri

A Talla e dintorni non hanno dubbi: è nato proprio nel loro piccolo paesino in provincia di Arezzo, intorno al 922 d.C., l'inventore d...

Vedi

Pistoia: Il Bacio dei Cristi a Gavinana

Il-bacio-dei-cristi
Tradizioni popolari

E' un rito molto antico ma ancora in uso. Due grandi processioni che si incontrano, davanti ad ognuna un Cristo in croce: le teste dei ...

Vedi

Siena: Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Piero-Carbonetti
Tradizioni popolari

Sovversivo, perseguitato, anarchico, clochard, sognatore: è davvero difficile definire Piero Carbonetti, toscanaccio doc e garibaldino...

Vedi

Pisa: Kinzika, la giovane donna che salvò Pisa dai Saraceni

Kinzika
Tradizioni popolari

Fu veramente lei, una giovane donna dal nome arabeggiante, Kinzica appunto, della nobile famiglia dei Sismondi, a salvare Pisa dal sacc...

Vedi