Aneddoti & Curiosità

Anche a Firenze hanno il ‘braccio corto’!

Curiosità storiche
Braccio Fiorentino_2

Anche a Firenze hanno il ‘braccio corto’!

Quante volte avete sentito l’espressione ‘avere il braccino corto’? Tante vero? Allora saprete anche che significa avere una naturale repulsione nello spendere i soldi. Sì insomma, vuol dire essere tirchi. Quello che forse non sapete, però, è l’origine di questa espressione. Alcuni sostengono che si riferisca alla difficoltà, tipica degli avari, di allungare il braccio per raggiungere il portafoglio. In realtà sembra esserci anche un’altra spiegazione. Sapete dove bisogna andare a cercarla? Molti di voi avranno pensato a Genova, essendo nota la parsimonia dei suoi abitanti! Invece no… è in Toscana, proprio a Firenze che bisogna andare!

Tutto inizia nelle botteghe fiorentine e precisamente in quelle dove si vendevano le stoffe. L’unità di misura utilizzata dai merciai era il braccio del venditore. E sapete cosa facevano a volte questi furbacchioni? Utilizzavano il braccio dei garzoni che, essendo ragazzi molto giovani e non ancora cresciuti del tutto, avevano gli arti più piccoli di un adulto. La cosiddetta vendita ‘a braccio’ fatta utilizzando questo giochetto dava luogo ad animate liti tra i negozianti ed i clienti. Per risolvere questo problema fu allora stabilita una misura ‘standard’ che corrispondeva ad un po’ più di un metro e mezzo: precisamente 583,2 mm. Fu così che nacque il ‘braccio fiorentino’. Per essere sicuri che quei furbacchioni rispettassero la misura, in via De Cerchi, tra via Condotti e via Cimatori (vicino a Piazza della Signoria) fu posta una barra della giusta misura che probabilmente era di rame. Oggi è rimasta solo una scanalatura che allora doveva essere riempita, appunto, dalla barra. In caso di dispute si poteva andare all’unità di riferimento e controllare se chi aveva venduto le stoffe era stato onesto o meno.

Ma quante storie come queste si nascondono tra le strade e le piazze di Firenze? Tantissime davvero! Quasi ogni vicolo, ogni palazzo ogni chiesa ha i suoi interessanti aneddoti da raccontare. Come fare per scoprirne il più possibile? Semplicissimo! Prenotate uno dei nostri tour a Firenze: le guide che vi accompagneranno alla scoperta di questa meravigliosa città vi racconteranno tantissime stuzzicanti curiosità. Cosa aspettate a prenotare? Non avrete mica il braccino corto?

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Toscana: Senza lilleri un si lallera!

Senza_lilleri
Modi di dire

Se avete già letto qualche altre aneddoto sui modi dire toscani avrete ormai capito che nella terra di Dante non esiste un vero e prop...

Vedi

Pisa: Il fantasma di Galileo: Ghostbusters all’opera in Piazza dei Miracoli!

Fantasma_Galielo
Misteri & Leggende

Anche il grande Galileo Galilei era toscano. Di Pisa per la precisione, dove all’Università studiò medicina prima di dedicarsi alla...

Vedi

Lucca: Santa Zita ed il miracolo dei legumi

Santa-Zita
Misteri & Leggende

In Italia abbiamo un Santo che protegge chi si impegna in qualsiasi professione. Santa Zita, uno dei personaggi più amati dai lucchesi...

Vedi

Firenze: Perché a Firenze la tuta la chiamano ‘toni’?

Tuta_toni
Modi di dire

In Toscana non abbiamo un vero e proprio dialetto, ma basta spostarsi di poco per trovare modi di dire diversi da una zona all’altra....

Vedi

I post più letti

Arezzo: Guido d'Arezzo e l'invenzione della musica

Guido-d-Arezzo
Presenze illustri

A Talla e dintorni non hanno dubbi: è nato proprio nel loro piccolo paesino in provincia di Arezzo, intorno al 922 d.C., l'inventore d...

Vedi

Pistoia: Il Bacio dei Cristi a Gavinana

Il-bacio-dei-cristi
Tradizioni popolari

E' un rito molto antico ma ancora in uso. Due grandi processioni che si incontrano, davanti ad ognuna un Cristo in croce: le teste dei ...

Vedi

Siena: Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Piero-Carbonetti
Tradizioni popolari

Sovversivo, perseguitato, anarchico, clochard, sognatore: è davvero difficile definire Piero Carbonetti, toscanaccio doc e garibaldino...

Vedi

Pisa: Kinzika, la giovane donna che salvò Pisa dai Saraceni

Kinzika
Tradizioni popolari

Fu veramente lei, una giovane donna dal nome arabeggiante, Kinzica appunto, della nobile famiglia dei Sismondi, a salvare Pisa dal sacc...

Vedi