Aneddoti & Curiosità

A Pisa il Capodanno si festeggia il 25 marzo…

Curiosità storiche
Capodanno_Pisano

A Pisa il Capodanno si festeggia il 25 marzo…

La lotta dei campanili nella Toscana dei tempi che furono, passava anche attraverso i calendari. Nelle varie zone si utilizzavano, infatti, calendari con regole diverse e questo, comprensibilmente, creava non pochi disguidi. In alcuni casi la differenza non si limitava a pochi giorni, ma arrivava fino ad un anno, come nel caso della discrepanza tra il calendario pisano e quello fiorentino. Tanto per farvi un esempio: se fissavate un appuntamento per il 22 ottobre, dovevate sapere che a Firenze sarebbe stato il 1408 e a Pisa il 1409! Com’è possibile? Adesso ve lo spiego!

Il calendario che utilizziamo oggi fa iniziare l’anno nuovo con il 1° gennaio. A Pisa ed in altre zone della Toscana, invece, fino al XVIII secolo, l’anno iniziava con nove mesi di anticipo rispetto al capodanno attuale e precisamente il 25 marzo, Festa dell’Annunciazione della Vergine Maria. Ma le cose si complicavano ancora di più visto che a Firenze si utilizzava il cosiddetto calendario secondo lo ‘stile dell'Incarnazione al modo fiorentino’. Anche in questo caso, l’inizio dell’anno veniva fissato il 25 marzo, ma era posticipato di due mesi rispetto a quello del primo gennaio. Che confusione, vero? Pensate che mentre a Firenze iniziava un anno, a Pisa nello stesso giorno finiva!

Il calendario Pisano è stata abbandonato il 20 novembre del 1749 per decreto del granduca Francesco Stefano di Lorena e, fortunatamente, da quel giorno in poi, almeno per quanto riguarda lo stabilire una data, è diventato tutto più semplice! Negli anni ottanta del XX secolo, uno studioso appassionato della storia di Pisa, Paolo Gianfaldoni, ha riscoperto questa antica consuetudine che ha riportato all’attenzione scrivendo alcuni articoli sul quotidiano ‘La Nazione’ e sul periodico locale ‘La Vita Nova’. Grazie all’impegno dell’associazione ‘Amici del Ponte’, il Capodanno Pisano è tornato ad essere uno degli eventi folkloristici più attesi da tutta la città: cortei storici, momenti di allegra convivialità e tanti eventi collaterali per una giornata davvero speciale!

Dunque, siete avvertiti: se vi trovate a Pisa il 25 marzo e vi viene detto che è capodanno, non siete impazziti né voi né i pisani! Anzi, perché non approfittate di uno dei nostri tour a Pisa per andare a scoprire anche tantissime altre curiosità ed aneddoti sulla meravigliosa città della Torre pendente?

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Toscana: ‘Buco pillonzi’, tutta l’irriverenza toscana nel buffo modo di dire

Buho_Pillonzi
Modi di dire

Il toscano non è solo il dialetto nel quale si aspira la ‘c’. Anzi per dirvela tutta, a noi questa storia fritta e rifritta della ...

Vedi

Pistoia: Da dove viene il nome dell’Ospedale del Ceppo di Pistoia?

Ospedale_ceppo
Misteri & Leggende

Tra le tante bellezze che la deliziosa città di Pistoia offre ai suoi visitatori, l’Ospedale del Ceppo è sicuramente tra le più co...

Vedi

Firenze: La 'Rificolona': un buffo nome frutto dello scherzoso spirito fiorentino!

Rificolona
Tradizioni popolari

Le lanterne adesso vanno di gran moda e si usano nelle feste e nei matrimoni. A Firenze, però, sono sempre stati avanti, tant’è che...

Vedi

Firenze: Anche a Firenze hanno il ‘braccio corto’!

Braccio Fiorentino_2
Curiosità storiche

Quante volte avete sentito l’espressione ‘avere il braccino corto’? Tante vero? Allora saprete anche che significa avere una natu...

Vedi

I post più letti

Arezzo: Guido d'Arezzo e l'invenzione della musica

Guido-d-Arezzo
Presenze illustri

A Talla e dintorni non hanno dubbi: è nato proprio nel loro piccolo paesino in provincia di Arezzo, intorno al 922 d.C., l'inventore d...

Vedi

Pistoia: Il Bacio dei Cristi a Gavinana

Il-bacio-dei-cristi
Tradizioni popolari

E' un rito molto antico ma ancora in uso. Due grandi processioni che si incontrano, davanti ad ognuna un Cristo in croce: le teste dei ...

Vedi

Siena: Piero Carbonetti e il suo tamburo di latta

Piero-Carbonetti
Tradizioni popolari

Sovversivo, perseguitato, anarchico, clochard, sognatore: è davvero difficile definire Piero Carbonetti, toscanaccio doc e garibaldino...

Vedi

Pisa: Kinzika, la giovane donna che salvò Pisa dai Saraceni

Kinzika
Tradizioni popolari

Fu veramente lei, una giovane donna dal nome arabeggiante, Kinzica appunto, della nobile famiglia dei Sismondi, a salvare Pisa dal sacc...

Vedi